Cerca

Parlamento assassino

L'aula ci condanna a morte:
impiccati dalle tasse

E' stata votata la nostra condanna: ok al fiscal compact, dovremo fare ogni anno una manovra da 45 miliardi. Per ogni ritardo una multa. E nella fretta di far cassa le privatizzazioni diventeranno una farsa: saranno delle svendite
L'aula ci condanna a morte:
impiccati dalle tasse

 

"Con 368 voti - manco tanti - la Camera dei deputati ha ceduto per almeno 22 anni ogni realistica possibilità di governo dell’Italia ad Angela Merkel e ai suoi successori tedeschi. Con un maldipancia silente, ma evidente nei numeri, Pd-Pdl e Udc ieri hanno approvato definitivamente il trattato europeo sul fiscal compact che costringerà tutti i Paesi aderenti a vivere per sempre nella religione monacale del pareggio di bilancio e l’Italia anche a una maxi-manovra per arrivare in 20 anni a partire dal 2014 a un debito pubblico al 60 per cento  del Prodotto interno lordo. Entro il 2014 l’Italia dovrà raggiungere il pareggio di bilancio - e questa era l’aspirazione delle maxi manovre del 2011 con la loro pioggia di tasse. Da lì in poi dovrà mantenerlo ogni anno - salvo casi eccezionali e concordati - e in venti anni recuperare 900 miliardi di euro secondo i conti pubblici attuali", spiega Franco Bechis su Libero in edicola oggi. L'Aula ha insomma varato la nostra condanna: ogni anno l'Italia sarà costretta a varare una manovra da 45 miliardi di euro per ridurre il debito. E ogni ritardo comporterà una sanzione. Così, nella fretta di far cassa, le privatizzazioni diventeranno una farsa: saranno delle svendite.

Leggi l'approfondimento di Franco Bechis su Libero in edicola oggi, venerdì 20 luglio

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    21 Luglio 2012 - 11:11

    ci salveranno gli africani clandestini che facciamo entrare a carrettate, è risaputa la loro incredibile capacità di creare ricchezza e benessere ovunque nel mondo.

    Report

    Rispondi

  • bepper

    20 Luglio 2012 - 18:06

    Il patto di rientro fu siglato nel vertice europeo del 24 marzo 2011 da Tremonti/Silvio. La sanzione fu definita dello 0,2% del PIL ad essere precisi. il voto di ieri è solo la ratifica dell'accordo. Ora sapete con chi dovete prendervela. Tremonti riusci ad infilavi una clausola irrilevante sul debito privato. Lo fecero contento.

    Report

    Rispondi

  • olipink

    20 Luglio 2012 - 16:04

    Il Governo può anche faren nuove tasse, ma qualcuno ha pensato, che non avevndo più soldi, gli italiano finalmente non pagheranno più nulla? Paura .... ma vahia vahia vaiha. Se lo stato non incassa, entro un mese lo stato fallisce e pensate che Equitalia riesca a fronteggiare tutte le cartelle da inviare ai contribuenti che non hanno pagato? Meditare e ragionare con la propria testa, non con quella altrui [solitamente testa di cazzo]

    Report

    Rispondi

  • USReagan

    20 Luglio 2012 - 15:03

    Conosco benissimo l'ottima informazione fatta a riguardo dal Dott. Bechis. Tuttavia ribadisco che di fronte ad un tema di tale gravità si sarebbe dovuto dare più spazio al tema MES & Fiscal compact che agli -innegabili- disastri della regione Sicilia. Entrambe le tematiche sono certamente gravi e rilevanti per il Paese. Tuttavia credo che quanto ratificato ieri dal parlamento sia di una gravità inaudita! una cosa senza precedenti nella storia repubblicana!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog