Cerca

L'annuncio del CdM

Il governo taglia: via le province

Entro l'1 gennaio 2014 verranno aboliti gli enti con meno di 350mila abitanti. Poteri spartiti tra Comuni e 10 città metropolitane
Mario Monti

Via 64 province su 107, largo a 10 città metropolitane. Dopo mesi, anni di indecisione arriva il taglio. Lo ha stabilito il Consiglio dei ministri in mattinata, fissando i criteri per la sforbiciata: "I nuovi enti dovranno avere almeno 350mila abitanti ed estendersi su una superficie territoriale non inferiore ai 2.500 chilometri quadrati - si legge nel comunicato del Cdm -. Nei prossimi giorni il governo trasmetterà la deliberazione al Consiglio delle autonomie locali (Cal), istituito in ogni Regione e composto dai rappresentanti degli enti territoriali (in mancanza, la deliberazione verrà trasmessa all’organo regionale di raccordo tra Regione ed enti locali)". Saranno dieci le città metropolitane che prendono il posto delle Province soppresse, tra cui Roma, Milano, Napoli, Venezia, Firenze: la soppressione di quelle province sarà contestuale alla creazione dei nuovi enti, entro il 1° gennaio 2014. I nuovi enti, chiarisce il testo del Cdm, eserciteranno competenze in materia ambientale, trasporto e viabilità, mentre gli altri compiti esercitati dalle province passeranno ai Comuni, come stabilito dal precedente decreto ‘Salva Italia'. 

Chi si salva - Sono soltanto 43, dunque, le province destinate a sopravvivere: 26 in Regioni a statuto ordinario e 7 in Regioni a statuto speciale, oltre alle 10 province delle aree metropolitane, che verranno soppresse con la nascita delle città metropolitane entro  il 1° gennaio 2014. Incrociando i parametri fissati dal governo con i dati Istat, ecco disegnata la mappa delle nuove Province. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • thorglobal

    21 Luglio 2012 - 23:11

    Dal 2014? Dovevano essere già tolte.Anni or sono ,per chi non ha memoria,fu fatto un referendum.Se si fossero istituite le regioni,avrebbero tolto le province.Come al solito così non è stato.Anzi......Sveglia popolo dormiente-

    Report

    Rispondi

  • curcal

    21 Luglio 2012 - 16:04

    e nella fase transitoria istituire delegazioni ad esauri mento.

    Report

    Rispondi

  • glosio

    21 Luglio 2012 - 11:11

    Adesso vanno abolite le regioni, subito dopo. Non ha più senso avere province regionali e regioni. Si riparlerà di regioni o di macro-regioni quando moriranno gli stati nazionali (Le amministrazioni statalo di Roma, berlino, Parigi, Madrid, Lisbona, Atene ecc.) a favore dello Stato Unico Federale Europeo, ovvero l'Europa delle Regioni e dei Popoli. Li si riparlerà di Lombardia, Piemonte ecc.

    Report

    Rispondi

  • glosio

    21 Luglio 2012 - 11:11

    Adesso vanno abolite le regioni, subito dopo. Non ha più senso avere province regionali e regioni. Si riparlerà di regioni o di macro-regioni quando moriranno gli stati nazionali (Le amministrazioni statalo di Roma, berlino, Parigi, Madrid, Lisbona, Atene ecc.) a favore dello Stato Unico Federale Europeo, ovvero l'Europa delle Regioni e dei Popoli. Li si riparlerà di Lombardia, Piemonte ecc.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog