Cerca

Il caso

Italiani in coda per tagliare la Casta

In migliaia firmano per il referendum che eliminerebbe la diaria dei parlamentari (50 milioni l’anno)

 

Migliaia di persone in coda nei Comuni per firmare il referendum anti-casta. Una petizione, voluta da Unione Popolare, che vuole ottenere il ridimensionamento della prebenda che i nostri parlamentari si attribuiscono. E ora che mancano pochi giorni allo scadere (fissato al 26 luglio) della consegna dei moduli per la petizione sulla modifica della legge 1261 del 1965, che determina l’indennità spettante ai membri del Parlamento, gli ottomila Comuni segnano il tilt. Dal Veneto a Ustica (con 200 firme raccolte in una settimana), è partito il serpentone che tenta di dare la spallata alla Casta. Ma la legittimità di questo referendum è ancora tutta da accertare

Leggi l'articolo integrale di Cristiana Lodi su Libero di oggi, sabato 21 luglio

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquino del3mi

    24 Luglio 2012 - 17:05

    Chissa perchè nelle delegazioni non si trovano da tempo moduli per il reeferendum per tagliare La Casta?????

    Report

    Rispondi

  • decibel

    22 Luglio 2012 - 20:08

    Non capiscono che bisogna cambiare, che gli italiani vogliono cambiare questo stato di cose, il continuare da parte di questi politici non fa altro che la reazione sarà più dura da parte del popolo italiano. La casta che vuole vivere alle nostre spalle ha le ore contate, sarebbe meglio che da soli ritrovino il senno, parlano di tutto ma non di quanto ci costano questi cialtroni, boriosi, incapaci se non di averci lasciato in una situazione del genere, gente che non riesce a vedere oltre il palmo dal loro naso che però fa i propri comodi, basterebbero dei controlli incrociati, tipo quelli che fa "servizio pubblico" di tutti i posti che ricoprono i parenti e gli amici di questi farabutti per comprendere che qualcosa non va, posso capire uno, due, tre, ma quando tutti sono sistemati in certi posti la meritocrazia è solo fittizia c'è la truffa, la cosa più triste è l'indottrinamento nelle menti degli italiani che dicono che è tutto normale, "è un politico quello ha un sacco di soldi" ladri

    Report

    Rispondi

  • encol

    22 Luglio 2012 - 10:10

    Grazie Bepper infatti dove mi trovo per lavoro hanno fatto storie- E'incredibile ma è così- Non solo abbiamo qualche migliaio di deputati ladri ma pure qualche milione di impiegati dello stato stronzi. Pensa che bel paese!!!!

    Report

    Rispondi

  • moltoarrabbiato

    21 Luglio 2012 - 23:11

    ma rendiamoci conto che non succedera mai niente, cane non magia cane, si potrebbe fare invece una cosa fattibilissima, naturalmente cambiando la costituzione (ma non lo faranno mai) ridurre i deputati 3 per regione fino al massimo di 5 per quelle grandi ed i senatori 1 per regione massimo 3 per quelle grandi, abolire il presidente della repubblica tanto per quello che serve, se questo non basta allora ribelliamoci e scateniamo la guerra civile, le abbiamo le palle o no?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog