Cerca

Supporter in rivolta

I tifosi minacciano la class action. La società: "Rimborsiamo gli abbonamenti"

I tifosi si sentono traditi dalle partenze di Ibra e Silva: minacciano vie legali per riavere i soldi del tagliando. E la società, subito, dice sì

I tifosi minacciano la class action. La società: "Rimborsiamo gli abbonamenti"

Il Milan rischia di pagare molto caro gli addii di Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva. I tifosi rossoneri più fedeli, non hanno gradito affatto l'abbandono, più o meno forzato dei due fuoriclasse. I supporter si sentono presi in giro: chi ha già rinnovato l'abbonamento ricorda come la campagna promozionale fosse incentrata su Antonio Nocerino, Kevin-Prince Boateng, Massimo Ambrosini, Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva, i top player del Milan che campeggiavano davanti al Castello Sforzesco. Peccato però che i due big più big degli altri, Ibra e Thiago Silva, non ci siano più. I tifosi gridano al tradimento (prima il rinnovo di Silva, poi la cessione a campagna abbonamenti ben inoltrata), e lo slogan della campagna abbonamenti "Ac Milan is all in", suona come una presa in giro. Ma loro non ci stanno, e stanno lavorando a una class action, una causa collettiva: i tifosi si vogliono rivolgere alle associazioni dei consumatori per ottenere il rimborso degli abbonamenti, che vogliono restituire. 

Milan pronto a rimborsare - Ed ecco che, un po' a sorpresa, il Milan ha annunciato di essere disponibile a rimborsare gli abbonamenti sottoscritti da chi si ritiene insoddisfatto della campagna acquisti condotta dalla società. Lo ha sottolineato l'ad rossonero, Adriano Galliani, al Corriere della Sera: le dichiarazioni di Galliani hanno seguito le rivelazioni del quotidiano di via Solferino sulla possibile class action.

Un "Cuore Rossonero" spezzato - "È evidente che se un tifoso paga l'abbonamento allo stadio per vedere le stelle della sua squadra e queste vengono vendute ha tutto il diritto di farsi ridare i soldi": queste le parole del presidente Codacons Marco Maria Donzelli in difesa dei tifosi traditi. Intanto, è partito anche un esposto che afferma: "Affinché l'Antitrust accerti il carattere ingannevole del messaggio pubblicitario e perché venga pubblicata idonea rettifica del messaggio diffuso". Nel mirino ci finisce proprio la fotografia con Thiago Silva e Ibrahimovic: in effetti ci sono tutti gli estremi per parlare di pubblicità ingannevole.

Cambio d'immagine - Ed ecco che così per tutelarsi, nel frattempo, il sito ufficiale della società di via turati ha cambiato l'immagine di sfondo: dal quintetto Nocerino-Ambrosini-Boateng-Thiago Silva-Ibrahimovic sotto a San Siro, la foto promozionale, ora, presenta un'immagine della Curva Sud con la coreografia dei tifosi "Ac Milan - In fondo all'anima per sempre tu".

Milano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sig.nessuno

    21 Luglio 2012 - 15:03

    E' vero, gli estremi ci sono e si rischiano sanzioni per pubblicità ingannevole, per questo il Milan ha subito comunicato la disponibilità al rimborso... Mi chiedo però se il rimborso sarà totale o parziale (al netto di chissà quale cosa). Inoltre è un caso un po' delicato, può creare un precedente mica da ridere, e così facendo i tifosi avranno più potere sulle società. Cmq è un rischio che un'azienda come il Milan deve mettere in preventivo. Io piuttosto ridurrei il periodo di mercato al 15 agosto e farei partire la campagna abbonamenti al 16 agosto in modo che chi acquista abbonamenti o biglietti sappia il prodotto che acquista (al netto di sciagurati eventi ovviamente). Cmq è giusto che chi non è soddisfatto dell'acquisto, in quanto non conforme alla descrizione data dalle fonti di informazione ufficiali chieda il rimborso.

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    21 Luglio 2012 - 15:03

    Poi venne Berlusconi,e gliene siamo grati,ma,il Milan è una fede,Berlusconi è semplicemente un uomo! Se egli non è più in grado di sostenere questa fede che non è una sua are personale,nella quale celebra se stesso,deve lasciare che questa fede sia alimentata da chi non ha ipocrisie politiche da anteporgli! Capisco anche che i conti devono essere sanati,ma in principio c'era il Milan,Berlusconi è venuto dopo,e dopo di lui il Milan ci sarà ancora!Forza Milan!

    Report

    Rispondi

  • antari

    21 Luglio 2012 - 13:01

    Forse lei sbaglia: http://www.classactionitalia.com/ . Cordialmente, antari

    Report

    Rispondi

  • blu521

    21 Luglio 2012 - 13:01

    Non capisco un accidente di calcio, ma gli imbroglioni li riconosco subito. Nel caso del catramato poi, basta andare sotto il pesante cerone, e capisci che è un magliaro. La class action è ammessa in Italia, quindi cercate di riavere indietro i soldi, ma é difficile. La Procura di Milano é zeppa di toghe rosse, quindi avrete a che fare anche con i bananas. In bocca al lupo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog