Cerca

La Grecia è quasi fuori

Lunedì da incubo in Borsa
Che wurstel per Angela:
Berlino peggio di Milano

Avvertimento dei mercati: stop con la linea del rigore. Francoforte lascia il 3,18%, Milano il 2,76%. Spread a 520

Lunedì da incubo in Borsa
Che wurstel per Angela:
Berlino peggio di Milano

Dopo il venerdì nero, un lunedì ancor più drammatico. Il fim ricomincia laddove era terminato alla chiusura dei mercati di venerdì scorso: con gli occhi puntati ai listini e il fiato sospeso. Nelle prime ore del mattino lo spread è schizzato a 520 punti in Italia (chiudendo a 516 con un rendimento al 6,33%), in Spagna a 630 (ha chiuso a 625, ai massimi storici, con rendimenti al 7,49%). Altissima la tensione e ovvie le ricadute anche in Borsa, dove le vendite si concentravano sui bancari. In mattinata la flessione dell'indice milanese era arrivata anche a 5 punti percentuali. Nel pomeriggio un lieve recupero: intorno alle 14.30 il paniere principale Ftse MIb perdeva il 3,55%, mentre il complessivo All Share il 3,49 per cento. Poi, nella chiusura delle contrattazioni, un colpo di reni: la Borsa è riuscita a chiudere una giornata di passione sopra i minimi di seduta: l'indice Ftse Mib ha lasciato il 2,76%, mentre l'All Share il 2,92 per cento. Una perdita pesante, ma comunque contenuta rispetto ai crolli di giornata. Ma soprattutto una perdita inferiore rispetto a quella registrata dalla Borsa di Francoforte, peggiore tra le big europee, che ha lasciato il 3,18%: un avvertimento dei mercati alla cancelliera del rigore, Angela Merkel. La linea intransigente di Frau Angela - criticata anche da Monti impegnato in Russia - ha spinto il Vecchio Continente a un passo dal precipizio, e a pagarne dazio sarebbe anche Berlino: le vendite hanno cominciato a puntare Francoforte. La Germania sta infatti spingendo per la Grecia fuori dall'euro (ve ne diamo conto nel resto dell'articolo), e soprattutto tiene bloccato il meccanismo salva-spread: il suo funzionamento è appeso alla decisione della Consulta tedesca, che si pronuncerà il 12 settembre. Un'eternità per i mercati, che lanciano un avvertimento al cuore del sistema europeo, proprio a Berlino. 

Le Borse in profondo rosso - La giornata in Borsa è stata negativa per tutti i listini europei, che sono riusciti comunque a guadagnare terreno nelle battute finali  con l'eccezione di Atene, che ha lasciato l'8,10 per cento sulle voci che danno la Grecia ormai fuori dall'Europa. La peggiore tra le big europee, a giochi fatti, come detto è stata Francoforte, con un calo del 3,18 per cento. Madrid ha lasciato l'1,10%, Londra il 2,14% e Parigi ilò 2,62 per cento. Anche l'euro, la moneta unica sull'orlo del baratro, pagava pesante dazio: dopo essere sprofondato sotto 1,21 dollari, risaliva fino a 1,2105 dollari. 

Germania all'attacco - Sui mercati come macigni le parole del vicecancelliere tedescho Philipp Roesler che, al Der Spiegel, ha spiegato che la Grecia rischia di uscire dall'euro: "Il suo addio alla moneta unica sarebbe sostenibile", ha spiegato. La Germania, infatti, accusa Atene di essere inadempiente e il Fondo monetario internazionale, secondo quanto riporta Der Spiegel, sarebbe pronto a bloccare gli aiuti. Il vicecancelliere tedesco, il liberale Philipp Roesler ha precisato: "Da tempo penso che non sarebbe più un dramma l'uscita della Grecia dall'euro". Che ha aggiunto: per me l'uscita dalla Grecia dalla moneta unica da tempo non è più un incubo terrorizzante. Se la Grecia non rispetta più i doveri degli impegni assunti con i creditori, allora non riceverà nuovi pagamenti". Secondo il quotidiano tedesco, la Grecia potrebbe fallire a settembre. La notizia della chiusura dei rubinetti europei per gli aiuti tedeschi, non è stata ancora smentita dal commissario europeo agli Affari economici Olli Rehn. "Non sappiamo da dove vengano queste informazioni, non facciamo commenti". In Spagna, la regione autonoma spagnola della Murcia ha presentato ufficialmente la sua richiesta di salvataggio al governo spagnolo. 

La difesa della Bce La Bce ha rifiutato di accettare i titoli greci come collaterale a garanzia di finanziamenti alle banche. Sicuramente l'intervento del vice della Merkel contribuisce a spingere la Grecia fuori dall'Europa ed allarga la fossa che molti stanno scavando per l'euro. Come scrive Repubblica il problema è che l'Unione monetaria è arrivata alla battaglia finale e la possibilità che possa perdere per strada pezzi minori come la Grecia sembra quasi secondaria rispetto al rischio di un naufragio collettivo che incombe su tutte le capitali. L'ultimo strenuo difensore dell'euro è rimasta la Banca centrale europea con la lapidaria affermazione di Mario Draghi: l'euro è irreversibile. Tuttavia il presidente della Banca centrale europea deve fare i conti con forti resistenze: prima tra tutti quella tedesca. Lo stesso Roesler, dopo le affermazioni del presidente della Bce, si è scagliato contro ogni ipotesi di acquisto di titoli spagnoli da parte della Banca centrale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 654321

    24 Luglio 2012 - 10:10

    Compagno , c' e' una bella differenza da 50 a 10 o no? Comunque compagno matematico, non leggi bene i postati, o hai gli occhiali fatti male, io personalmente non sostengo il Monti ne chi lo protegge, quindi semmai caro postante il problema e' tuo e di tutti quelli come te! Altra cosa che guarda caso ti e' sfuggita, alle scorse votazioni avete cantato vittoria! Come mai? Forse non hai capito che la tua vittoria, e' stata determinata dalle pecore come te che votano i sostenitori del boia, dall' altra parte e' prevalsa la ribellione, il tutto vi ha fatto gioire! Allora se pensi bene la figura di cacca non riguarda me, semmai e' la tua certificata nel e nei postati! Compagno beato te che ancora non vuoi capire che i tuoi vogliono solo il tuo voto per arricchirsi, se poi io difendo il tuo odiato, e' perche' giocate sporco,con l'inganno imbroglio e i colpi di stato, l'intrusione sovietica! Diverso poi il consenso al sostegno! Pinux,leggi bene i postati e sii libero non una pecora!

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    23 Luglio 2012 - 22:10

    Se cade l'euro che fine farà il boom delle esportazioni tedesche? Con il marco "forte" non esporterebbero più uno spillo... PS 654321 "mezzo secolo di danni"? E chi ha governato in questi ultimi dieci anni?...Poi te la prendi tanto con Monti, ma mi pare che lo appoggiate anche VOI, o mi sbaglio? Allora vedi di scrivere meno stronzate che ci fai più bella figura...

    Report

    Rispondi

  • 654321

    23 Luglio 2012 - 19:07

    Un saluto,oggi Monti ha scaricato le colpe suinTedeschi ecc..ecc.., duro colpo per i caconi indottrinati compagni postanti, che diranno ora? Vermi imbroglioni sovietici, vogliono vincere senza le votazioni! Il golpe, e ora? Li hanno sedotti und abbandonati, e' rimasto loro solo un bruciore intenso nelle parti basse! Penso che la Preparazione H diventera' introvabile! che schifo, aver versato il sangue per il nulla! Ma dobbiamo essere orgogliosi di essere liberi,solo noi liberi sappiamo che non va nulla di quello prospettato! Loro pecore, sono convinte invece del contrario e gioiscono di essersi tolti il male di torno, poveri mal pensanti, dovranno patire le pene dell' inferno, purtroppo anche noi per le lorombravate! Mezzo secolo di danni, ma quello di ora se lo ricorderanno credimi , pagheranno sulla loro pelle il Golpe, dovranno vergognarsi di andarebin giro! Ma se e' come dalle mie parti, rinnegheranno al primomintoppo dimessere compagni! Vergogna, vergogna! Ma Boia chi molla!,

    Report

    Rispondi

  • 654321

    23 Luglio 2012 - 19:07

    Un saluto,carissimo ma quanto sapone stai consumando per lavar la testa all' asino! Tutti i postanti compagnoni sono programmati per incolpare gli altri sino al 4000 d.C ! Te capisci che tutto questo e' stato voluto da chi non poteva vincere democraticamente alle urne? Cosi, tutti felici a buco ritto, parlano del bunga bunga si sono scandalizzati, hanno sbavato odio e invidia, ed ancora lo fanno! Ora che ilmMonti ha inchiappettato 60 milioni di Italiani tutti zitti! Hai mai sentito il Bersani dire della fine del mese? Ipocrita capo del branco di pecore,rovina dell,Italia complice del branco di ottusi che hanno creduto in lui, e il re George che non vede , non sente e non parla! Cosa e' da lavar la testa all' asino carissimo Dux, dove sono le nostre speranze con questi rinnegatori in giro? Leggi i postati e comprati un reggi palle perche' altrimenti ti cascano! Del futuro non v' e' certezza sino a quando queste menti voteranno! Saluti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog