Cerca

Scontro sulle consultazioni

La fronda del Pdl va in piazza
Ma il Cavaliere tira dritto

Raccolta firme e corteo: gli aennini cercano di rispolverare le primarie. Ma Berlusconi è irremovibile: "Non servono a nulla"

Silvio Berlusconi

di Salvatore Dama

Quanto movimento nel Pdl: è la settimana, questa, in cui un po’ tutti scendono in piazza per rivendicare le proprie richieste. Gli ex Alleanza nazionale battono un colpo. Ma lo fanno, come da tradizione, separati in due cordate. E anche nel mondo azzurro si muove qualcosa. Anche se Diego Volpe Pasini non può essere etichettato come ex forzista, l’autoreferenziale «guru» amico di Vittorio Sgarbi fa di tutto per inserirsi nel dibattito e organizza per venerdì un romantic day: «Sognando Forza Italia», con la benedizione del Cavaliere, dice lui.  

In casa post-missina si muovono Andrea Augello e Barbara Saltamartini, vicini a Gianni Alemanno. I due hanno raccolto le firme di 28 parlamentari su un documento che chiede: lo svolgimento delle primarie di partito; una riforma della legge elettorale che preveda le preferenze;  una politica più inclusiva che allarghi la coalizione il più possibile (anche al terzo polo); il no a «spacchettamenti» del Pdl in più partiti. I promotori presentano l’iniziativa come trasversale e non come una roba di ex An e basta. E in effetti il documento reca anche le firme dei parlamentari di Coesione nazionale, Dc e Forza Italia. Così accanto agli «indigeni» (Allegrini, Augello, Benedetti Valentini, Bevilacqua, Castro Coronella, Cursi, De Eccher, Tofani, Biava, De Angelis, Dima, Frassinetti, Landolfi, Leo, Mantovano, Murgia, Saltamartini), figurano gli «stranieri»  Cutrufo, Orsi, Saia, Sarro, Viespoli, De Camillis, Di Caterina,  Crosetto. Quest’ultimo spiega:  «Condivido il senso del documento e per questo l’ho firmato, ma non mi iscrivo a nessuna corrente, per carità». 

La prima reazione è polemica ed è sempre made in Via della Scrofa. Fabio Rampelli, promotore la scorsa settimana di «Notte di mezza estate», momento di riflessione con la classe dirigente del partito, invita i colleghi a occuparsi  di altri argomenti più sentiti dalla gente: «Ogni mobilitazione che chieda partecipazione, primarie e preferenze è un fatto positivo, ma è altrettanto utile riflettere suoi temi che convolgono i cittadini: euro, tasse, evasione, criminalità» e via dicendo. 

È vero che anche un’altra parte di An scenderà in piazza nel fine settimana, anch’essa per chiedere nuove regole di voto che contemplino le preferenze. Sono quelli di Ignazio La Russa e Giorgia Meloni. E nella settimana di agitazione si infila anche Volpe Pasini, che giovedì sarà in piazza San Babila per dire no alle primarie del Pdl. 

Berlusconi? Rimane pressoché indifferente a tutta queste iniziative. Sulle primarie darà una delusione ad Alemanno e compagnia: servivano per dare una legittimità popolare alla candidatura di Angelino Alfano, «adesso che mi candidido io, sono inutili». Ci sarà «una grande manifestazione nazionale» per rilanciare il partito (e il suo nuovo nome) ma non saranno le elezioni primarie, come spera una parte ex aennina. Oltretutto se si accelera sul voto anticipato «non ci sarebbe neanche il tempo materiale» per farle. Anche se Silvio rimane scettico sull’ipotesi che si vada alle urne in autunno: «Se non viene cambiata la legge elettorale Napolitano non scioglie le Camere» e le possibilità che il porcellum vada in pensione sono poche. A causa del «doppio gioco» di Pd e Udc, che vogliono tenersi quel sistema perché li favorisce. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beatles14

    25 Luglio 2012 - 01:01

    Allora sono come la sua "ennesima discesa in campo", cosa si aspetta? Che gli crediamo ancora? E' ormai solo patetico. Forse facendosi veramente da parte anzi sparendo, salvava almeno il partito come ha fatto Maroni con l'ormai impresentabile Bossi. Invece vuole essere ancora lui a fare...cosa? Con che voti? Che tristezza e che schifo.

    Report

    Rispondi

  • abbassoiservisciocchi

    24 Luglio 2012 - 19:07

    quel branco di VENDUTI devono sparire dalla politica! Un branco di buoni a nulla capaci solo a vendersi al miglior offerente.... che gente schifosa!!

    Report

    Rispondi

  • mab

    24 Luglio 2012 - 18:06

    Exctracomunitari,zingari,romeni centuplicati, tasse ai massimi livelli, porcate fiscali di Tremonti a non finire ecc....ecc...... Sicuramente meglio il formaggiaio di quartiere del PD, però chi è di destra sarà molto,molto smarrito, ma difficilmente voterà ancora chi ha raccontato un sacco di stupidaggini sui programmi di governo.

    Report

    Rispondi

  • 654321

    24 Luglio 2012 - 18:06

    Pesciottello fuor d'acqua, narraci invece il tuo di sogno..l,unione tra gay? Dicci, dai dicci chi sogni, il Niki, la Rosy, Franceschini, il mortadellone, Fassino,o il baffino? Chi di loro ti ha pasturato per abboccare? Onnipresente pescione, ti hanno proprio lavato il cervellotto ma in che acqua? Boccheggi sempre le solite pesciate,ma che mangime mangi? Pane e volpe? Chi del tuo sogno il salvatore dell'immagine, stai attento alla risposta, perche' gia' ti sei sbilanciato sul Monti, ed il risultato e ' sotto gli occhi di tutti, meno che a voi coglioni del golpe e del passo indietro .0ra ci sara' semmai chi ti passera dietro, stai attento alle melette pesciottello!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog