Cerca

Nuovi scenari

Ecco l'esercitazione delle banche:
si preparano all'addio all'euro

Ecco l'esercitazione delle banche:
si preparano all'addio all'euro

 

"Due settimane fa una grande banca internazionale (sede legale a Londra) ha riunito a Milano i suoi dipendenti e dirigenti e ha fatto quella che nelle scuole italiane viene chiamata l’ “esercitazione-terremoto”. In questo caso la scossa che veniva prevista non era quella che ha devastato l’Emilia, ma quella che sta mandando al tappeto i mercati in Europa. Il tema posto è stato: simuliamo il primo week end di uscita dell’Italia dall’euro. Non filosofia, ma chiusura immediata degli sportelli e congelamento di tutti i conti correnti dal venerdì al lunedì mattina. Conversione immediata di attività e passività secondo i criteri di un decreto legge del governo, e calcolo di tutti i rapporti che invece debbono restare in euro", racconta Franco Bechis su Libero in edicola oggi. Un'esercitazione insomma, una spia su una possibile verità: l'euro potrebbe morire. A quel punto ci sarebbero due strade: la doppia moneta unica (di serie A e di serie B), oppure un ritorno alla lira e alle altre valute nazionali. Che cosa succederebbe ai risparmi degli italiani? Non lo sanno nemmeno gli esperti, in verità. Di certezza ce n'è una soltanto: il bene rifugio, al momento, è il franco svizzero: molti gestori di fondi stanno cambiando il proprio portafoglio inserendo almeno il 20% di titoli e obbligazioni denominati in quella valuta. Incerto, infine, il futuro dei titoli di Stato.

Leggi l'approfondimento di Franco Bechis su Libero in edicola oggi, giovedì 26 luglio

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    26 Luglio 2012 - 19:07

    Prodi ha sbagliato il cambio?Ma allora tu non hai capito un cazzo di cosa è successo.Prodi ha venduto il tuo culo,insieme a quello di tutti gli italiani,imbecille,ancora non l'hai capito?

    Report

    Rispondi

  • bepper

    26 Luglio 2012 - 18:06

    Non volevo fare un trattato di politica monetarista,la sintesi era obbligata e non ho approfondito specialisticamente. Che io non conosca il significato di quello che scrivo è un'osservazione gratuita, piuttosto non hai capito la mia osservazione. L'Argentina dopo il 2001 si è trovata a fronteggiare un debito crescente in dollari con Peso sempre più svalutato ma moneta corrente nel paese. Era un'analogia con lo scenario di un ritorno alla lira, non avendo altri esempi storici. Il cambio lira euro non c'entra niente poichè la lira non e più in corso. Per quanto riguarda Galloni sono in gran parte d'accordo con la sua analisi. I Chicago Boys,Friedman, Knight, Stigler, ed altri non ho tempo per approfondire, hanno creato le premesse di un'economia basata sulle bolle con la teoria delle rational expectation ed altre panzane. Infuriati quando vale la pena.

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    26 Luglio 2012 - 17:05

    E tu naturalmente da bravo berluschino IGNORANTE credi che la colpa sia di Prodi che ha "sbagliato" il cambio...Voi ve le bevete proprio tutte le panzane di Silvio, dato che di economia non capite una beata mazza...

    Report

    Rispondi

  • Angela70

    26 Luglio 2012 - 17:05

    condivido che la Gente inizi a bastonare i politici che pensano solo a se stessi, ed a cacciari! Ci sara' mai un partito con facce nuove?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog