Cerca

Trattativa Stato-mafia

Il Csm lo accontenta
Ingroia in Guatemala

Dopo un'iniziale spaccatura sì dei magistrati al trasferimento del pm

Il Csm lo accontenta 
Ingroia in Guatemala

Dopo la spaccatura il Csm ha dato il via libera al collocamento fuori ruolo del procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia, che per un anno andrà in Guatemala come incaricato dall’Onu nella lotta al narcotraffico. 

L'opposizione - La delibera proposta dalla Terza Commissione - che a sua volta si era spaccata sull'opportunità per Ingroia di lasciare l'Italia e quindi alcune delicate inchieste da lui avviate come quella sulla trattativa Stato-mafia - è stata approvata dal Plenum a maggioranza: due gli astenuti, il pg e il presidente di Cassazione, quattro i voti contrari, quelli di Ettore Albertoni (laico della Lega), di Antonello Racanelli (Magistratura Indipendente), Nicolò Zanon (Pdl) e di Paolo Auriemma (Unicost). "Ingroia lascia dopo aver dato la stura ad uno dei più difficili contrasti istituzionali della storia repubblicana e aver richiesto rinvio a giudizio per un’inchiesta che non ha precedenti peri temi che affronta - ha rilevato Zanon, spiegando il suo voto contrario - preferirei che un pm, anzichè partire, restasse e affrontasse il dibattimento per vedere quanto resterà in piedi del suo impianto".

Questione di opportunità - Paolo Auriemma, inoltre, ha spiegato il suo voto contrario legandolo proprio al "concetto di responsabilità che grava su un procuratore aggiunto: quando si raggiungono obiettivi tali con un processo di enorme importanza, il magistrato ha il dovere di continuare a seguirlo".   Sulla stessa linea il togato di Mi Racanelli: "Non è opportuno che Ingroia lasci il lavoro che sta facendo a Palermo", ha detto, esprimendo il timore che "gli entusiasmi espressi per questo incarico siano ipocriti: si pensa forse 'se ne va e ce lo togliamo di tornò. Per questo esprimo ai pm di Palermo, e allo stesso Ingroia, la mia solidarietà, perchè sono sorpreso anche dell’atteggiamento dell’Anm, la cui posizione non è stata netta nel difendere quei magistrati dagli attacchi subiti anche da altri colleghi. Rinnovo anche la mia fiducia al presidente della Repubblica, che anche ha subito inaccettabili attacchi e attendo la decisione della Consulta, ma come pm io mi sarei comportato come i colleghi di Palermo".

La difesa - Il laico della Lega Albertoni ha ribadito "il dato di crisi spaventosa che viene fuori dall’indagine sulla trattativa da un punto di vista etico e politico". Tra i consiglieri, c'è anche chi difende Ingroia, come il togato di Area, Vittorio Borraccetti: "Contro di lui sento parole ingiuste e ingenerose. E' un magistrato esperto di narcotraffico ed è logico che sia stato scelto dall’Onu per l'incarico in Guatemala. Qui ha contrastato la mafia sotto l'aspetto delle collusioni con la politica, cosa che non è stata fatta a sufficienza da altri. Nessuno è insostituibile. Il processo sulla trattativa non è messo a rischio dall’assenza di Ingroia".   Il presidente della Terza Commissione, Alberto Liguori (Unicost), relatore della delibera, ha ribadito la correttezza dell’iter seguito, ricordando che la "rapidità" delle pratiche sulle richieste per incarichi internazionali è sempre stata applicata.   Il consigliere Francesco Vigorito (Area), ha rilevato come "questa vicenda non ha gran che di particolare, ma alcuni cercano di riservare un trattamento speciale a Ingroia, con un atteggiamento pregiudizievolmente contrario". I due laici del Pdl, Annibale Marini e Filiberto Palumbo, che in Commissione si erano astenuti dal votare la delibera, oggi hanno espresso voto favorevole. "Questa richiesta proviene dall’Onu - ha sottolineato Marini - e ciò mi induce a esprimermi a favore".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilrobertino

    27 Luglio 2012 - 12:12

    ogni tanto una buona notizia. che ci vada e che ci resti. un trinariciuto in meno.

    Report

    Rispondi

  • doblone

    27 Luglio 2012 - 09:09

    fà molto bene,in italia i martiri vengono dimenticati,è bene che se ne vado lui prima che qualcun altro lo faccia andare.....vedi Falcone e Borsellino.

    Report

    Rispondi

  • bersa56

    27 Luglio 2012 - 06:06

    Peccato; cosa ci và a fare in Guatemala??? Per il traffico di droga!!! Vorrei far notare ad Ingroia che il posto giusto per la lotta alla droga è il Messico. In Messico un paladino della "legalità" come Ingroia poteva farsi valere,ma in Guatemala cosa ci va a fare se non a vedere come si muove di fame

    Report

    Rispondi

  • PACCHE

    26 Luglio 2012 - 23:11

    Ma se era davvero così indispensabile per le inchieste contro la mafia in Italia, come mai, il CSM, gli ha dato il via libera all'unanimità anzichè trattenerlo? Non vorrei che tutti questi anni di indagine siano state, alla fine, solo un polverone inutile e con questa soluzione gli hanno risparmiato una grande e brutta figura di cacca.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog