Cerca

La "grana" non manca

Ecco i Paperoni d'Europa:
leggi la top-ten dei ricchi

Ferrero, quinto, è il primo degli italiani. Del Vecchio in settima piazza. Guarda tutti dall'alto lo spagnolo che controlla Inditex

Per mister Nutella un patrimonio di 13,3 miliardi, per il "signore degli occhiali" 11 miliardi
Michele Ferrero

Tra i Paperoni dell'Europa in crisi ci sono due italiani. E a guidare la graduatoria dei ricchi sfondati c'è uno spagnolo, quasi a "riscattare" l'aria viziata che, causa crisi, si respira sul cielo di Madrid. Ma torniamo al Belpaese e ai due imprenditori ai quali, per usare parole spicce, la "grana" non manca. I nomi sono noti, nelle graduatorie della ricchezza ritornano sempre: si tratta di Michele Ferrero, il signor Nutella che si piazza al quinto posto (con un patrimonio stimato di circa 13,3 miliardi di euro, l'uomo più ricco dello Stivale), e di Leonardo Del Vecchio, mister Luxottica, con un gruzzoletto di 11 miliardi di euro, al settimo posto dei magnati continentali. Come detto a guardare tutto dall'alto è l'iberico Amacio Ortega Gaona, padre e padrone del gruppo Inditex, che per chi non lo sapesse è la casa madre di Zara (lo spagnolo dispone di un patrimonio netto di 32,5 miliardi di euro: come lui in Europa non c'è nessuno, mentre al mondo sono soltanto quattro le persone più ricche di lui).

Germania seconda - Spulciando la graduatoria, si scopre che la teutonica locomotiva si deve accontentare dell'argento: il tedesco più ricco si posiziona al terzo posto. Si tratta di Karl Hans Albrecht, che insieme al fratello Theo controlla la catena di supermarket Aldi: patrimonio di 21 miliardi di euro. Terzo gradino del podio per una donna francese, la celeberrima Liliane Bettencourt, l'unica ereditiera diretta del fondatore di L'Oreal, con una tesoro che supera i 19 miliardi di euro (la signora Bettencourt, per inciso, si trova al centro dell'attenzione mediatica d'oltralpe per le cause di interdizione da parte della figlia per i suoi "eccessi di generosità" nei confronti di uno stretto collaboratore).

I fratellini - Cucchiaio di legno per un altro francese, Bernard Arnoult, che grazie al controllo del gruppo super-lusso Lvmh dispone di circa 19 miliardi di euro. Quindi il già citato Ferrero, seguito da un altro "galletto", Francois Pinault, anche lui un "giocatore del lusso", che grazie a Ppr può puntare fino a 11,5 miliardi di euro. E ancora Del Vecchio (ma di lui abbiamo già detto), e ancora un francese, Serge Dassault, 9,3 miliardi di euro, titolare dell'omonimo gurppo aeronautico. chiudono la top ten due fratellini tedeschi, Berthold e Theo Albrecht, figli del cofondatore di Aldi, che secondo la classifica stilata da Cnbc dispongono di 9 miliardi (a testa).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    01 Agosto 2012 - 11:11

    Tutto scudato all'estero? Antigua? NO: moderna. Chi ha azioni Mediaset pianga.

    Report

    Rispondi

  • tunnel

    28 Luglio 2012 - 11:11

    Se li guardi in faccia,ti rendi subito conto che personaggi virtuosi e onesti sono.

    Report

    Rispondi

blog