Cerca

L'allarme Istat

Disoccupazione da record nel 2012: un italiano su dieci senza lavoro

Tasso di disoccupazione al 10,8%, +2,7 rispetto al 2011. In 2,7 milioni senza impiego. E gli inattivi sono il 36 per cento

 

A giugno il tasso di disoccupazione si attesta al 10,8%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto a maggio e di 2,7 punti rispetto all’anno precedente. Lo rende noto l’Istat in un comunicato precisando che il numero dei disoccupati si attesa a 2,792 milioni. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero l'incidenza dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, è pari al 34,3%, in calo di 1 punto percentuale rispetto a maggio. I giovani disoccupati rappresentano il 10,1% della popolazione di questa fascia di età. Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni diminuiscono dello 0,4% (-52mila unità) rispetto al mese precedente. Il tasso di inattività si posiziona al 36,1%, con una flessione di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e di 1,8 punti su base annua.

Stabile nell'Eurozona - La disoccupazione nell’Eurozona è rimasta invece stabile a giugno rispetto al mese di maggio mantenendosi all’11,2%, ma si conferma in netta crescita su base annua rispetto al 10% registrato nel giugno 2011, segnala oggi Eurostat. Il tasso di disoccupazione in Italia resta sotto la media dell'Eurozona ma è in crescita dal 10,6% di maggio al 10,8% registrato a giugno. I dati italiani sono da considerarsi provvisori poiché il nostro Paese, si legge nella nota Eurostat, applica un metodo sulla produzione dei dati sulla disoccupazione mensile basato esclusivamente sull'analisi della forza lavoro.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    02 Agosto 2012 - 08:08

    Ringraziamo il Monti pensiero e chi lo ha sin quì sostenuto. Poteva imitare il Giappone (lo ha fatto due volte con successo)coinvolgere lo stato nelle aziende fino alla stabilità dei mercati scongiurando così la miseria (questa si chiama miseria non crisi). A lavoro ultimato lo stato se ne esce lasciando libertà di gestione al privato. Era tanto complicato?

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    01 Agosto 2012 - 01:01

    ci servono immigrati

    Report

    Rispondi

  • allianz

    31 Luglio 2012 - 13:01

    Temo che queste statistiche sono identiche a quelle di 30 fa,in cui si diceva che i disoccupati erano e sono restati per 3 decenni a quota 2.500.000.Adesso,con crisi imperante dicono che uno su dieci non lavora.I soliti trucchi alla Andreotti o i disoccupati hanno superato la forza lavoro di gran lunga?

    Report

    Rispondi

blog