Cerca

Gli intenti del Pd

Prime mosse di Bersani al governo: "Nozze gay e immigrati"

Il segretario avverte: "Siamo alternativi alle destre, non a Monti. Puntiamo al 2013, ma siamo pronti ad ogni evenienza"

Pierluigi Bersani

 

Il programma del Pd se andrà al governo: riconoscimento giuridico alle coppie gay e diritti ai figli degli immigrati. I temi civili sono forse gli unici chiari, finora e solo in parte, delle future mosse annunciate dal segretario Pierluigi Bersani. La Carta d'intenti 2013 presentata dal leader, infatti, non scioglie i dubbi sulle prospettive della coalizione: quali saranno gli alleati, quali le linee guida in chiave economica, quali le posizioni sulle riforme varate da Monti ma odiate dalla sinistra più dura? Nessuna risposta.


Via con la patrimoniale - "Siamo alternativi alle destre, non a Monti", annuncia Bersani, ma la fiducia non è illimitata: "Il Pd è pronto ad ogni evenienza. Ci vogliamo dare e tenere il nostro passo". Il traguardo, dunque è "la conclusione naturale della legislatura avviando un percorso", ma le parole di Napolitano e Monti sulle elezioni anticipate da scongiurare risuonano ancora minacciose, a mo' di monito non proprio gradito dai democratici. Bersani si gioca la carta europea, "noi non siamo l'avventura ma la solidità della scelta europea", eppure molti si attendono una rottura con le politiche filo-Ue di Monti, decisamente pesanti. Non parla di lavoro e pensioni, argomenti tabù soprattutto per i possibili alleati Vendola e Di Pietro, ma sul fisco si sbilancia: "Occorre un ridisegno profondo del sistema fiscale" per alleggerire la pressione sul mondo del lavoro e bisogna "caricare su grandi patrimoni e rendite o non riusciremo mai a ridurre su imprese e lavoro".

Diritti civili - Meno nebulosi i progetti sui diritti civili. Se il Pd andrà al governo, darà "sostanza normativa al principio, riconosciuto dalla Corte Costituzionale, per il quale una coppia omosessuale ha diritto a vivere la propria unione ottenendone il riconoscimento giuridico". E ancora, "la prima norma che faremo quando progressisti e moderati saranno al governo è per i figli degli immigrati che vanno a scuola".

Con quali alleati? - Impossibile ancora capire con chi il Pd farà tutto questo. Casini? Vendola e Di Pietro? "Siamo qui per cominciare un percorso, un cammino - si limita a chiosare Bersani -. Da oggi apriamo un confronto nella vasta area dei demogratici e progressisti, con i protagonisti politici ma anche sociali, gli amministratori, personalità e autorità morali, intellettuali". Il solito minestrone, insomma, il cantiere perenne della sinistra. "Con questa carta vogliamo chiarire i punti di fondo dell’impostazione culturale e politica che deve reggere un programma", poi "toccherà al candidato di governo dei  progressisti proporre il programma di governo". In pratica, Pierluigi sembra passarsi la patata bollente a fine anno, quando le primarie (farsa?) del Pd lo dovrebbero incoronare candidato premier sempre che la situazione non precipiti e si opti per una grande coalizione. Nell'attesa, sempre meglio non mollare i possibili amici: "Domani (mercoledì, ndr) avrò un incontro con Vendola, giovedì con i rappresentanti del Terzo settore e così di giorno in giorno". E sempre un po' navigando a vista.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alygian

    07 Agosto 2012 - 00:12

    Non credo che Bersani abbia un futuro,e non per colpa dei suoi programmi che certo non porterà avanti.E' solo un paravento,un prestanome

    Report

    Rispondi

  • Barbadifrate

    03 Agosto 2012 - 19:07

    è iniziato con il trattato di Schengen. Via le frontiere, avanti c'è posto per tutti e non solo i volonterosi per lavorare, ma sopratutto per i malintenzionati. Questo, secondo me, è stato l'inizio della nostra rovina. Ora con queste teste calde che ci vogliono "governare" succhiandoci il sangue, sarà meglio che ci si svegli e tutti insieme li mandassimo al diavolo. Altro che dargli il voto!

    Report

    Rispondi

  • aldogam

    01 Agosto 2012 - 09:09

    Dobbiamo capire Bersani, quali altri argomenti potrebbe affrontare' L'economia reale? La finanza? La politica finora attuata da Monti gli sta benissimo, è perfettamente coerente con quella di un governo bolscevico: distruggere i patrimoni, cancellare il ceto medio e appiattire tutti a livello di mera sopravvivenza, salvo, ovviamente l'oligarchia al potere, che Bersani % C. si guardano bene dal voler ridimensionare per numero e costi. Ancora tre o quattro mesi e l'Italia, distrutta, sarà pronta per loro.

    Report

    Rispondi

  • gustavodatri

    01 Agosto 2012 - 08:08

    Mi avete preso per il culo da 70 anni,avete sistemato tutti i vostri portaborse(gente che non vale una cicca)nei posti migliori.Mi dite cosa volete dai gay e dagli immigrati,forse i voti per rimanere a galla, ma a galla nel cesso ci rimangoni solo gli s....Vergogante in momenti così tragici per noi pensionati lottare tutti i giorni col pranzo e la cena è una scommessa e voi che fate pensate ai gay e gli immigrati.Poveri voi.Avo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog