Cerca

Il declino

Paul McCartney stecca Fan scatenati: "Ritirati"

L'ex Beatle delude alla cerimonia olimpica. Tam tam su internet: "Let it be"

Paul McCartney stecca Fan scatenati: "Ritirati"

Che delusione  Paul McCartney. Sono finiti i tempi dei Beatles, gli anni Sessanta e la voce evergreen. Il baronetto, ormai settantenne, perde colpi.  Lo dimostra la sua performance per la chiusura delle cerimonia olimpica dell’altra sera.

Figuraccia - Come riporta il Daily mail, McCartney non solo ha cantanto  canzoni trite e ritrite come Hey Jude ma è stato anche punito da un problema tecnico che sdoppiava note e voci. Infine, la scena più raccappricciante.  Ad un certo punto Paul lascia il pianoforte, si dirige verso il centro del palco e chiede alla folla di dividersi in due cori distinti, maschi e femmine, e di cantare con lui. Ma stecca clamorosamente tra l’orrore dei fans.

Tam tam sul web - Ora, i commenti su internet e sui social network si scatenano. McCartney è accusato di aver “rovinato lo spettacolo”, per altri “it’s time to let it be”, ovvero è tempo di lasciare”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Piero34

    05 Agosto 2012 - 20:08

    Questo musicista mediocre Paul McCartney che fece un boicottaggio di 25 anni al miglior musicista Rock del mondo, l´Italiano Joseph Ferrante, soltanto perche Ferrante fece uná Hey Jude cincuanta mila volte megio della sua e che fa sembrare i Beatles un nulla totale, finalmente la paga. Cosi sfacciato che dopo aver pagato migliaia di persone nell´industria musicale affinche bloccassero il trascendentale Hey Jude di Joseph Ferrante durante piu di 25 anni, ora si presenta alle olimpiadi precisamente con Hey Jude. Pero la mano di Dio lo fece pagare. Finalmente il mondo si e reso conto del nulla musicale che questo musicista mediocre sia. Joseph Ferrante, accordatore di pianoforte di George Harrison, fu bloccato e perseguito in tutte parti di Londra da gente pagata per questo musicista dilettante soltanto perche Ferrante dimostrava al mondo che i Beatles erano un nulla. Joseph Ferrante ha dovuto abbandonare Londra per colpa di quest´uomo che perfino distrusse i Beatles.

    Report

    Rispondi

  • Fonzy

    01 Agosto 2012 - 17:05

    ...si formavano i Beach Boys, che guarda caso proprio in questi giorni sono in tour in Europa. Pare che i 'vecchietti' di energia ne abbiano ancora, nonostante le psico-vicissitudini del loro leader Brian Wilson.

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    31 Luglio 2012 - 19:07

    nel corso degli anni 60 sono stati piùvolte superati in bravura da altri gruppi. hanno il merito di *aver rotto il ghiaccio* di mescolare pop e rock n' roll ed inventare una nuova moda , un nuovo genere musicale che a sua volta evolvendosi ne ha generato altri ma diciamolo francamente..canzoni come yesterday, michelle saranno diventate immortali ma se uno le ascolta più volte l'impressione è solo quella di una melassa indigesta!moltomeglio altri gruppi leggendari come gli WHO, GLLI YARDBIRDS di jimmy page e jeff beck(CHE BOMBE DI CHITARRISTI!!!) ed ANIMALS di eric BURDON (ERANO UNO SKIANTO!).ANCHE ALTRI GRUPPI MINORI(SI FA X DIRE sono entrati nella leggenda(dave clark five, kinks,herman's hermits, troggs,small faces,status quo, manfred mann,hollies, ecc ed in america i beach boys e creedence clearwater revival)vendevano più e meglio dei beatles. dimeticavo.i rolling stones un fenomeno a parte.. si commentano da soli!50 anni *suonati* scusatese-è-poco!!

    Report

    Rispondi

blog