Cerca

In Liguria

Arrestata consigliera grillina
Spacciava droga nel suo bar

Diletta Botto, 35 anni, aveva trasformato il locale in un "supermarket dello spaccio". Il Movimento 5 Stelle: sospesa dall'incarico

Arrestata consigliera grillina
Spacciava droga nel suo bar

Il suo bar era diventato un centrale per lo spiaccio di droga. Il bar si chiama "Il solito posto" e per molti acquirenti quel locale era davvero il solito posto in cui recuperare la "roba". A servire dietro il bancon Diletta Botto, una consigliera municipale del Movimento 5 Stelle eletta a Genova nel consiglio di circoscrizione Medio Ponente che è stata arrestata con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio. Diletta Botto, 35 anni, aveva all'interno del suo bar di Sestri Ponente un bazar di droga tra cocaina, marijuana, ecstasy e hascisc. Il blitz dei poliziotti é scattato in seguito ad un'indagine antidroga. La donna si trova ora rinchiusa nel carcere di Pontedecimo secondo la polizia che ha perquisito il locale si trattava diun vero e proprio "superercato della droga". Immediata la risposta dei grillini che in una nota hanno comunicato che Diletta Botto è stata sospesa da ogni incarico. "Apprendiamo con sgomento dell’arresto di Diletta Botta, consigliere municipale del Municipio VII Ponente - dichiarano in una nota congiunta gli altri esponenti del movimento - Diletta Botta, come tutti i cittadini che hanno concorso alla recente competizione elettorale, ha partecipato alle attività del Movimento e ha presentato il Certificato Penale immacolato. Restiamo quindi in attesa dei decorsi degli Atti Giudiziari considerando Diletta Botta momentaneamente allontanata dal Movimento e dimissionaria da ogni incarico elettivo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabioinca

    05 Agosto 2012 - 06:06

    Chissà quanti scheletri nell'armadio che hai tu, che scrivi questo articolo!

    Report

    Rispondi

  • paolodml

    04 Agosto 2012 - 11:11

    Questi improvvisati del M5 stelle. Una loro iscriita viene beccata, non riescono a difenderla e la espellono. Imparassero da quelli del PD PDL come truffare, coprire l'arrivo e la vendita attraverso la camorra, di quintali di droga, non qualche grammino come quella sfigata. E loro si che son solidali e professionisti, di questa gente non ne espellono uno, anzi li promuovono.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    04 Agosto 2012 - 09:09

    A parte che non ci servono alleanze e compromessi con nessuno però le dirò,meglio pannella che berlusconi,prodi,casini,bersani,vendola,dipietro,scillipoti,totò cuffaro,cicchitto,maroni,bossi,alfano,finocchiaro,dalema,amato,banchieri,mafiosi,vaticano,ecc... Quest'ultimi li lasciamo a voi

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    04 Agosto 2012 - 09:09

    Certo che quando voglio farmi due risate mi basta leggere quello che scrivi.Non servi ad un cazzo...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog