Cerca

Fini

L'ultima mazzata per Gianfry: anche Fli gli dice di andare a lavorare

Futuro e Libertà sorpassato da Storace, Granata è preoccupato e chiede al presidente un "impegno in prima persona" per la campagna elettorale. Addio immersioni...

Gianfranco Fini

Gianfranco Fini visto da Benny

L’ultima mazzata era stato il sorpasso da parte della Destra di Storace.  Per questo il coordinatore di Fli Fabio Granata ha chiesto «un impegno di Fini in prima persona» per rilanciare il partito. Come? «Campagna elettorale al posto delle vacanze». Addio alle amate immersioni di Gianfranco Fini, alle vacanze al sole di Ansedonia, ai frutti di mare e alla tintarella perenne. E un messaggio subliminale: vada a lavorare.

Piani saltati - D'altronde, la situazione nel partito nato dalla scissione con il Pdl è drammatica. Nel 2010, dopo il divorzio da Silvio Berlusconi, Fini aveva assicurato ai suoi pretoriani un impatto sulla politica italiana ben diverso. Futuro e Libertà doveva diventare l'ago della bilancia, il riferimento dei moderati. L'unione con l'Udc di Pierferdinando Casini e l'Api di Rutelli era, nei piani del presidente della Camera, il trampolino di lancio per la corsa elettorale. Le amministrative prima, le politiche poi. Fini statista, Fini leader? Al contrario, da quell'unione (limitata a qualche voto in Parlamento, per la verità) ha tratto vantaggio soltanto Casini. Non tanto numericamente (l'Udc è comunque stazionario, intorno al 5% nei sondaggi) quanto per appeal e capacità di essere comunque polo d'attrazione. Pdl e Pd, destra e sinistra si giocano le proprie carte corteggiando Casini, non certo Fini. E infatti Gianfry nel gran ballo delle alleanze pare destinato a restare con la scopa in mano. Un po' come Antonio Di Pietro e Beppe Grillo, con una differenza: loro i voti li cercano proprio facendo leva sulla loro vera o presunta "estraneità al sistema" mentre Gianfry in quel sistema voleva entrarci, eccome. Esserne il perno, se possibile. Ma con un Fli sotto al 2% e senza spalle, uno sbarramento anche blando rischia davvero di lasciare il presidente fuori da Montecitorio e Palazzo Madama.

L'appello di Granata - Da questa consapevolezza nasce l'appello, preoccupato, di Granata. "Il nuovo polo e Futuro e libertà convochino i propri 'stati generali', elaborino un programma innovativo, legalitario e di sviluppo consapevole e sostenibile, decidano candidato presidenza, eventuale ticket, listino e liste, definiscano e approvino il proprio codice etico e,all’indomani di Ferragosto, facciano partire la campagna elettorale". Come dire: finora non s'è fatto nulla, preoccupandosi semplicemente di seguire il corso degli eventi montiani e sottovalutando l'impatto negativo, nefasto sugli elettori. Il programma invocato dal coordinatore è impegnativo: un partito non si rifonda né si ridisegna in un mese. Figurarsi se il leader tace, forse perché impegnato un giorno sì e l'altro no con il boccaglio da sub.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • papale

    06 Agosto 2012 - 10:10

    consiglierei una immersione in un liquido organico maleodorante e senza apnea....

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    05 Agosto 2012 - 19:07

    ... gli conviene iscriversi subito, con le mani in pasta che si ritrova non si accorgerà della differenza...

    Report

    Rispondi

  • arch

    05 Agosto 2012 - 17:05

    dovrebbe solo andare a fare in kwlo, se ce lo vogliono laggiù i vari Monti, Bersani, Casini e Vendola che hanno i posti prenotati.

    Report

    Rispondi

  • linhof

    05 Agosto 2012 - 17:05

    Perchè bisogna piantarla? mi sembra giusto che sappia, chi lo ha votato per anni, cosa pensa, se ti piace quell' essere votatelo tu.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog