Cerca

Stop ai lavori

La lunga estate della Casta: in ferie fino a settembre

Camera e Senato chiusi per un mese, anche se gli onorevoli hanno l'obbligo di "reperibilità" in caso di emergenza. E la legge elettorale?

La lunga estate della Casta: in ferie fino a settembre

 

Mario Monti aveva mandato un messaggio a ministri e onorevoli: quest'estate niente vacanze esotiche, tutti devono poter rientrare a Roma in caso di emergenza nel giro di un paio d'ore. Sembrava l'inizio di un'estate bollente, un po' come quella del 2011, con l'Italia sotto l'attacco della speculazione finanziaria e obbligata ad approvare misure a tappe forzate. In realtà, non è che la situazione sia molto diversa rispetto a 12 mesi fa. Semplicemente, la musica alla Camera e al Senato è sempre la stessa: le settimane di lavoro sono cortissime (da lunedì a giovedì) e le ferie sacrosante e lunghissime. Così da oggi 7 agosto deputati e senatori resteranno a casa fino a settembre: Montecitorio riaprirà il 5, Palazzo Madama il 6. Ma attenzione, dopo interrogazioni e interpellanze la prima seduta vera e propria sarà soltanto martedì 11 settembre.

Tutti a Capalbio - I presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, hanno preteso come da ordine di Monti dai colleghi la "reperibilità". "La Camera potrà riunirsi, se necessario, anche nel mese di agosto - ha spiegato Fini - per l'esame di questioni urgenti o per la presentazione di decreti legge, specie per quanto riguarda le questioni legate alla crisi economica e finanziaria". Una precisazione doppiata da Schifani. E le Commissioni, quelle che portano avanti gran parte del lavoro delle Camere? Si ricomincerà lunedì 3 settembre alla Camera e il 4 al Senato. Quasi trenta giorni di ferie, anche se al posto delle mete esotiche gli onorevoli si dovranno accontentare di Capalbio. Dove magari le riunioni informali per mettere a punto la riforma elettorale avranno maggior fortuna...

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianni_b

    12 Agosto 2012 - 11:11

    Adesso e colpa della casta ? o colpa nostra che li votiamo ? Voi del popolo che votate destra e sinistra , Non li votate cercate di capire quello che fanno ! i loro affari e basta

    Report

    Rispondi

  • giovanni.deprosperis

    11 Agosto 2012 - 15:03

    quando vanno in ferie,non importa il partito di appartenenza sorridono sempre, mentre i pensionati e gli operai 6 su 10 stanno a casa e sicuramente non sorridono più.

    Report

    Rispondi

  • Vito la Civita

    08 Agosto 2012 - 20:08

    Fini,approfitta ora di sorridere, perché nel futuro prossimo i tuoi ex elettori ti faranno piangere!

    Report

    Rispondi

  • taratata

    08 Agosto 2012 - 17:05

    a questi coglioni non frega niente di noi prendono un bel stipendio sparano qualche cazzata su qualche spreco di cui sono responsabili e poi si fanno gli affari loro uno di questi e' salvini che e' europarlamentare capogruppo della lega a milano (?)e ora anche segretario ma quanti stipendi prendi? almeno dimettiti da europarlamentare non fare il parassita e vedo che a non fare un cazzo ti sei ingrassato complimenti posso solo immaginare la fatica che fai...no lo so tu parli e basta e parlare non e' produzione.tra un anno ci saranno le elezioni(e forse io non avro' piu un lavoro) avremo la grande occasine per mandare questi stronzi a spalare merda che per loro poi sarebbe un grande lavoro

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog