Cerca

Facci

Di Pietro, Craxi e Napolitano: così Tonino graziò Re Giorgio

Oggi il leader Idv attacca il presidente e il Pci, ma nel 1993 da pm preferì indagare solo su Dc e Psi

Di Pietro, Craxi e Napolitano: così Tonino graziò Re Giorgio

di Filippo Facci

La frase di Craxi, testuale, fu ritrasmessa integralmente da Annozero solo due anni fa, nel gennaio del 2010. Eccola. «Sarebbe come credere che il presidente della Camera. Giorgio Napolitano, che è stato per molti anni ministro degli Esteri del Pci, non si fosse mai accorto del genere di traffico che avveniva sotto di lui, tra i vari rappresentanti e amministratori del Pci con i Paesi dell’Est».  Fu pronunciata durante il processo Cusani - non Enimont, come ha detto Di Pietro nella sua intervista a Oggi - ed erano le 17 del 17 dicembre 1993. Quel giorno rimase memorabile anche per l’interrogatorio mattutino di Arnaldo Forlani (quattro ore: fu strapazzato per via della sua palese reticenza) ma nel pomeriggio, appunto, s’intuì che sarebbe stato un pomeriggio speciale. Di Pietro, che era il pm, cercherà di giustificare la sua docilità spacciandola come strumentale ai suoi obiettivi istruttori: cioè far parlare Craxi. Ma negli anni successivi si sarebbe ben compreso come Di Pietro potesse anche temere le sortite di un uomo che di lui sapeva molte cose: qualsiasi cosa avesse detto Craxi, in ogni caso, quel giorno l’avrebbe detta davanti a milioni di persone. Di Pietro lo sapeva. Sta di fatto che non gli fece neppure una domanda vera e formulata fino in fondo, acconsentendo ogni volta di farsi interrompere con ripetuti «mi consenta di chiarire un punto». Craxi disse tutto ciò che voleva. Parlò delle cooperative rosse (e Tonino: «Ecco, è importante anche questo») e spiegò che la Montedison non pagava solo il Psi (e Tonino: «È vero, è vero... ce l’hanno riferito in parecchi»). Incapace di distinguere tra verità e verità processuale, il leader socialista ruggì a piacimento: tirò in ballo Gardini, Spadolini e La Malfa. E Napolitano, che peraltro era già stato coinvolto indirettamente perché a Milano avevano arrestato tutti i suoi uomini (la mitica corrente migliorista, detta «pigliorista») tanto che lo stesso Craxi aveva scelto anche Napolitano tra i soggetti di alcuni suoi quadri della serie «Bugiardi ed extraterrestri», opere a metà tra la satira e l’arte concettuale.


Leggi l'articolo integrale di Filippo Facci su Libero
in edicola oggi, mercoledì 5 agosto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Wotan

    09 Agosto 2012 - 11:11

    La democrazia Italiana é la versione deformata dell'idea di democrazia imposta dagli Alleati vincitori!In essa sopravvive la tradizione feudale che ha governato il Sud per un millennio e lo spirito di autonomia e di rappresentatività che ha caratterizzato gli stati del Nord Italia.Nella tradizione feudale gli equilibri erano mantenuti con il ricatto "io so che tu sai che io so".In questa logica feudale,ogni carica dello Stato viene oggi ricoperta solo da chi é ricattabile quale é infatti King George (oppositore della rivolta d'Ungheria e del dissidente Solgenitsin),e lo sono stati il madonnaro Oscar (prendeva soldi dai Servizi Segreti), come pure "o Leone",Segni e Saragat. A Venezia inveceil Doge era affiancato da un Maggior Consiglio composto da maggiorenti e da un Maggior Consiglio eletto dai cittadini.Durante le sedute veniva sempre indossata la maschera cosiddetta "Bauta",che permetteva di parlare e votare senza essere riconosciuti,evitando così possibili ricatti! W L'INDIPENDENZA

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    09 Agosto 2012 - 11:11

    Cara Paola,ma davvero pensi che bepper non sappia ? Lo sà,lo sà, non poteva non sapere.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    09 Agosto 2012 - 10:10

    Il classico omucolo cresciuto ed indottrinato nella propaganda del negare ad ogni costo.Il miliardo a botteghe oscure se lo e preso il portinaio?Cortesemente taci,ti risparmi delle figure di merda.

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    09 Agosto 2012 - 08:08

    non è il mio presidente. Voglio altro!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog