Cerca

Pisapia

Niente scuolabus ai milanesi: il sindaco li dà solo ai rom

La rivoluzione arancione di Giuliano: tagli per gli studenti di elementari e medie, "salvi" solo nomadi e disabili

Per ordine del sindaco di Milano Pisapia gli scuolabus sono ormai riservati a tre categorie di alunni: disabili, nomadi o dislocati in altre strutture perché iscritti a scuole diroccate e piene d’amianto. 
Niente scuolabus ai milanesi: il sindaco li dà solo ai rom

 

di Andrea Morigi

Con spartana e socialista sobrietà, per i prossimi due anni, quattromila bambini andranno a scuola a piedi. Per ordine del sindaco di Milano Giuliano Pisapia gli scuolabus sono ormai riservati a tre categorie di alunni: disabili, nomadi o dislocati in altre strutture perché iscritti a scuole diroccate e piene d’amianto. L’orwelliana e sedicente «Amministrazione» (con l’iniziale rigorosamente maiuscola) di Palazzo Marino, infatti, ritiene «equo e opportuno circoscrivere il diritto di accesso al servizio di trasporto scolastico alunni normodotati ai soli casi di effettiva necessità». In pratica, i criteri di idoneità saranno così restrittivi da lasciare sul marciapiede tutti i bambini che, pur senza appartenere a categorie protette, fino all’anno scorso usufruivano di un passaggio - a pagamento e secondo fasce di reddito - sui pulmini gialli.

Leggi l'articolo integrale di Andrea Morigi
su Libero in edicola oggi, giovedì 9 agosto

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 654321

    10 Agosto 2012 - 18:06

    Astuto copia incolla del blog, Lella, ti ha dato una bella ripulita! Ancora una volta sei caduto nel tuo essere di coglioncino pappagallino,ti piace dal del razzista a destra e manca,ti hanno inculcato questa parola nella casa del popolo e te lla ripeti a vanvera...che figura di merda che hai fatto con Lella..lei e' ha svolto nella pratica quello che te professi ma non fai...il sociale! Tutto fumo tante parole e niente arrosto,sai quanti compagnoni incantatori di serpenti come te conosco? Io purtroppo vivo dove quelli come te blaterano da mattina a sera..e amministano noi tutti,ma come dice Lella,non con parzialita' ,quindi teorico coglioncello stai zitto farai piu bella figura! POI RICORDATI SEMPRE che tutti soggetti citati, SONO FIGLI DEL TUO COMUNISMO! Grande legume di maggio,revisiona quel cervelletto racchiuso in quello scatolone del tuo craniotto!RAZZISTA SEI TE E TUTTI QUELLI COME TE..SIETE CONTRO E RINNEGATE IL VOSTRO POPOLO! Se non passa il caldo Osti la vedo brutta per te!

    Report

    Rispondi

  • iris288

    10 Agosto 2012 - 17:05

    SEI UNA BELLISSIMA PERSONA! con un grande cuore! a me basta leggerti; sappi che abbiamo molte cose in comune; la musica poi è tutta bella, quando ispira il cuore e l'anima, donando emozioni indelebili! anche se la CLASSICA...non ha eguali! un abbraccio sincero!

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    10 Agosto 2012 - 14:02

    Commento nr.43

    Report

    Rispondi

  • lella64

    10 Agosto 2012 - 12:12

    Carissimo bruno,lei ha detto una cosa giustissima,"ANCHE PER LORO COME PER TUTTI GLI ALTRI",cosa che non traspare dai fatti.Io non sono razzista come dice lei,ma non sopporto la discriminazione al contrario.CON IL LAVORO CHE SVOGO HO VISTO MAMME SENTIRSI RIFIUTARE UN POSTO ALL'ASILO PERI PROPRI FIGLI IN FAVORE DI EXTRACOMUNITARI.Se non si vuole fermentare astio è consigliabile trattare tutti nello stesso modo senza favoritismi.Ci sarebbero molti episodi in ambito sanitario che potrei citare,ma non è questo il luogo adatto.E non mi dia della razzista,perchè in questo lercio paese,ho provato ad assistere bambini rom e le assicuro che a Isernia ce ne sono parecchi che non avevano nemmeno la tessera sanitaria ,senza mai prendermi nemmeno un euro,perchè i bambini x me sono tutti uguali.cordiali saluti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog