Cerca

Emergenza umanitaria

E ora ci toccano pure
i barconi dalla Siria

In 160 sono sbarcati l'altra sera sulle coste della Calabria, in fuga dal paese in guerra. In Turchia già 50mila profughi

Gli scafisti, turchi, sono entrambi stati arrestati
E ora ci toccano pure
i barconi dalla Siria

E la crisi siriana è ormai approdata al territorio italiano. Avvistato nella notte precedente dalla Guardia di Finanza e poi abbordato per un’ispezione, scortato dalle motovedette è infine approdato alle 20 della sera di mercoledì al porto di Crotone un barcone di legno lungo 20 metri e senza bandiera, con a bordo 160 persone: 76 uomini, 36 donne e 46 bambini. «Il sentore è che possano avvenire altri sbarchi. Da tempo non ne arrivavano in numero così massiccio tutti insieme» ha avvertito Leonardo Sacco, responsabile del centro di accoglienza per immigrati Sant'Anna di Isola Capo Rizzuto e vicepresidente delle Misericordie d'Italia. Non erano tutti siriani, visto che si era infilato anche qualche afghano e pakistano. Ma i due scafisti che sono stati arrestati erano cittadini turchi: il 40enne Kemal Deniz e il 38enne Erol Sener. E proprio dalla Turchia arrivava in contemporanea la notizia di un migliaio di profughi bloccati a un valico, e dei 5000 profughi dell’ultimo week-end che avrebbero portato la cifra ufficiale dei rifugiati siriani nel Paese a 50.227.

Leggi l'articolo integrale di Maurizio Stefanini su Libero in edicola oggi 10 agosto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • D.P.F.

    11 Agosto 2012 - 10:10

    Per venire dalla Siria passano davanti alle coste comunitarie di Cipro e Grecia. Come mai allungano tanto la strada per arrivare in Italia ? Può darsi che l'inettitudine dei governi nostrani sia ragione sufficiente per ritenere ed avere vita più facile all'ingresso ? Del resto, quelli che vengono dal nord africa e passano davanti alla comunitaria Malta, si guardano bene da approdarvi, visto che quel governo respinge già in alto mare chi si avvicina troppo alle loro coste. Quindi vengono tutti da noi, facile approdo per l'invasione parte della quale, ne sono moralmente certo, è un preordinato disegno d'invasione che una volta si faceva "manu militari" oggi invece tramite queste quinte colonne.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    10 Agosto 2012 - 18:06

    in Turchia ce ne sono altri 50.000 .E gli scafisti turchi non perderanno certo la bella occasione per arricchirsi.

    Report

    Rispondi

  • mab

    10 Agosto 2012 - 15:03

    Ma tutti tacciono, l'importante è togliere servizi a chi paga le tasse, agli anziani. Abbiamo poi un ministro dell'interno a cui non ho mai sentito proferire parola contro misure adeguate alla delinquenza straniera. Una statua di sale. D'altra parte questo.......governo comprende anche il ministro dell'accoglienza (il jolly).

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    10 Agosto 2012 - 10:10

    Mussolini si stara' rivoltando nella tomba al pensiero che in Italia sia in corso un islamizzazione di massa...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog