Cerca

Folle burocrazia

Regala due euro di pane
Multato dalla Finanza

La disavventura di un fornaio ligure, che aveva dato un po' di focaccia a un ragazzino indigente. Niente scontrino, gli fanno il verbale

Dagli all’evasore, al profittatore maledetto che non batte lo scontrino e ingrassa con il denaro sottratto alla comunità. Ogni tanto, però, sotto il pugno di ferro dell’Erario rimangono schiacciate solo le mosche. È successo a Giorgio Lorenzini, titolare di un panificio a Isola di Ortonovo, briciola di paese in provincia di La Spezia. La sua bottega si chiama Cudì, se la passano in famiglia, nel borgo la conoscon tutti. Che ha fatto, lo sciagurato? Ha compiuto un gesto molto bello e molto umano, e lo ha fatto senza pensare, con un automatismo ammirevole. Ha regalato un pezzo di focaccia - ché da quelle parti la focaccia la sanno fare come si deve - a un ragazzino di sedici anni. E affinché al giovane non gli si fermasse nel gozzo,  ha aggiunto un cartoncino di the freddo. Totale: 2 euro e 10 centesimi.

Una sciocchezza, un pensierino,  visto che la famiglia dell’adolescente ha qualche problema a tirare a fine mese. Sai com’è, c’è la crisi. In paese queste cose si sanno e fortuna che un pizzico di affiatamento comunitario è rimasto: l’amico fornaio ti regala una focaccina e un po’ di the. Mica per sfamarti, magari solo per far merenda come la fanno tutti i tuoi compagni di scuola: il superfluo, il più delle volte, è fondamentale.

Beh, il Lorenzini incarta la focaccia e non ci pensa più. Il ragazzino piglia il pacchetto e corre fuori. Ma all’angolo della stradina lo fermano. La Finanza: giovine, favorisca lo scontrino. E lo scontrino non c’è. Il fornaio non l’ha rilasciato, chi ci va a pensare, per  due euro e dieci di farinaceo e bevanda annessa regalati. Il sedicenne, sulle prime, tentenna. Annusa che ci sono guai in vista e non vuol far la spia col rischio di inguaiare chi gli ha appena usato una cortesia. I finanzieri insistono, tuttavia, e quello confessa: il pane me l’ha regalato il Lorenzini, lo scontrino non ce l’ho perché non si mangia, dunque mi pareva superfluo richiederlo.
A questo punto si consuma il dramma. Il ragazzo viene ricondotto a casa siccome Pinocchio, e ai famigliari viene richiesto di fornire i documenti per l’identificazione. Ma la mazzata spetta all’incauto panificatore, che si è reso colpevole di distribuzione illegale di focaccia con aggravante di bevanda. Il regalino senza scontrino è evasione fiscale. Le forze dell’ordine stendono apposito e sterminato verbale. Presto giungerà adeguata sanzione, immaginiamo ben più salata della focaccia di cui sopra.

«Non so ancora quanto dovrò pagare», racconta il Lorenzini. «Di questa storia non ne vorrei più parlare, anche perché ai genitori del ragazzo non è piaciuta molto questa pubblicità. Li capisco. Li conosco bene, sono italiani, hanno qualche problema disoldi, adesso anche con l’assicurazione... Siamo quattro e cinque case, qua intorno, qualche volta a quella famiglia abbiamo dato una mano, regalato un passeggino, cose così. Sono molto dignitosi, si danno tanto da fare, ma sa com’è, la crisi». Eh, la crisi. Lei però ha nascosto una focaccina al Fisco, Lorenzini. «Lo so che bisogna fare lo scontrino. La multa ci sta, avrei potuto battere un euro in cassa, ma per due euro, poi gliel’ho regalata... Io capisco che bisogna fare la multa. Mi è capitato delle altre volte, me l’hanno fatta perché non ho dato uno scontrino, ma può succedere, specie quando escono in massa i ragazzini da scuola e vengono qua, con la ressa. Non mi sono mai lamentato. Però c’è un limite. Non posso nemmeno mettere sul conto, sa? Ma come si fa, viene qualcuno a prendere il pane e il latte, mi dice “me lo segni, che alla fine del mese, con lo stipendio,  regoliamo?”. Non si può».

E non si può nemmeno regalare una fettina a un ragazzetto senza pagarci sopra le tasse, siano pure cinquanta centesimi.
La madre del sedicenne, per l’imbarazzo, è corsa in panetteria a scusarsi d’aver causato problemi a un concittadino gentile. La porzione di popolo che si trovava nei pressi del forno al momento del verbale si è risentita, ha preso le parti del Lorenzini, ha protestato con le  zelanti Fiamme gialle. Inutilmente: il multone arriverà, con le gabelle non la si passa liscia.  Oh, intendiamoci: i paesani non hanno organizzato sommosse, per carità. Dopo tutto, di regalino trattavasi, non di gesto eroico dell’impavido fornaio.

E di atmosfera evangelica ce n’era solo un pizzico. Quel tanto che bastava per sapere che bisogna dare a Cesare quanto gli spetta, come no. Ma Gesù mi pare   che abbia anche detto  di offrire la merenda   agli affamati. E son sicuro che più avanti, nelle Scritture, c’era scritto di aggiungere un cartoncino di the freddo. Ché se no la focaccia ti si pianta in gola e non va più giù.

di Francesco Borgonovo

 

isola di ortonovo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco 72

    28 Dicembre 2012 - 15:03

    è vero, la finanza tartassa i piccoli evasori e lascia stare i "pesci grossi", ma chissà perchè i grandi evasori stanno tutti in area Pdl... ma guarda che combinazione!!

    Report

    Rispondi

  • helpid

    11 Agosto 2012 - 12:12

    Sì,quel fornaio meriterebbe l'ergastolo! Nessuno lo immagina,ma la situazione prima esposta è di dimensioni gigantesche,ecco perchè fa' ridere la teatralità delle Entrate o gdf quando fanno i 'loro' controlli pilotati! Tali situazioni possono stimarsi in decine se non centinaia! Basti pensare a tutte le municipalizzate/enti e similari esistenti in itaglia, ed a tutte le decine di ministeri, parliamo di un reddito sommerso di centinaia di milioni!! Con controlli zero da decenni! Ma il colmo è che l'itagliota paga doppio per tutto questo, sì, quando i conti di tali ministeri o municipalizzate sempre in costante perdita vengono sempre generosamente ripianati. Da non dimenticare che i guadagni di tali 'gestioni' sono considerevoli giacchè le spese di locazione e forniture varie non esistono: sono a carico totale dell'ente/ministero-ecc. Senza parlare, poi,del mercato mafioso parallelo delle mazzette sulle assegnazioni di tali gestioni! Sor Monti, ma com'è che nun-te-frega-gnente?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    11 Agosto 2012 - 10:10

    Ma perché scrivete sempre queste minc...te?: tutti i giorni, giornali e televisione parlano di megaevasori scoperti dalla finanza. Tutti i giorni giornali e televisioni ci parlano di valanghe di arresti di affiliati alla malavita, mega capi compresi. Le feste dell'unità (tutte le feste di tutti i Partiti, tonto!), le sagre, i tassisti e le battone.sono esenti da scontrino e ricevuta. Ci sono migliaia di venditori marocchini e negri con regolare licenza di ambulante. Ripeto: ma perché scrivete sempre tali minch...te?

    Report

    Rispondi

  • antiquark

    11 Agosto 2012 - 10:10

    Non è la prima volta che succede, è una vergogna!!!! tanto più che le tasse servono per far fare la bella vita a questa manica di stron.. pagliacc.. che stanno al governo, camere e senato, guadagnano 15/20.000 Euro al mese, non fanno un ca@@o dal mattino alla sera e giano con auto favolose a carico degli italiani, con autisti sbruffoni che fanno la corte spudorata e maleducata alle nostre mogli o alle nostre figlie, e se ti permetti di rispondere si pavoneggiano e fanno i gradassi come fossero agenti del Servizio Segreto. A lavorare mer.e

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog