Cerca

Valérie

La compagna di Hollande fa flop e la Francia sente già la mancanza di Carlà

Il fotoromanzo della campagna elettorale che la ritrae insieme a Francois Hollande ha venduto appena mille copie

Valérie è la nuova vittima della "sindrome Maria Antonietta", tendenza, a volte troppo crudele, di trovare nelle figure femminili il capro espiatorio perfetto, proprio come accadde durante la fine della monarchia francese
La compagna di Hollande fa flop e la Francia sente già la mancanza di Carlà

Flop, anche editoriale, per la nuova première dame Valérie Trierweiler e all'Eliseo sentono già la mancanza di Carlà. Il fotoromanzo della campagna elettorale, che la ritrae insieme al neo presidente Francois Hollande, pubblicato in giugno con molta enfasi non ha incontrato il successo sperato e, nonostante la popolarità del presidente, il libro è un clamoroso flop con appena mille copie vendute. Ed ecco che molti, scagionando subito il fotografo, danno la colpa a Trierweiler che, in un arduo esercizio letterario, riassume in poche frasi la suggestione di un'immagine. Neanche la presenza di alcune didascalie non proprio "politically correct" ha eccitato le vendite, sulla fotografia di Hollande insieme a Ségolène Royal durante il comizio di Rennes, Trierweiler ha commentato: "Sì, l'uomo che amo ha avuto una donna prima di me. Ed è successo che fosse anche candidata all'elezione presidenziale. Ci convivo"

Una première dame "incontenibile" - Purtroppo l'avventura all'Eliseo sembra compromessa e, tutto questo, non fa più scandalo, sa di déjà vu, specialmente dopo quel tweet di gelosia contro la Royal che Trierweiler ha fatto durante le elezioni politiche. L'incontenibile Valérie risulta essere sia vittima che artefice di questo insuccesso, troppe le gaffes e le battute non proprie all'altezza del ruolo che veste. Dai tweet imbarazzanti, alle minacce nei confronti dei colleghi giornalisti, in breve tempo, "madame" Hollande è diventata vittima della satira più feroce che la dipinge come quella che porta i pantaloni all'interno della coppia presidenziale.

La sindrome Maria Antonietta - Dunque la "povera" Valérie è la nuova vittima della "sindrome Maria Antonietta", tendenza, a volte troppo crudele, di trovare nelle figure femminili il capro espiatorio perfetto, proprio come accadde durante la fine della monarchia francese. Pochi mesi prima dell'elezione, la Trierweiler sembrava pronta a tutto ciò e dichiarò: "Capisco le difficoltà che ha avuto Carlà, ma io sono preparata, conosco le regole di questo mondo".

Parigi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • powerinvest

    15 Agosto 2012 - 07:07

    Carlà è insuperabile per antipatia ed arroganza, se la novaux Dame ci è riuscito, lo considero un successo.!

    Report

    Rispondi

  • Dalton Russell

    11 Agosto 2012 - 22:10

    stando a quanto ormai e da tempo, la stampa la dipinge, credo risponda in pieno al detto: " più bella che... ". Troppo spesso,perde le buone occasioni per tacere, pardon, per cinguettare.Madame, un bel tacer non fu mai scritto.Lei ha un grande svantaggio, data l'età è ancora una bella donna ma è tanto, ma tanto antipatica e con tanta, ma tanta puzza sotto al nasino.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    11 Agosto 2012 - 17:05

    far rimpiangere carlà è un delitto.

    Report

    Rispondi