Cerca

Dopo il forfati Montezemolo e Bonanni

Casini rimanda la Cosa Bianca
Adesso non è il momento

Il grande centro rallenta la sua corsa: meglio agire a ridosso delle elezioni per non mettere in difficoltà il governo

Casini rimanda la Cosa Bianca
Adesso non è il momento

l grande centro rallenta la sua corsa. Dopo il forfait di Luca di Montezemolo e la non disponibilità a candidarsi da parte di Raffaele Bonanni, ora è lo stesso Pier Ferdinando Casini a frenare. «La cosa bianca si farà, ma senza fretta, di sicuro non a ottobre», dice l’ex presidente della Camera in un’intervista alla Stampa. Il motivo? Secondo Pier meglio agire più a ridosso delle elezioni, anche per non mettere in difficoltà il governo. Il coinvolgimento di alcuni esponenti dell’esecutivo nel progetto (da Corrado Passera ad Andrea Riccardi), infatti, potrebbe creare problemi al governo Monti. 

Prendiamo Passera, per esempio. Un suo impegno diretto in politica già in autunno renderebbe il suo ruolo ambiguo: da una parte ministro del governo in carica e dall’altra uno dei leader di un movimento che, seppure nel solco dell’agenda Monti, si prepara a soppiantare lo stesso esecutivo. «Non bisogna indebolire o delegittimare Monti. E vorremmo evitare l’effetto Veltroni, quando la nascita del Pd segnò la fine anticipata di Prodi. Quindi meglio muoversi in prossimità della data del voto», spiegano dalla sede del partito centrista. Nel frattempo sempre Casini lancia a tutte le forze politiche «un patto del rigore per il dopo Monti». Ovvero chiunque vincerà le prossime elezioni dovrà impegnarsi a rispettare un’agenda economica stabilita in precedenza.

Dal Pdl, nel frattempo, continuano i colpi di cannone verso la “cosa casiniana”. I falchi del partito berlusconiano negli ultimi giorni a turno hanno sparato contro il grande centro. «Sulle alleanze Casini deve mettersi d’accordo con se stesso», ha detto ieri il capogruppo alla Camera, Fabrizio Cicchitto. Mentre una sponda al leader centrista arriva dalle colombe. Franco Frattini, per esempio, sottolinea come «non si può escludere la grande coalizione». Mentre «con Casini ci sono più convergenze che divergenze». Segno che un pezzo di Pdl non ha rinunciato alla possibilità di allearsi con Pier. I centristi ascoltano e abbozzano. «Siamo diventati l’ossessione del Cavaliere. Al Pdl diciamo: grazie di esistere!», dice una nota sul sito del partito. Mentre per Savino Pezzotta «le reazioni del Pdl confermano che la nostra strada è giusta». E poi aggiunge: «Il partito di Berlusconi ci attacca solo per nascondere la sua sconfitta e il momento di difficoltà».  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlag

    15 Agosto 2012 - 23:11

    Pensa forse Casini che qualcuno lo votera'?Non se ne puo' piu' dei Democristiani Falsi. E luu e' proprio uno di questi, come ce ne sono stati almeno centomila. Pensa forse che tutti siamo scemi?

    Report

    Rispondi

  • lstmare2006

    15 Agosto 2012 - 22:10

    Ci succhiano la linfa vitale come fossero delle zecche o delle pulci . Si attaccano alla groppa della società e ne succhiano la linfa vitale, fino a dissanguarla a morte. Li guardo in televisione da anni e dicono sempre le stesse cose ,mai che offrano soluzioni durature e concrete ,girano intorno al problema e prendono sempre decisioni inconcludenti , ritornano decine se non centinaia di volte sullo stesso problema senza mai giungere al dunque. Immaginate chiamare un professionista che vi effettua una riparazione e questa riparazione ha bisogno di continue riparazioni senza mai giungere alla soluzione del problema, e tu continui a pagare lo stesso tizio per anni senza che effettui la riparazione in modo definitivo. Un vero incubo, un inferno dantesco. Poi ,si moltiplicano come formiche e non esistono veleni in grado di sconfiggerli sono immuni a tutti gli antiparassitari conosciuti sul mercato . Una vera tragedia !

    Report

    Rispondi

  • villiam

    15 Agosto 2012 - 11:11

    a fare la balena bianca ha paura che bersani se ne abbia a male allora sta pensando al bianco rosso ,d'altra parte le banderuole sono più belle se colorate,pensate che partito ,casini ,fini,tabacci ,scaiola ,pisanu ,buttiglione,rutelli!!!peggio di questi non è possibile!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • ALFONSOVITALE

    14 Agosto 2012 - 18:06

    Agli amici del Pdl: fate attenzione a non commettere ancora gli stessi esrrori fatti negli anni passati; Frattini, Scjola, Pisanu, Alemanno e mi fermo, sarebbe meglio lasciarli per strada. Avremmo forse qualche voto in meno ma almeno sappiamo di non avere sepenti in seno. Casini, non è un problema; vuole andare con la sinistra? faccia pure; si deve ricordare, però, che mani pulite non ha salvato la sua corrente democristiana (Forlani e c) salvando invece quella di sinistra che sono convogliati fra le file del pd ed ex coministi. Si ricordi che dopo quei fatti era solo uno zombi insieme ai vari buttiglioni e solo berlusconi li ha salvati dalla merda. Stesso discorso purtroppo(perchè l'ho votato) vale per quell'essere immondo di fini. Più volte qusto traditore aveva assunto comportamenti da censurare (ricordate il fallimentare accordo con segni e la frase detta "siamo alle comiche finali"). Il berlusca tragga insegnamento da tali fatti e si comporti di conseguenza cioè FUORI!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog