Cerca

Pericolo truffa

I benzinai fanno i furbi: benzina annacquata. Irregolarità per il 15%

La Guardia di Finanza controlla 2400 distributori: contatori manomessi e carburante miscelato con sostanze di bassa qualità. Denunciati 132 gestori

I benzinai fanno i furbi: benzina annacquata. Irregolarità per il 15%

 

Come se non bastassero i prezzi saliti alle stelle, ora c'è anche chi vuole fare il furbo. La Guardia di Finanza, nelle ultime due settimane di esodo estivo ha effettuato controlli su 2400 distributori, e il bilancio è amaro: contatori delle colonnine manomessi, benzina annacquata con sostanze chimiche di bassa qualità, e prezzi esposti non corrispondenti a quanto indicato dalle colonnine dopo il rifornimento.

I numeri - Complessivamente, il tasso di irregolarità riscontrate è pari al 15%. Sono stati denunciati 23 gestori per frode in commercio, con il sequestro di 53 tra colonnine e pistole che erogavano meno di quanto indicato; in due casi a Palermo, il gasolio per autotrazione è risultato annacquato con sostanze chimiche di bassa qualità, tra cui olio sintetico, che in un caso corrispondeva al 30% del prodotto. Ancora, 21.079 litri di prodotti petroliferi sono stati sequestrati in Liguria ed in Sicilia unitamente ai distributori, in seguito al riscontro della manomissione dei contatori volumetrici delle colonnine; 132 gestori sono stati segnalati per aver violato le norme sull'esposizione dei prezzi e altri 18 multati per aver rimosso i sigilli che assicurano il corretto e regolare svolgimento degli impianti.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giokkigno

    15 Agosto 2012 - 10:10

    come sempre la notizia fà scalpore ma perchè non fate un elenco dei benzinai incriminati così da proteggere la gente comune oppure anche questa notizia è come queela dei falsi ceci che per carità hanno sicuramente torto ma qualche funzionario inps ha sempre firmato per fargli avere la pensione e percepisce un adeguato compenso per la firma che mette e pertanto deve essere cacciato.

    Report

    Rispondi

  • romamaccio

    15 Agosto 2012 - 09:09

    Le tasse sono troppo alte e l'Italiani si difendono facendo i furbi,si ripete la stessa storia dei controlli nei ristoranti bar alberghi ecc..le entrate per il fisco non erano adeguate perchè oltre la riconsegna delle partite iva c'è anche sono stati decurtati gli stipendi a chi poteva spendere.Stessa storia con i distributori di benzina,è stata quasi raddoppiata e i consumi anche questo comporta per l'erario minori introiti,così partonoi controlli della finanza,ma questa è una storia vecchia,esempio da me vissuto ho fatto benzina in un self servis ma era esaurita e non c'era nessun cartello che lo indicava stessa storia a una mia amica in vacanza nel nord Italia,lei è stata più testarda facendoli chiamare dal suo legale.

    Report

    Rispondi

  • Genevris

    15 Agosto 2012 - 08:08

    Tra le altre cose sono un gestore di impianto di carburante, sinceramente non capisco come facciano questi colleghi a comportarsi in questo modo, o meglio lo capisco molto bene, non vivono dove viviamo noi. Da noi la Finanza viene regolarmente controlla sigilli vasche erogatori registri tutto quello che c'è da controllare in maniera sistematica e regolare. A parte che non è nel mio modo di concepire il commercio, ma anche se volessi non potrei mai effettuare simili truffe. Evidentemente anche per queste cose esistono 2 italie una che paga ed una che ruba ed io sono sempre più convinto che le 2 Italie non potranno mai unirsi in un unico onesto e laborioso paese. Non fatemi dire altro.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    14 Agosto 2012 - 20:08

    Ma anche questa!? Non se e può proprio più in questo paese di " merda"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog