Cerca

Le mani sul Palazzo

Ecco il "papello" di Bersani:
Lascia il Quirinale a Casini

Il piano segreto dei big del Pd per spartirsi le poltrone in caso di vittoria. Due caselle vuote: Colle e Senato

Trovato un foglio di carta firmato da un dirigente del pd in cui viene descritto il futuro organigramma del potere: Bersani farà il premier o il ministro dell'Economia, D'Alema il ministro degli Esteri e Veltroni il presidente della Camera 
Ecco il "papello" di Bersani: 
Lascia il Quirinale a Casini

 

Un vero e proprio patto di sindacato tra i big del Partito democratico. Per spartirsi i posti chiave in caso di vittoria alle prossime elezioni politiche nel 2013. Con un dirigente del Pd che mette nero su bianco in una sorta di “papello” il poltronificio tra gli esponenti di spicco di Pier Luigi Bersani. A rivelarlo è il Foglio, cui il dirigente Pd ha tracciato il quadro del piano architettato da D’Alema & C. con un accordo tra le correnti di maggioranza e minoranza per estromettere le nuove leve e i rottamatori alla Matteo Renzi, mettendo partito e governo nelle solite mani. A partire proprio dal segretario. Che, nel papello del Pd, è previsto a Palazzo Chigi o, in alternativa, al ministero dell’Economia. A seguire ci sono altri cinque nomi: Walter Veltroni alla presidenza della Camera, Massimo D’Alema alla Farnesina oppure commissario europeo, Rosy Bindi nel ruolo di vicepremier, Enrico Letta a occupare il posto di Corrado Passera al ministero dello Sviluppo e Dario Franceschini che dovrebbe tornare a fare il segretario del partito, eletto nel congresso che si svolgerà nell’autunno del 2013. Nel papello mancano due posti chiave, probabilmente lasciati a Pier Ferdinando Casini e Nichi Vendola: il Quirinale, cui ambisce il leader centrista, e la presidenza del Senato, che potrebbe toccare al governatore pugliese o a un altro esponente di Sel. 

In questo disegno, naturalmente, ci può essere anche un po’ di fantapolitica. Ma che i maggiori dirigenti del Pd, sotto l’attacco dei rottamatori di Renzi e della fame di poltrone di Udc e Sel, si preparino a difendere le loro posizioni è politicamente verosimile. A ridosso di elezioni in cui si pensa di vincere è normale che nel partito in pole position si inizi a pensare al futuro organigramma del potere e a come riempire le caselle del Palazzo. Ma farlo ora, a otto mesi dal voto, sembra davvero un po’ presto.

Difendere l’attuale nucleo dirigenziale non è il solo obiettivo del patto, che punta anche a rafforzare la segreteria di Bersani, tenere unite sotto lo stesso tetto le diverse anime del partito e, infine, andare compatti alla trattativa con Vendola e Bersani per mettere le basi al nuovo centrosinistra.

Dal partito di Bersani, naturalmente, si smentisce. «Mi sembra una grande sciocchezza, totale fantapolitica», sostiene Francesco Boccia, «con una coalizione tutta da costruire, elezioni da vincere e congresso da fare, trovo assurdo che qualcuno possa pensare di difendere la propria posizione con un patto del genere. Che, tra l’altro, va contro l’essenza stessa del Pd. Perché noi siamo un partito davvero democratico, senza padri padroni, e i militanti ci farebbero a pezzi. Chi ne ha parlato forse soffre di mitomania». E anche altri esponenti democratici negano la possibilità di un simile accordo. «Non esiste proprio», tagliano corto dalla segreteria di Bersani. 

Il disegno, dicevamo, manca di due tasselli fondamentali. E lasciare libero il Quirinale potrebbe essere la mossa giusta per convincere definitivamente Casini a scegliere l’alleanza con il Pd. Mentre concedere le primarie di coalizione potrebbe essere quella per rafforzare il legame con Vendola. Ma alcune parti del Pd guardano anche alle possibili fughe dal Pdl. Come Beppe Fioroni. Secondo cui «il futuro è una coalizione tra una grande area riformista e una moderata in cui c’è Casini ma anche molto di più, ovvero tutti quelli che hanno capito che il berlusconismo è finito», dice l’ex diccì. Che però non rivela in quale delle due aree lui si schiererebbe. 

di Gianluca Roselli

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frank-rm

    17 Agosto 2012 - 12:12

    assolutamente no, ma per Libero sembra invece che Silvio sia immune da certe logiche

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    17 Agosto 2012 - 11:11

    Certo che e come il "caro leader silvio",perché avevi qualche dubbio?

    Report

    Rispondi

  • tyubaz

    17 Agosto 2012 - 10:10

    ....cercano solo voti con i matrimoni gay....non gliene fotte una sega dei problemi familiari..... VOTATELI....VOTATELI...VOTATELI...ancora..mi rakkomando!!!

    Report

    Rispondi

  • steu60

    17 Agosto 2012 - 08:08

    Comprendo il suo disappunto e la sua critica nei confronti di chi comunque lascia spazio ai numerosi ragli.Compreso il suo.Risula evidente che ella sia favorevole alla censura,tipica espressione della cultura bolscevico-stalinista:E' meglio un silenzio di tomba che discorsi di piazza?Oppure sono migliori le mie grida di piazza ed è gradito il silenzio di chi non la pensa come me.Egregio signore questo è uno dei pochi giornali che dà voce alla gente,anche se non si è dei soloni,se ciò le dà fastidio si colleghi al fatto on line oppure al manifesto,o all'unità o ai millanta pseudo-giornali che stampano solo in virtù del finanziamento all'editoria e che i loro più accaniti sostenitori non comprano perchè sanno perfettamente che sono soldi buttati.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog