Cerca

Processo samsung

Il giudice sbotta contro la Apple: "Ma vi siete fatti di crack?"

L'avvocato di Cupertino presenta 75 pagine di obiezioni, la toga s'arrabbia

Show di Lucy Koh in Aula e il legale della Mela ribatte pronto: "In primo luogo, vostro onore, non sto fumando crack. Posso giurarlo"
Il giudice sbotta contro la Apple: "Ma vi siete fatti di crack?"

 

"Ma vi siete fatti di crack?". Queste le parole di Lucy Koh, giudice americano federale della corte di San Jose in California, chiamato a metter la parola fina alla controversia tra Apple e Samsung.

Un processo "comico" - Dopo aver ascoltato per ore i dipendenti di Apple e quelli Samsung, la Koh ha poi riascoltato quelli di Cupertino che, a poche ore dallo scadere del tempo concesso, hanno presentato 75 pagine di obiezioni. A quel punto la sfuriata. Spazientita, il gidice si è rivolta al difensore: "Andiamo! 75 pagine! Lei vuole che io faccia un’ordinanza di 75 pagine! A meno che lei stia fumando crack, sa che questi testimoni non saranno mai ascoltati". William Lee, avvocato dell’Apple ha fatto un passo avanti e ha ribattuto: "In primo luogo, vostro onore, non sto fumando crack. Posso giurarlo". Una battaglia legale dai risvolti comici quella che si sta disputando tra le due grandi aziende del tech che si accusano l'un l'altro di plagio.

In attesa di sentenza - La sentenza è attesa tra una settimana e giovedì scorso, Koh ha fatto l'ennesimo tentativo di mediazione: "È tempo di pace, ho chiesto agli avvocati di cercare un nuovo accordo prima della sentenza, perchè vedo dei rischi per entrambe le parti in causa". Durante il processo californiano, che dura ormai da tre settimane, entrambe le aziende hanno cercato di provare la propria paternità sulle tecnologie di smartphone e tablet. L'ultima testimonianza è stata quella di Roger Fidler, esperto di informatica dell'università del Missouri, secondo cui i progettisti della Apple si sono basati in realtà sui disegni dello stesso Fidler, che dagli anni '80 studiava la realizzazione di un tablet e che li ha mostrati loro a metà degli anni '90. Questo, secondo gli avvocati della casa coreana, dimostrerebbe che Apple non può avanzare rivendicazioni su progetti che essa stessa avrebbe rubato. Prossimamente, Samsung proverà a colpire i rivali della Apple lanciando, probabilmente giovedì prossimo, negli Usa e in Gran Bretagna la nuova versione del suo tablet Galaxy Note. 

 

California

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog