Cerca

Palazzo Chigi tira dritto

La democrazia del prof Monti:
vietato votare sull'euro

Il premier chiude all'idea del ministro Moavero, che aveva proposto un referendum sulla moneta unica

La democrazia del prof Monti:
vietato votare sull'euro

 

Viviamo in un Paese in cui la democrazia rappresentativa è sospesa e quella diretta è  proibita ex cathedra. Intendiamoci: partiti e classe politica hanno fatto di tutto per meritarsi il commissariamento da parte di Mario Monti. Non si comprende invece quali colpe debbano scontare gli elettori per subire museruola e guinzaglio corto. Ce lo spiegherà alla lavagna un professore della Bocconi, un anno di questi. Intanto c’è Monti che usa un Canadair per spegnere la fiammella di speranza che il suo braccio destro, il ministro per gli Affari europei Enzo Moavero Milanesi, aveva acceso pochi giorni fa. 

Moavero - che non è un pericoloso populista, ma un grand commis ricavato dallo stesso stampo di Monti (erede del fondatore della Bocconi, ex vicesegretario generale della Commissione europea etc etc) - aveva timidamente proposto, anzi flebilmente sospirato, che forse, al limite, interpellare il popolo bue su una cosa che lo riguarda tanto da vicino non sarebbe stato del tutto sbagliato. Un referendum o qualcosa di simile a proposito dell’euro, in fondo, si potrebbe pure fare.

Leggi l'articolo integrale di Fausto Carioti su Libero in edicola oggi 21 agosto

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    22 Agosto 2012 - 12:12

    Un plauso, ha interpretato integralmente il mio pensiero e presumo quello di moltissimi Italiani veramente democratici e liberali che sono svincolati dal paraocchi ideologico soprattutto delle sinistre che vogliono un paese di ignoranti e sottomessi come era nei soviet staliniani. Alla faccia dei vari pinux3 e compagni che si identificano in coloro che ho appena citato.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    22 Agosto 2012 - 09:09

    Questa NON è una repubblica parlamentare, ma oligarchica e settaria. Il Governo è leggittimato da interessi esterni alla volontà popolare di cui il parlamento,espressione di una "casta" di potere variegata e tentacolare, è espressione. il Sen. Monti ha solo la fiducia dei capi partito troppo vigliacchi per governare e legati al potere finanziario e bancario. Che Berlusconi scompaia o no, sinceramente penso che agli italiani interessi molto poco. Il precedente governo, che piacesse o meno, è stato DEFENESTRATO dietro pressioni estere (Berlino in primis)e, al suo posto, è stato infatti messo un burocrate(scelta personale del Capo dello Stato tanto perchè questa è una repubblica parlamentare)un fedele scudiero della politica teutonica di cui, infatti stiamo ingoiando la medicina greca. Un consiglio, se non usciamo dal tunnel Berlusca Si o No, questo paese non farà mai un passo avanti. Per quanto riguarda il Referendum quasi tutti i popoli europei hanno potuto esprimersi perchè noi no?

    Report

    Rispondi

  • routier

    22 Agosto 2012 - 08:08

    Se è vero che in Italia non sono accettati i referendum sui trattati internazionali(vedi Euro), come mai Danimarca, Svezia e Inghilterra hanno mantenuto la moneta locale alla faccia dei suddetti trattati? Perchè loro si e noi no ? Che cosa ci nascondono? La famosa autodeterminazione dei popoli che fine ha fatto ?

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    22 Agosto 2012 - 01:01

    e la sacra "carta", avrei una mezza idea su dove potete mettervi l'uno e l'altra. Le leggi e la Costituzione sono state scritte da cialtroni e manigoldi. Se abbiamo potuto essere infilati nell'euro senza poter dire "bah" significa appunto che il nostro sistema è MARCIO e ANTIDEMOCRATICO cari i miei sofisti. Tutto normale nella lettera ma vergognoso nella pratica.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog