Cerca

Maria Giovanna Maglie

Il masochismo di Rihanna
ferisce tutte le donne

La cantante picchiata e contenta: si tratta di stupidità pura, oppure di ricerca di pubblicità perversa

Il masochismo di Rihanna
ferisce tutte le donne

 

Che si fa con una diva giovane, bella e miliardaria, divenuta simbolo della violenza domestica perché pestata a sangue da un fidanzato violento alla vigilia di un grande evento che la vedeva protagonista, se tre anni dopo confessa candidamente e pubblicamente che lui in fondo è buono, che la sua non era malvagità ma una richiesta di aiuto, che lei lo ama ancora, che chissà forse si rimettono insieme per futuri appassionati pestaggi? Due schiaffoni a Rihanna ci volevano tutti, qui la sindrome di Stoccolma, il masochismo femminile, la sindrome del «io ti salverò» non c’entrano, non è mica la povera tunisina pestata perché aveva sollevato il velo per la strada in Sicilia, non è mica la moglie massacrata dal marito ubriaco che non sa dove andare e come portarsi via i figli. Qui si tratta di stupidità pura, oppure di  ricerca di pubblicità perversa, del tipo «basta fare la parte della brava ragazza, ora sono un po’ puttana un po’ sado maso e ai fans piacerò ancora di più». Se la sua interlocutrice glieli avesse mollati due schiaffoni, a nome di tutte le femmine oppresse, massacrate, segregate e ammazzate nel mondo, quelle che non hanno gli strumenti per difendersi e reagire, quelle che nessuno le ascolta in tempo perché un marito è pur sempre un marito, la sua carriera avrebbe  avuto un nuovo picco di vivacità. Non è andata così.

Leggi l'articolo completo di Maria Giovanna Maglie su Libero in edicola oggi 22 agosto 2012

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudionebridio

    22 Agosto 2012 - 13:01

    Ci sono studi internazionali che stanno cercando di far capire che in Occidente la violenza domestica è equamente distribuita fra uomini e donne; che quella femminile, se si esprime meno con le mani, lo fa altrettanto deleteriamente con metodi psicologici spesso subdoli e altrettanto dolorosi; che la giurisprudenza internazionale in campo divorzistico è basata sulle balle della vulgata femminista con cifre taroccate volutamente disistimate dai politici solo perchè oggi, col donnismo imperante "mettersi contro le donne" equivale a perdere la poltrona mentre mettersi contro la verità (o tacerla) permette di mantenerla; che i divorzifici di Stato buttano sul lastrico migliaia di uomini e che fra questi i suicidi si contanoa migliaia (questa non è violenza?); che sono state taroccate statistiche includendo, in inchieste sulla violenza domestica, il giudizio negativo del coniuge sull'acquisto di vestiario della moglie. Siamonel campo della truffa e dello sfruttamento dellacredulità popolare

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    22 Agosto 2012 - 12:12

    si tratta di stupidità pura, oppure di ricerca di pubblicità perversa? ..... tutte è due !!!!

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    22 Agosto 2012 - 11:11

    Non è detto che il denaro e la fama portino appresso anche solidità mentale. Altrimenti non avremmo avuto le varie Whitney Houston,Amy Winehouse ma neanche Michael Jackson assieme a una lunghissima serie di ricche, ricchissime vittime delle proprie debolezze.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    22 Agosto 2012 - 10:10

    ....«basta fare la parte della brava ragazza, ora sono un po’ puttana un po’ sado maso e ai fans piacerò ancora di più»...ma scusi sig.ra Maglie ma lei dove vive? Quasi tutte le donne che si affacciano nella nostra TV (di stato e non)seguono questo principio. Dalle irreprensibili giornaliste alle stelline (veline) del momento, alle cantanti ecc. Belen è famosa perchè si è..divertita con un uomo triste e vari altri e perchè c'ha na farfalla tatuata. La Canalis perchè ha fatto una m...ta cioè ha avuto una "storia" con un attore noto. La Fico perchè è incinta e sfrutta la cosa su ogni giornale.Le giornaliste ballano in tv ed ammiccano durante i TG. Questo fa male alle donne, il subdolo messaggio che senza immagine sei uno zero che conti solo per ciò che appari e non importa ciò che sei o fai o latua professionalità, non le dicharazioni idiote e commerciali di una cantante che cerca di ampliare la base della propria notorietà!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog