Cerca

Intervista al Corriere

Di Pietro al veleno: "Scalfari mi fa vomitare. Bersani sta con Casini? Solo una sveltina"

Il leader Idv sfotte il segretario Pd: "Ha tradito i suoi, preferisce la storia di una notte, va a letto con chiunque...
Di Pietro al veleno: "Scalfari mi fa vomitare. Bersani sta con Casini? Solo una sveltina"

Tra Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini altro che amore, al massimo una sveltina. Non usa giri di parole Antonio Di Pietro, che in un'intervista al Corriere della Sera bolla l'eventuale accordo elettorale tra Pd e Udc come "la storia di una notte". Dura minga, insomma. La sfida del leader di Italia dei Valori parte da un punto, chiaro: "Io non sono isolato, sono i partiti che si sono isolati dai loro elettori, che hanno scelto di tradire il mandato e la Costituzione" sostenendo Monti. Miopi, attaccati alle poltrone, pure anti-costituzionali: Tonino con i democratici e i centristi non vuole spartire nessun progetto.

"Scalfari mi fa vomitare" - Né rinuncia ad attaccare Napolitano e le anomalie del suo ricorso alla Consulta contro la Procura di Palermo che indaga sulla trattativa Stato-mafia del '92: "Ora ci sono anche intellettuali come Zagrebelsky e Onida", gongola l'ex pm che pare cavalcare lo psicodramma manettaro che sta tagliando in due la sinistra, con Scalfari, Luciano Violante e il Pd da un lato e lo stesso Zagrebelsky, Fatto Quotidiano e grillini e dipietristi dall'altro. "Capisco Violante, tra veterani dello stesso partito ci si difende, come in Unione Sovietica. La sua è una posizione prepotente, irridente, strafottente". Anche il fondatore di Repubblica però difende Giorgio Napolitano e attacca i magistrati palermitani. "Scalfari? Mi vengono i conati di vomito a vedere queste penne brillanti, queste barbe bianche, che parlano dall'alto della loro onniscienza. Si offende la storia, la cronaca, la verità". La linea giustizialista e oltranzista dell'Idv, però, potrebbe attrarre qualcuno. "A Vasto il 21 settembre proporremo un programma di governo, a chi ci sta. Sel ci penserà due volte a tradire i suoi elettori". Nichi Vendola, va bene. Ma Bersani? "Vediamo se vuole andare a letto con chiunque. Un Casini o un casino si trova sempre, ma è la storia di una notte...". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • machian45

    22 Agosto 2012 - 19:07

    Peccato per le scatole di scarpe piene di milioni, la Mercedes in omaggio, la gestione dei finanziamenti a conduzione familiare, gli immobili sparsi per l' Italia, all' estero e quant' altro ha dato a pensare! Se non si fosse volutamente creato tutti questi scheletri, ben nascosti nell' armadio con l'intento di volerli far dissolvere nel tempo, riscontrerebbe, oggi, molto, ma molto più credito, apprezzamento e credibilità presso l' elettorato tutto che, senz' altro, lo avrebbe maggiormente premiato sin dall' inizio della sua avventura politica! Un vero peccato questi indelebili nei!

    Report

    Rispondi

  • mauricchio

    22 Agosto 2012 - 18:06

    Sendero, guarda che è incazzato con Scalfari: La Repubblica. Prova ad andare oltre la seconda riga la prossima volta.

    Report

    Rispondi

  • sorpasso

    22 Agosto 2012 - 18:06

    per una volta concordo su ciò che ha affermato Di Pietro.Certe persone hanno fatto epoca ora devo ritirarsi e magari fare i nonni o i bisnonni

    Report

    Rispondi

  • traiano1958

    22 Agosto 2012 - 14:02

    non mi è moto congeniale!! lo trovo un furbo mentecatto prestato alla politica e un ex magistrato senza scrupoli e parecchio di parte, però è vero, a volte ha delle sparate da condividere!! peccato non abbia uno spicchio di moralità!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog