Cerca

Il sondaggio di Piepoli

Il Pdl sale, Grillo in caduta libera: -3 per cento

Nuova rilevazione: fiducia in Monti stabile al 33%, si rafforza il partito di Berlusconi che in 50 giorni è risalito al 20%. Pd al 25, Movimento 5 Stelle al 15

Il Pdl sale, Grillo in caduta libera: -3 per cento

di Caterina Maniaci

Estate torrida, questa, che brucia anche le verdi speranze del movimento di Beppe Grillo: in cinquanta giorni - dall’ultimo rilevamento tra gli italiani - perde il 3 per cento dei consensi. Invece si registra un’inversione di tendenza per il Popolo della Libertà, che guadagna un 2 per cento di consensi. Sono questi i dati più eclatanti elaborati da Nicola Piepoli, decano dei sondaggisti italiani, e presentati da Affaritaliani.it. Il sondaggio descrive l’opinione degli elettori italiani rilevata lunedì 20 agosto rispetto alla situazione registrata nei primi di luglio.

La fiducia nel premier Mario Monti è stabile al 33%. Mentre il governo nel suo complesso è leggermente più amato del presidente del Consiglio ed è fermo al 34%. Movimenti interessanti tra i partiti, dove si assiste ad un rafforzamento del Pdl, che è salito in 50 giorni del 2% al 20. La prima forza politica resta il Partito Democratico, che si aggiudica il 25% dei consensi.

Il Movimento Cinque Stelle arretra di tre punti rispetto ai primi di luglio e si attesta poco sopra il 15%. Beppe Grillo sta subendo  «sintomi di asfissia», afferma Piepoli. L’area centrista Udc-Fli si sta irrobustendo ed è al 9% (più uno). Stabile al 6% la Lega Nord. Più o meno “ristagnanti” l’Italia dei Valori di Antonio Di Pietro e Sel di Nichi Vendola, rispettivamente al 5 e al 6 per cento.

Sull’orientamento di voto degli italiani sembrano dunque pesare due fattori fra tutti: il possibile ritorno in campo di Silvio Berlusconi e i molti flop accumulati in pochi mesi dal Movimento Cinque Stelle. Storicamente bisogna sottolineare che ogni volta “il ritorno” di Berlusconi sembra rafforzare e ridare slancio alla coalizione di centrodestra. Nel luglio scorso una ricerca di Euromedia Research aveva rilevato che il ritorno del Cavaliere porterebbe il Pdl al 30 per cento dei consensi. Lo stesso Piepoli, commentando questi dati, li aveva definiti «uno scenario senz’altro possibile».

L’onda lunga della “primavera arancione”, invece, si è fermata: gli eletti provenienti dalle fila dei grillini in pochi mesi, dalle elezioni amministrative di primavera, hanno accumulato  scandali, dimissioni forzate, debiti accumulati. Come succede a Parma, con il sindaco grillino Federico Pizzarotti, che è riuscito a varare la propria giunta “solo” dopo 46 giorni, passati tra polemiche e dimissioni varie. Fino al nuovo intoppo, ossia la nomina del nuovo sovrintendente del Teatro Regio, che rischia di trasformarsi in un ennesimo “pasticciaccio”. Qualche giorno fa, come rivelato da Repubblica, a Bologna si è scoperto che alcuni consiglieri regionali hanno pagato, con soldi pubblici interviste e ospitate nelle tv e nelle radio locali. Tra loro c'è anche il grillino Giovanni Favia che è stato eletto proprio per protesta contro la casta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    25 Agosto 2012 - 11:11

    infatti, solo chi ha un cervello minimo può pensare che il costo attuale degli idrocarburi dipenda dai Magistrati: vestiti di nero; ma non erano toghe rosse?

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    24 Agosto 2012 - 17:05

    Lo sò,per questo ai "beccamorti" togati gli sarà riservato il "giro di chiglia". A presto.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    24 Agosto 2012 - 17:05

    Come quello relativo ad una consultazione elettorare popolare....Alla sera trionfo e tripudio di cori,canti,calici e pasticcini....Con il risveglio,smaltita la sbornia...si noto' che invece al governo c'era la sinistra.Seguirono le scuse agli Italiani dalla *****.I sondaggi possono essere manipolati e sbandierati per influenzare l'opinione pubblica.Poi,non rispecchiano mai le intenzioni di voto degli Italiani in quanto adottano parametri scientifici che non corrispondono affatto alla realtà,ben diversa dalle ipotesi formulate scientificamente a tal riguardo.Basterebbe solamente andare tra la gente per strada, e sentire quello che dicono e pensano.Monti STABILE al 33%?Con quello che ha combinato mi sembra strano.Se fosse vero dovrei pensare che noi ITALIANI siamo una massa di c***ni.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    24 Agosto 2012 - 14:02

    Una persona con un minimo di cervello non può che essere d'accordo con quanto hai scritto.Purtroppo i poteri forti che ci impediscono di decidere e sopprattutto fare, non sono ne americani ne russi,sono quelli vestiti di nero che amministrano la Giustizia nel nome del Popolo Italiano.Ciao.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog