Cerca

Serie A, prima giornata

Inter e Napoli, squilli anti-Juve
Il Milan affonda subito in casa

I nerazzurri passano 3-0 a Pescara gli azzurri fanno lo stesso a Palermo. La Samp passa 1-0 a San Siro, la Roma di Zeman fa 2-2 col Catania

Cassano dal 1',  a segno Sneijder, Milito e Coutinho. Hamsik, Maggio e Cavani, gioia per Mazzarri. Allegri in crisi, Robinho ko: servono acquisti
Inter e Napoli, squilli anti-Juve
Il Milan affonda subito in casa

Inter e Napoli, tre gol e un messaggio alla Juventus: per la corsa scudetto le rivali vere sono loro. Nella prima giornata di Serie A gli uomini di Stramaccioni e Mazzarri convincono vincendo 3-0 a Pescara e Palermo e rispondono al 2-0 bianconero contro il Parma di sabato. Malissimo il Milan, che finisce ko 1-0 in casa contro la neopromossa Sampdoria, maluccio la Roma di Zeman che rimonta due volte il Catania all'Olimpico e si deve accontentare del 2-2.

Milito e Cavani - Il Pescara di Stroppa è una banda di giovani promesse, ma troppo inesperto. Gli abruzzesi partono bene poi l'Inter in una manciata di minuti risolve la gara: Sneijder prima, Milito poi mettono in cassaforte il risultato. Sul gol dell'argentino c'è l'assist (facile) del giocatore più atteso, Antonio Cassano. Stramaccioni lo manda in campo da subito, lo tiene in campo 68' e può sorridere per l'approccio psicologico dell'ex milanista. Per la condizione fisica accettabile, invece, occorrerà aspettare qualche settimana. Nel finale, brilla Coutinho, sostituto proprio di Cassano: suo il tris. Il Napoli si affida ai protagonisti della scorsa stagione: non c'è più Lavezzi, ma contro il Palermo bastano e avanzano Hamsik, Maggio e Cavani, che timbra nel finale il 3-0.

Disastro Milan - Un cantiere aperto, in attesa di tre acquisti che posano risollevare non solo il gioco (assente), ma soprattutto il morale. Il Milan inizia il suo campionato sulla falsariga delle ultime prove amichevoli: senza difesa, senza idee né personalità a centrocampo, spuntato nonostante l'ingresso tardivo di Pazzini. Montolivo non è Pirlo, Bonera e Yepes (migliore in campo, comunque) non valgono un Thiago Silva e davanti senza Ibrahimovic non si vede la luce. Anche perché la squadra di Allegri gioca come gli ultimi due anni: palle lunghe o sterili passaggi a metà campo. La Samp tiene senza problemi e al 59' passa con il giovane Costa, di testa su calcio d'angolo. La reazione rossonera è confusa e sfortunata: Yepes centra il palo, sempre di testa, Boateng l'incrocio con un tiro da fuori, un tiro di Flamini salvato sulla linea: 0-1 finale, fischi dai pochi tifosi presenti a San Siro. Entro mercoledì ci sarà l'assalto al Real per Kakà, ma il ritorno de brasiliano non basta. E intanto nuovo infortunio: dopo Pato, anche Robinho resterà fermo 3 settiman per un guaio muscolare.

Le altre - Il giovanissimo Lopez salva la Roma col Catania: i siciliani passano in vantaggio prima con Marchese poi con Gomez, i giallorossi rimediano con Osvaldo e trovano il 2-2 solo al 91'. Zeman rimandato. I giovani trascinano il Genoa: Merkel e Immobile stendono il Cagliari mentre la Lazio soffre per un tempo contro l'Atalanta ma passa 1-0 grazie a Hernanes. Pellissier e Cruzado trascinano il Chievo nel 2-0 al Bologna, mentre finisce 0-0 Siena-Torino.

Serie A, 1° turno

Fiorentina-Udinese 2-1 (2 Jovetic; Maicosuel)
Juventus-Parma 2-0 (Lichtsteiner, Pirlo)
Milan-Sampdoria 0-1 (Costa)
Chievo-Bologna 2-0 (Pellissier, Cruzado)
Palermo-Napoli 0-3 (Hamsik, Maggio, Cavani)
Atalanta-Lazio 0-1 (Hernanes)
Roma-Catania 2-2 (Osvaldo, Lopez; Marchese, Gomez)
Genoa-Cagliari 2-0 (Merkel, Immobile)
Pescara-Inter 0-3 (Sneijder, Milito, Coutinho)
Siena-Torino 0-0

 

Classifica

Juventus 3
Inter 3
Napoli 3
Fiorentina 3
Genoa 3
Chievo 3
Lazio 3
Sampdoria 2 (-1)
Catania 1
Roma 1
Udinese 0
Bologna 0
Cagliari 0
Milan 0
Palermo 0
Parma 0
Pescara 0
Torino 0 (-1)
Atalanta -2 (-2)
Siena -5 (-6)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    27 Agosto 2012 - 13:01

    Non per il risultato di eri che ci può sempre stare in uno sport come il calcio, ma Allegri NON AMA IL MILAN e quindi deve andarsene. Chiaro il messaggio presidente? (vedi anche le sonore sconfitte precampionato)

    Report

    Rispondi

  • Cini

    27 Agosto 2012 - 12:12

    Il Milan non c´è, non si vede e non si sente. Squadra come ridotta oggi in una da Serie B.

    Report

    Rispondi

  • lella64

    27 Agosto 2012 - 12:12

    mi dispiace della sconfitta del milan ma spero che questo serva alla società per capire che senza rinforzi la squadra non è competitiva.X PINO&PINO.E' PROPRIO VERO CHE LA MAMMA DEI CRETINI E' SEMPRE IN CINTA,E TU NE SEI L'ESEMPIO.

    Report

    Rispondi

  • pino&pino

    27 Agosto 2012 - 10:10

    Gli stessi "punti" di Silvio, 0.

    Report

    Rispondi

blog