Cerca

Nuovo attacco

Afghanistan, missile contro base italiana: tre soldati feriti

Offensiva degli insorti a Bala Boluk, il razzo all'interno della base ma non esplode: i militari non sono in pericolo di vita
Afghanistan, missile contro base italiana: tre soldati feriti

 

Tre soldati italiani sono rimasti feriti in Afghanistan dopo un attacco: intorno alle 10 ora locale, le 7.30 in Italia, un razzo da 107 mm lanciato dagli insorti è caduto, senza esplodere, all’interno della FOB (Forward Operative Base) Tobruk, di Bala Boluk, settore di competenza della Task Force South. Si tratta della base del Reggimento Cavalleggeri Guide, nell’area sud del Regional Command West, a guida italiana. 

L'impatto dell’ordigno sul terreno ha causato la proiezione di terriccio e pietre, che hanno investito i tre soldati italiani Trasportati per le cure del caso presso l’infermeria (Role 1) della base, per uno di loro si è reso necessario il trasferimento, a scopo precauzionale, per ulteriori accertamenti al Role 2 di Farah. Gli altri due militari hanno riportato solo lievi contusioni. I militari coinvolti, non in pericolo di vita, sono rimasti sempre coscienti ed hanno avvisato personalmente i propri familiari. L'area interessata è stata posta in sicurezza e un nucleo di   specialisti EOD (Explosive Ordinance Device) provvederà a far brillare l’ordigno.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ludvig53

    27 Agosto 2012 - 12:12

    ma che caxxo ci facciamo ancora li ??

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    27 Agosto 2012 - 12:12

    Che strano...Lo Stato Italiano manda i soldati a uccidere altri esseri umani in una guerra che non ci appartiene,ma contro la Mafia in Italia non fanno niente...come mai ? Ah è vero...I talebani non portano voti alla politica,la Mafia si...

    Report

    Rispondi

  • machete883

    27 Agosto 2012 - 12:12

    mi chiedo questi ragazzi, che rischiano la vita sotto la nostra bandiera.., cosa pensino dello schifo nazionale che difendono !!!! ONORE A LORO..DISONORE ALL'ITALIA POLITICA!!

    Report

    Rispondi

  • lella64

    27 Agosto 2012 - 12:12

    non riesco a capire cosa ci fanno i nostri ragazzi in quel territorio.Ad aiutare chi?Chi non vuole essere aiutato?A loro non frega niente se rischiano la vita tutti i giorni per portare un po'di democrazia e libertà.La libertà bisogna volerla ,conoscerla e soprattutto conquistarsela,tutte cose a questa gente sconosciute.Per cui che restino nella loro ignoranza e portiamo a casa i nostri ragazzi,basta con quelle che definiscono missione di pace,quando invece sono dei veri e propri massacri(Nassirya) senza possibilità di difesa.Mandiamoci i nostri politici in missione di pace o i loro figli,avrebbero qualcosa da imparare e ci risolverebbero tanti problemi

    Report

    Rispondi

blog