Cerca

Ottimismo e pessimismo

La Merkel non convince Moody's: Pil dell'Italia giù nel 2012, la ripresa è un miraggio

L'agenzia di rating gela l'entusiasmo della cancelliera: nel 2012 il nostro Pil a -2%. Male l'Eurozona, frenano i paesi emergenti
La Merkel non convince Moody's: Pil dell'Italia giù nel 2012, la ripresa è un miraggio

 

"I rischi per la ripresa economica tra quest’anno e il prossimo sono aumentati rispetto alla scorsa primavera". Lo rileva l’agenzia internazionale Moody's, che ha aggiornato il suo outlook di aprile scorso prevedendo bruschi rallentamenti nei Pil di tutti i paesi, Italia in testa. La crescita delle economie emergenti rallenterà più delle attese e la crisi del debito dell’Eurozona - rileva l’agenzia - continuerà a generare i maggiori rischi per lo scenario globale. Secondo Moody's i rischi per la ripresa sono saliti a causa della recessione più profonda del previsto che ha colpito l’Eurozona, determinando una contrazione più consistente del credito; per il brusco rallentamento della crescita in Cina, India e Brasile; per lo shock dei prezzi petroliferi; per il rischio di una stretta fiscale severa e improvvisa paventata negli Usa nel 2013.Negli ultimi tempi, secondo l'agenzia, sono aumentati i rischi globali al ribasso per via della situazione dell’Eurozona. La stima complessiva per il G20 è di una crescita del 2.8% nel 2012 e del 3.4% nel 2013, in calo sul +3.2% del 2011 e +4.6% del 2010.

Brutte notizie per l'Italia - L’agenzia Moody's ha rivisto al ribasso anche le stime sul Pil dell’Italia, che nel 2012 dovrebbe contrarsi del 2 per cento L'Eurozona, secondo Moody's, dovrebbe invece contrarsi nell’anno in corso dello 0,5% ma con performance assai divergenti: per la Germania l’agenzia prevede una crescita relativamente maggiore delle stime (+0,5%) mentre la Francia è prevista 'piatta'. Confermato il Pil in calo dell'1,5% della Spagna, mentre il Portogallo dovrebbe vedere una contrazione del 3,5% e la Grecia addirittura del 7 per cento. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mvannozzi

    31 Agosto 2012 - 08:08

    grande BOLINASTRETTA !!! Condivido totalmente.... Monti dovrebbe tornare alla Bocconi anche domattina ma come BIDELLO !!! Visti i danni che ci ha provocato.....speriamo di chiudere tutti noi piccoli artigiani o commercianti, così si decideranno a licenziare i fannulloni intoccabili della pubblica amministrazione!!!! O magari metteranno la benzina a 10 € al litro.... Chissa' ..... Lo scopriremo solo vivendo. ....diceva il grande Lucio Battisti

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    30 Agosto 2012 - 16:04

    Una che prende per il culo l'altro, che gigione ci casca in pieno! Bravo bravo tassa per bene i tuoi connazionali così non consumano e non spendono più nulla. le aziende non producono e chiudono e di conseguenza non ti pagano le tasse, gli operai vanno a casa, e tu li devi mantenere! poi fallirai e la germania sarà pronta a comprarti a prezzo di realizzo!!! Grandi i prof della bocconi, chi sa che menti eccelse che sforna ogni anno se il capo é così stolto!!!

    Report

    Rispondi

  • ketaon_01

    30 Agosto 2012 - 16:04

    Hollande è un genio dell’economia ?? O i nostri politici sono dei mafiosi e degli incapaci ?? Compreso quello del colle

    Report

    Rispondi

  • ketaon_01

    30 Agosto 2012 - 16:04

    •Ha abolito tutti i sussidi governativi a riviste, rivistucole, fondazioni, e case editrici, sostituite da comitati di “imprenditori statali” che finanziano aziende culturali sulla base di presentazione di piani business legati a strategie di mercato avanzate. •Ha varato un provvedimento molto complesso nel quale si offre alle banche una scelta (non imposizione): “chi offre crediti agevolati ad aziende che producono merci francesi riceve agevolazioni fiscali, chi offre strumenti finanziari paga una tassa supplementare: prendere o lasciare”.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog