Cerca

Nella Lega Nord

Bossi conta come il due di picche:
"La Padania" rispolvera Miglio

Il quotidiano del Carroccio rispolvera in prima pagina l'ideologo del movimento, che nel 1994 dopo le elezioni ruppe violentemente con il Senatùr

Miglio, morto nel 2001, disse: "Bossi non lo voglio vedere mai più". Oggi la Padania rilancia la "sua" Macroregione
Gianfranco Miglio e Umberto Bossi

Gianfranco Miglio e Umberto Bossi

Umberto Bossi piange, e ne ha ben donde. Non si tratta di senilità. Semplicemente il Senatùr prende atto del fatto che la sua Lega Nord non esiste più. Dopo lo scandalo gli hanno smontato il giocattolo. Molti lo hanno scaritcato, altri scomunicato, qualcuno lo ha deriso, Roberto Maroni ha preso il suo scettro, alle feste dei militanti viene lasciato in disparte. Ed oggi l'ultimo capitolo di una triste parabola. La pugnalata arriva dal quotidiano di famiglia, La Padania, che spara in prima pagina il titolo: "Macroregione. E' il brevetto Miglio-Lega". 

"Prima Miglio" - Già, il foglio verde ripropone il professore, l'ideologo del Carroccio che ruppe con Bossi nel 1994. La Padania ripropone "il progetto" che è "una costante del professore, dal Cisalpino fino agli Anni '90". Eloquente il titolone di pagina 4: "Macroregione. Prima Miglio. Prima la Lega". Insomma, un'idea che fu prima del professore e poi assorbita dalla Lega Nord. Tutto vero, ma fa comunque un certo effetto vedere tutto questo spazio dedicato a Gianfranco, riabilitato in tutto e per tutto. Uomo da prima pagina.

La rottura  Per chi non se lo ricordasse, ecco un breve sunto di quanto accadde quasi vent'anni fa. In occasione delle elezioni del 1994 in ticket con Silvio Berlusconi, Bossi nel programma accolse solo marginalmente i punti salienti del progetto di Miglio. Quindi il dissensò si acuì poiché il professore non fu nominato ministro, e Bossi spiegò che sia Berlusconi sia Gianfranco Fini erano contrari alla nomina. Tranchant la risposta di Miglio: "Spero proprio di non rivederlo più. Per Bossi il federalismo è stato strumentale alla conquista e al mantenimento del potere". Le strade del Senatùr e di Miglio non si intrecciarono più. Ma oggi quelle del professore (morto nel 2001) e del Carroccio, almeno su La Padania, si ritrovano. Una ulteriore dimostrazione del fatto che, oggi, Bossi nella Lega non conta più nulla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    31 Agosto 2012 - 18:06

    Questa è la ferrea regola che hanno nella Lega.Hai rubato e fatto il furbo?Fuori dalle PALLE fondatore o meno.Se vuole continuare a non essere da meno degli altri personaggi e rubare ancora vada in un altro partito o se ne fondi un altro per farlo ancora meglio.E' questo che mi piace della Lega.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    31 Agosto 2012 - 18:06

    della Contea a Lorien è quello che il buon vecchio Hobbit Miglio voleva unire, insieme ai cuori dei Vanyar, i Noldor ed i Teleri, divisi da una guerra fratricida.

    Report

    Rispondi

  • williamc

    31 Agosto 2012 - 18:06

    W la Lega Nord, W la Padania. Vai Maroni sei forte.

    Report

    Rispondi

  • williamc

    31 Agosto 2012 - 18:06

    Lasciate perdere Bossi non è rilevante.Lasciate perdere la denigrazione della Lega perchè questo non paga. Quelli che vi pagano questi servizi denigratori si accorgeranno che vi stanno pagando per niente.W la Lega W la Padania!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog