Cerca

Rimedi anti-crisi

Benzina, ecco come risparmiare
facendo la spesa al supermercato

Per combattere i prezzi folli dei distributori, le grandi catene offrono buoni sconto: ecco dove potete pagare meno il carburante

Più si riempie il carrello, più si risparmia alla pompa: ecco le iniziative di Esselunga, Carrefour e Conad
Benzina, ecco come risparmiare
facendo la spesa al supermercato

 

I prezzi della benzina continuano ad aumentare, con la verde ormai scollinata oltre due euro al litro. A dare una boccata d'ossigeno agli automobilisti sempre più in crisi, ci provano i supermercati, che offrono ai propri clienti buoni sconto e pompe low-cost. In pratica, più la tua spesa è abbondante, maggiore sarà il risparmio al rifornimento. Ma attenzione, c'è da affrettarsi perchè le iniziative stanno per scadere. Eccole elencate.

Esselunga-Q8 - L'occasione del momento è rappresentata dall'alleanza Esselunga-Q8: fino al 12 settembre, per ogni 50 euro di spesa si riceve un buono sconto carburante di 8 euro da spendere alle stazioni di servizio Q8 aderenti. L'unica condizione è effettuare un rifornimento di almeno 40 euro, con il buono da utilizzare entro i 29 settembre.

Carrefour - Anche la catena di supermercati Carrefour ha promosso la sua iniziativa, valida fino al 9 settembre, chiamata "Benzina anticrisi": l'idea di fondo è risparmiare sia sul rifornimento che sulla spesa. Ogni 20 euro di carburante acquistato ai distributori presso i punti vendita della catena, si ottiene un buono sconto di 2 euro, da utilizzare per la spesa presso i supermercati Carrefour fino al 30 settembre.

Aucahn e Conad - I prezzi della benzina più bassi in assoluto sono quelli degli impianti self-service targati Auchan e Conad: qui, gli sconti possono arrivare fino ai 10 centesimi al litro, ossia un risparmio medio di 5 euro a pieno.

Q8 e Eni - Il 3 settembre termineranno anche la promozione Q8 "EssoSelfPiù" e l'iniziativa di Eni "Riparti con Eni": la prima garantisce uno sconto fino a 21 centesimi al litro per il prezzo self service di benzina, gasolio ed E-Diesel durante gli orari di chiusura degli impianti; la seconda consente un rifornimento a prezzo ribassato (circa 20 centesimi al litro), in tutti i distributori aderenti in Italia, autostrade escluse.

Pome bianche - Infine, ci sono le "pompe bianche", distributori indipendenti sparsi sul territorio nazionale gestiti da piccoli imprenditori, che garantiscono un risparmio sul rifornimento intorno 6 centesimi in meno al litro rispetto ai prezzi medi, che corrisponde circa 3 euro per un pieno di benzina di 50 litri.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dinumby

    01 Settembre 2012 - 00:12

    Fiscalmente questi buoni sconti chi li paga il supermercato o lo stato?

    Report

    Rispondi

  • tunnel

    31 Agosto 2012 - 19:07

    C'è solo un modo di risparmiare, ed è quello di non consumare,basterebbe lasciare l'auto in garage per alcuni giorni, vedrete che il carburante lo dovranno regalare per svuotare tutti i serbatoi,e le navi cisterne saranno costrette a scaricare al mare tutto il grezzo imbarcato, se non si il carburante vende cosa ci faranno con il grezzo? non lo riporteranno di certo indietro da dove l'hanno caricato,logico.

    Report

    Rispondi

blog