Cerca

Storia da film

Rodriguez, da ex terrorista a campione paralimpico

Il nuotatore spagnolo, paraplegico, negli anni '70 era a capo dei Grapo, feroce gruppo terroristico

L'altleta nel 1985 venne condannato a 84 anni di carcere per omicidio. Uno sciopero della fame di 432 giorni l'ha costretto alla carrozzina
Rodriguez, da ex terrorista a campione paralimpico

Quella di Sebastian Rodriguez è una storia assurda, perfetta per il cinema. Il nuotatore spagnolo, paraplegico, che ha conquistato la sua tredicesima medaglia paralimpica a Londra con l'argento nei 50 stile libero, ha un passato a dir poco burrascoso: verso la fine degli anni '70, Rodriguez era uno dei capi dei Grapo (Grupos de Resistencia Antifascista Prime de Ocrubre), un feroce gruppo terroristico che conta 75 morti in quasi trent'anni di attività. 

La condanna - Nell'85 venne arrestato per il coinvolgimento nell'omicidio di un uomo d'affari, morto dopo lo scoppio di una bomba a Siviglia. Fu condannato a 84 anni di carcere: nel '90 iniziò uno sciopero della fame dopo che gli venne negata la richiesta di riunire tutti i membri dei Grapo in un solo carcere. La protesta ne deteriorò il fisico, che sviluppò un'incapacità ad assumere proteine: Rodriguez divenne paraplegico e cominciò ad usare la carrozzina. 

Rinascita - Uscito dal carcere nel '96, dopo 12 anni, inizia subito a fare sport, prima il basket, poi la piscina. E il nuoto diventa la sua fortuna: Rodriguez si allena duramente e diventa un campione, conquistando 5 ori a Sydney, tre ori e due argento ad Atene e due bronzi a Pechino. Con quella di Londra sono tredici. Una storia da film. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brutus

    02 Settembre 2012 - 15:03

    Dunque, ha fatto il terrorista per 10 anni, ha ammazzato gente onesta, é stato condannato a 84 anni, ne ha fatti solo 12 e adesso lo dobbiamo pure ammirare? Se fosse stato un elettricista che, per errore, avesse causato danno a un dipendente, sarebbe in galera per la vita. Ma come facciamo noi genitori a spiegare ai nostri figli che "il crimine non rende" ?

    Report

    Rispondi

blog