Cerca

Trattative in corso

Sulcis, stop all'occupazione dei pozzi

Gli operai di Nuraxi Figus sono risaliti in superficie e domani riprenderanno la produzione

Sulcis, stop all'occupazione dei pozzi

L’occupazione della miniera di Nuraxi Figus è terminata, ma non la mobilitazione dei lavoratori della Carbosulcis che vogliono avere rassicurazioni sul futuro occupazionale e sul rilancio dell’azienda. I minatori, scesi una settimana fa a una profondità di 373 metri, sono risaliti in superfice e domani riprenderanno la produzione. La decisione di lasciare liberi i pozzi è stata presa questa mattina, lunedì tre settembre,  al termine di un’assemblea che ha avuto come tema principale il progetto della Regione che il governo ha chiesto di rimodulare per renderlo sostenibile sul piano economico. La svolta dopo la rassicurazione del ministero sul fatto che l'impianto non sarà chiuso. 

Le richieste "Abbiamo chiesto alla Regione un incontro urgente per discutere del nuovo progetto carbone-centrale e sui futuri investimenti nella miniera", ha detto Sandro Mereu, della Rsu di Carbosulcis, "la mobilitazione prosegue, anche se si è deciso di togliere l’occupazione".  Resta invece sempre forte la preoccupazione degli operai dell’Alcoa. Il rappresentante dell’azienda di Portovesme, Giuseppe Toia, stamane ha confermato il programma di fermata degli impianti. Per ora, hanno sottolineato i sindacalisti Franco Bardi (Cgil Fiom), Daniela Piras (Uil) e Bruno Usai (Cgil Fiom) si inizia con 13 celle. Un’operazione che la multinazionale vorrebbe concludere entro poche settimane. Intanto si prepara la trasferta a Roma. Mercoledì i rappresentanti dei lavoratori saranno al ministero dello Sviluppo economico per partecipare a un tavolo con il Governo, la Regione e l’azienda. Con loro, giù in strada, ci saranno non meno di 600 lavoratori e i sindaci del territorio. A loro vorrebbero unirsi anche i commercianti e artigiani della zona, ma il viaggio presenta costi non indifferenti. Altro appuntamento importante in agenda è per il prossimo venerdì quando la svizzera Glencore dovrebbe formalizzare la proposta per l’acquisto dello stabilimento sardo che gli americani dell’Alcoa hanno deciso di chiudere, assicurando comunque ai lavoratori le spettanze fino alla fine dell’anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • incolore

    04 Settembre 2012 - 10:10

    dopo 20 anni di meditazione (profonda),ri-partoriscono l'unica soluzione che conoscono:ne riparliamo un'altra volta.

    Report

    Rispondi

  • powerinvest

    04 Settembre 2012 - 05:05

    non permettono la continuazione della produzione. Allo Stato costa meno pagare gli operai attraverso una CIGS piuttosto che tenere lo stablimento in funzione. Alla SULCIS vale lo stesso ragionamento. Per gli operai è un dramma, e non ci sono soluzioni possibili.

    Report

    Rispondi

  • brunom

    03 Settembre 2012 - 23:11

    esauriti si ripetera' tutto come da copione. Dando soldi ad aziende decotte si continua ad impedire a quelle sane di crescere e si tengono in vita aziende che non hanno futuro. Quella di tagliarsi il polso e' stata una pagliacciata mediatica, consiglio ai minatori di cercare alternative perche' l'ultimo finanziamento non sara' la soluzione del problema. Ci sono in giro per il mondo giacimenti carboniferi a cielo aperto e di migliore qualita', difficiel competere.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    03 Settembre 2012 - 15:03

    Non ci si fanno più nemmeno le batterie, come una volta. Questi 'lavoratori' che si tagliano i polsi solo davanti alla Tv, fanno prima ridere e subito dopo piangere

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog