Cerca

Dramma a Piacenza

Le due gemelline di tre mesi
costrette a vivere in macchina

La vicenda è stata scoperta dalla sezione Minori della Questura della città e dai servizi sociali

I genitori, due trentenni originari di Crotone, da anni girano l'Italia senza fissa dimora e senza occupazione, utilizzano le mense Caritas vivendo in una Fiat station wagon
6
I genitori, due trentenni originari di Crotone, da anni girano l'Italia senza fissa dimora e senza occupazione, utilizzano le mense Caritas vivendo in una Fiat station wagon

Due gemelline di tre mesi sono state costrette a vivere in auto, in un passeggino singolo, a causa di una situazione familiare a dir poco difficile. E' successo a Piacenza e la vicenda è stata scoperta dalla sezione Minori della Questura della città che, insieme al servizio tutela minori dei servizi sociali del Comune emiliano, ha trovato una soluzione, sistemando la madre e le piccole in una struttura protetta e il padre dovrà trovarsi una sistemazione. Intanto, la Procura dei minori di Bologna ha aperto un'inchiesta. I genitori, due trentenni originari di Crotone, da anni girano l'Italia senza fissa dimora e senza occupazione, utilizzano le mense Caritas vivendo in una Fiat station wagon o in alloggi di fortuna. A maggio la donna aveva dato alla luce le gemelline e da poco meno di due settimane la famigliola aveva raggiunto Piacenza. Ricevuta una segnalazione che riferiva delle neonate costrette a vivere nell'abitacolo di una vettura, la polizia ha avviato immediatamente le ricerche, in collaborazione con i servizi sociali. Dopo qualche giorno di ricerche, la famiglia è stata rintracciata nella mensa dei frati cappuccini.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    05 Settembre 2012 - 01:01

    ospitiamo (forzatamente, nessuno li vuole) orde di straccioni africani in albergo, finti profughi mantenuti con vitto,alloggio e sussidi vari (bellissimo vederli a branchi andare a comprarsi caramelle, birra, leccornìe coi soldi delle regioni) mentre ci sono tanti italiani, si stima 8 milioni, sotto la soglia di povertà. Fuori a calci tutti i clandestini, i lerci rom senza lavoro legale (anche quì...tutti), i "migranti" che consumano più welfare delle scarsissime tasse che pagano. Altro che risorse immigrate, via tutta questa marmaglia africana, rumena ecc ecc e redirigiamo il welfare ai connazionali in reale difficoltà. Immigrazione cancro assoluto.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    04 Settembre 2012 - 11:11

    Secondo l'Ocse, in Italia il numero oscilla tra i 500 e i 750 mila “irregolari”. Il costo di ognuno di loro è di circa 10 euro al giorno. Poichè non si accontentano dei servizi gratuiti, spacciano, rubano e stuprano. Possibile che gli italiani sopportino questo stato di cose?

    Report

    Rispondi

  • Beppe.demilio

    04 Settembre 2012 - 07:07

    Agli immigrati alloggi nuovi ,assistenza di ogni genere,il lavoro,soldi ,pensioni se hanno 65 anni anche se appena arrivato in Italia,zingari sussidi e disoccupazione,assistenza sanitaria compreso eventuali apparecchi dentali, .il tutto gratis.Chi paga il conto? NOI ITALIANI!! Con il governo Monti non ci sono più clandstini ,sono rifugiati politici o profughi e questo perchè non vogliono più mandarli a casa loro. Questo governo è anche dispiaciuto per gli stranieri che se ne vanno a casa o in altri paesi perchè,secondo questi dementi,l'Italia deve salvarsi la faccia non il sedere! Italiani sveglia!!Siamo nella cacca ma non dobbiamo sentirne gli odori secondo questi razzisti schifosi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media