Cerca

Fiorato

La giornalista del Tg1 in malattia torna solo per andare a Miss Italia

Per mobbing, Cinzia ha chiesto un risarcimento di 250mila euro a Viale Mazzini

Cinzia Fiorato

Cinzia Fiorato

 

di Enrico Paoli

A maggio la “notizia” era stata lei, Cinzia Fiorato, telegiornalista del Tg1. Una vivace discussione con un collega, alla presenza del fidanzato della giornalista, nonché avvocato della stessa e causa del diverbio, era finita con l’arrivo dei carabinieri in redazione, chiamati dalla stessa Fiorato. Apriti cielo. Dopo quell’episodio la Fiorato, già vittima di «un’azione stalkizzante da parte di persona ignota», come sostiene la giornalista nella memoria difensiva redatta dal suo avvocato e fidanzato, si è messa in malattia. Impossibile continuare a lavorare in una redazione ostile, figuriamoci in un’azienda alla quale hai fatto causa per «mobbing e demansionamento».  

La Fiorato, infatti, sostenendo di essere «mobbizzata» dal suo capo Monica Maggioni, ha chiesto un risarcimento di 250 mila euro e una «conduzione prestigiosa»: quella delle 13,30 o delle 20. Questo le consentirebbe, sostiene la Fiorato, di liberarsi da uno stalker che di notte la perseguita in Rai. Assistita in tribunale dal suo avvocato e fidanzato, Vincenzo Iacovino,  la Fiorato ha chiesto un rinvio. Se ne riparlerà il 18 settembre. Nel frattempo, però, c’è Miss Italia e siccome la Fiorato è abituata a seguire la manifestazione, la telegiornalista del Tg1, secondo le solite voci di corridoio di Saxa Rubra, «sarebbe tornata al lavoro solo per andare a Montecatini», sibilano in redazione. Voci, certo, ma che trovano un riscontro. Il direttore del Tg1, Alberto Maccari, avrebbe posto alla Fiorato una precisa condizione: «Va bene seguire Miss Italia, ma solo per un giorno». Insomma, visto che siamo in tempi di vacche magre bisogna risparmiare, considerato che la Rai, in Toscana, ha sede regionale con almeno 10 redattori. 

Ma i “pensieri” del direttore del primo telegiornale della tv pubblica non finiscono qui. A corto di vice direttori, tanto che questa estate Gennaro Sangiuliano ha dovuto fare gli straordinari coprendo tutte le edizioni ( gli ascolti, però gli hanno dato ragione), Maccari sarebbe intenzionato a  varare un bel pacchetto di nomine in vista dell’autunno caldo. Nei piani del direttore, saldamente al comando del Tg1 grazie all’ottimo feeling con il premier Mario Monti, ci sono Giorgio Balzoni, Andrea Montanari e Filippo Gaudenzi, tutti rigorosamente di sinistra, dunque graditi al Pd che ha smesso di chiedere la testa di Maccari. Il problema vero, però, è rappresentato da Susanna Petruni, volto noto del tg delle 20 e vice direttore del Tg1. Maccari l’avrebbe posta davanti ad un bivio: o la conduzione o la vice direzione. Un bel dilemma che rischia di avere  non pochi riflessi politici, vista la virata a sinistra che Maccari vuole dare al suo telegiornale.

Nel frattempo anche il vertice della Rai ha deciso di mettersi  in moto, iniziando a far sentire la propria presenza. Sul tavolo del consiglio di amministrazione, fissato per domani mattina, ci saranno le proposte del direttore generale della Rai,  Luigi Gubitosi per la Sipra, Rai Fiction e Raiway. In particolare Gubitosi proporrà per la Sipra se stesso in qualità di presidente, in attesa di trovare una sintesi politica che accontenti tutti, e Lorenza Lei, come amministratore delegato. Aldo Reali, che ricopriva l’incarico, ha rassegnato le dimissioni, anticipando le scelte del cda della Rai. Per quanto riguarda i consiglieri sembra che Gubitosi abbia in mente di nominare i direttori di RaiUno, RaiDue e  RaiTre, rispettivamente Mauro Mazza, Pasquale D’Alessandro e Antonio Di Bella. Per quanto riguarda Rai Fiction, Gubitosi proporrà al cda Eleonora Andreatta - figlia dell’ex ministro e già  da anni capostruttura di Rai Fiction - al posto di Fabrizio Del Noce, arrivato al traguardo della pensione,  mentre per Raiway chiederà  la conferma di Aldo Mancino, quale direttore generale, e di Stefano Ciccotti amministratore delegato. Insomma un bel valzer di nomine per far capire a tutti che la musica è cambiata.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigigi

    06 Settembre 2012 - 16:04

    Una certa Rita Mattei, dopo essere stata defenestrata, per motivi professionali (ricorderete tutti il casino provocato sull'inchiestadei pedofili, dove vennero messi in risalto i piccoli offesi....)da Rai3, nell'immediata vicinanza della sua messa in pensione FU MENZIONATA CON TANTO DI SCRITTA sul Tg2 per un servizio fatto anni addietro. Tutto questo basto' a far aumentare di grado e la pensione relativa per la stessa dal giorno dopo in cui divenne pensionata. Come, per gli Ufficiali delle FF.AA., che in procinto di andare in pen sione, vengono promossi di grado con la pensione relativa ed annessi privilegi. Percio', cari del giornale Libero, di fetenti e di gente che si prende le nostre tasse ce ne sono in tutte le categorie, che sian o parlamentari, giornalisti, generali e colonnelli! E' l'Italia e chi la dirige da 20 anni a questa parte, che fa' schifo in tutti i sensi, altrimenti queste prepotenze continue, che hanno portato alla rovina del Paese non esisterebbero! Poveri noi!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • f.rossi

    05 Settembre 2012 - 22:10

    ma i controlli per le fasce orarie non valgono per i giornalisti?????

    Report

    Rispondi

  • f.rossi

    05 Settembre 2012 - 22:10

    vai più in là che vengo io!!! Braccia rubate all'....

    Report

    Rispondi

  • dulbecco2

    05 Settembre 2012 - 21:09

    la Andrestta non sarà li per meriti.. tutti a casa

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog