Cerca

Buco nero occupazionale

Ecco la storia del sindacato
che difende chi non lavora

Assenteismo record al porto di Gioia Tauro: Cgil, Cisl e Ugl lo riducono dal 14 al 4% con un accordo. Ma la Uil lo boccia...

L'Italia dei paradossi. Le sigle riescono a trovare un'intesa che abbatte l'assenteismo, ma ecco che spunta il sindacato che la boicotta
4
Il porto di Gioia Tauro

Il porto di Gioia Tauro

L'Italia dei paradossi. Le sigle riescono a trovare un'intesa che abbatte l'assenteismo, ma ecco che spunta il sindacato che la boicotta

"Sparse su tutto il Paese ci sono aziende che non riescono a pagare i dipendenti, operai in cassa integrazione o senza stipendio che salgono sui tetti e persino si seppelliscono nelle miniere. Tutte persone che vorrebbero poter continuare a svolgere il proprio lavoro, come sempre hanno fatto. E poi c’è il porto di Gioia Tauro, in Calabria. Dove, dopo un periodo di grave crisi, la produttività nel primo semestre del 2012 è aumentata, l’assenteismo calato e una grande azienda internazionale ha deciso di investire. Eppure, ora, grazie a un provvidenziale intervento sindacale, tutto rischia di andare a monte, i risultati raggiunti negli ultimi mesi potrebbero andare persi e la situazione si avvia a ritornare quella - pessima - del 2011", spiega Francesco Borgonovo su Libero in edicola oggi. Che è successo? E' successo che al porto di Gioia Tauro l'assenteismo era a livelli record, al 14 per cento. Con un accordo, Cigl, Cisl e Ugl sono riusciti a ridurlo al 4 per cento. Ma la Uil ha deciso di bocciare l'intesa.

Leggi l'approfondimento su Libero in edicola oggi, mercoledì 5 settembre

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • BO45MARPASS

    04 Maggio 2014 - 20:08

    conplimenti ,e si chiedono come mai perdono credibilita'?

    Report

    Rispondi

  • darkstar

    06 Settembre 2012 - 12:12

    Rovina del paese. Federalismo e meritocrazia i rimedi. Fine dell'art.18, fine della cassa integrazione, basta mantenere i lazzaroni.

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    05 Settembre 2012 - 15:03

    Poi ci domandiamo perché nessuno vuole andare al Sud a costruire qualcosa, perché non vuole investire in una attività. Perché, pare, pochi hanno voglia di lavorare e mandano in crisi tutte le industrie. L'Alfa Romeo è morta per questa ragione, perché è stata obbligata ad aprire una fabbrica; l'Alfasud, così tutta l'Alfa Romeo è andata in crisi. Quando capiranno che bisogna lavorare?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media