Cerca

Chavez

Giovane, atletico e guarito: ma lo è soltanto per la campagna elettorale

Il "Gorilla" spara le ultime cartucce in vista della sfida alle urne in Venezuela

Hugo Chavez

Hugo Chavez

di Roberto Pellegrino

Non è la prima volta che il presidente venezuelano Hugo Chávez fa parlare di sé per le sue trovate eccentriche e populiste. Ad agosto per esempio ha regalato una casa al suo tremillesimo fan di Twitter. Ora, a 58 anni, dopo aver affrontato ben due diversi interventi a Cuba per la rimozione di un tumore alla prostata, il caudillo di Caracas punta al terzo mandato presidenziale del 7 ottobre. C'è chi lo dà per spacciato e con pochi mesi di vita, ma lui se ne frega e ha lanciato una gigantesca campagna elettorale che va oltre il ridicolo, puntando dritto ai giovani.

 Il suo avversario del Centro Humanista, il 40enne avvocato Henrique Capriles, è bello, giovane e pieno di energia: Chávez - secondo i sondaggi avanti di 7 punti -  è corso maldestramente ai ripari, svecchiando la sua immagine agli occhi di tutti quei giovani che da tredici anni non conoscono altro presidente se non lui. Chávez per molti giovani rappresenta il vecchio e, quindi, deve ringiovanire, almeno nei giganteschi murales elettorali sparsi ovunque in Venezuela. Chávez appare ringiovanito nell'aspetto e in atteggiamenti completamente inediti e ridicoli. È una sorta di «fratello maggiore» che si sbizzarrisce in un'iconografia diabolica e ruffiana. C'è Chávez che monta in moto, che mostra un tatuaggio, che fa il rapper, che gioca a basket, che tira di boxe. «Chávez es otro Beta», dice lo slogan che accompagna i colorati e coloriti murales. «Chávez è attivo, Chávez porta lo stile, Chávez è mio». Ma il “Movimiento otro Beta” di certo non appartiene al presidente, né sembra schierarsi dalla sua parte. Appartiene alle periferie, terreno molto fertile per le sue promesse populiste, ma è anche il serbatoio dell'antipolitica. «Il Beta è la violenza giovanile, la mancanza del Governo», dichiara il rapper Yhoiran Rivero, senza però fare riferimento a chi si è preso uno slogan che non gli appartiene, perché dicendo «Chávez es otro Beta», si afferma che  sia «Uno della periferia». Francine Jácome, direttore dell'Instituto Venezolano de Estudios Sociales y Políticos si dice prudente. «Quanti giovani crederanno davvero che queste immagini rappresentano quello che è Chavez oggi?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • D.P.F.

    07 Settembre 2012 - 13:01

    Mi fece passare una giornata di terrore, chiuso in albergo, con gli aerei che volavano raso i tetti, le pattuglie armate e colpi di arma da fuoco dietro l'angolo. Non fu un bel vivere la prima volta che andai a Caracas, il paese latino americano con la più lunga tradizione si successivi governi eletti democraticamente. Ma si sa, i sinistri, laddove non riescono a raggiungere lo scopo, usano ogni altro mezzo anche cruento pur di far dominare la loro visione della "democrazia".

    Report

    Rispondi

  • gaudi2752

    05 Settembre 2012 - 18:06

    come si distrugge una nazione fra la più ricche al mondo di risorse naturali e causare danni irrimediabili ed infine distruggere un polo industriale creato in tanti anni? la risposta è semplice, eleggere presidente un tipo come Chavez,altri esempi. Correa Equador,Morales Bolivia ed ora la presidentessa dell'Argentina, povero sud america con questa nuova rivoluzione di primavera.

    Report

    Rispondi

  • Tasso1000

    05 Settembre 2012 - 12:12

    Almeno lui si mostra in forma e viene verso le generazioni future. È inutile criticare Chavez perché cerca di prendere consensi dopo 15 anni. Dopo tutto il bene che ha fatto in questo periodo di tempo, un uomo come lui sarebbe solo da rispettare e da rieleggere fin che non campa.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    05 Settembre 2012 - 10:10

    Talvolta in poco tempo si porta via delle persone per bene. Gli stronzi e i malvagi, invece durano di più.

    Report

    Rispondi

blog