Cerca

Gianluigi Paragone

Tra poco si vota: a casa i parolai e gli assassini

Messaggio a una politica latitante: altro che legge elettorale, i partiti abbassino la pressione fiscale

9
Gianluigi Paragone

Gianluigi Paragone

"Sono decenni che parliamo di come abbassare le tasse. Tanto che la seconda repubblica nacque con le stimmate della questione fiscale: Berlusconi si propose come il giustiziere della notte; Bossi comiziava in giro per il Nord a spiegare i miracoli del federalismo e Tremonti incantava, nonostante la sua profonda antipatia, il popolo delle partite Iva e dei capannoni sugli effetti della rivoluzione fiscale. Invece non se n’è fatto nulla, non il centrodestra e men che meno il centrosinistra di Prodi, di Padoa-Schioppa e di Visco, hanno saputo risolvere la dannata questione. La mazzata finale la sta dando questo governo di tecnici, tanto tecnico da arrivare a concepire pure una tassa sulle bollicine delle bibite con lo scopo di combattere le cattive abitudini alimentari. Insomma, ogni stagione che passa è sempre peggio. I cittadini si sentono soli, abbandonati. Ho letto la lettera del gran capo di Equitalia Attilio Befera a Libero e purtroppo mi sono rassegnato al peggio. E come me la pensano in tantissimi", spiega Gianluigi Paragone su Libero in edicola oggi. Nell'articolo, Paragone rivolge un messaggio - chiarissimo - alla politica: tra poco si voterà, e sarà meglio mandare a casa parolai e assassini. Il punto è che la politica è latitante. I partiti si affannano e si scannano sulla riforma elettorale. Bene, mettano da parte il "porcellum" e abbassino la pressione fiscale: è questa la priorità italiana.

Leggi il commento di Gianluigi Paragone su Libero in edicola oggi, venerdì 7 luglio

 

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    allianz

    08 Settembre 2012 - 03:03

    Intanto la pressione fiscale l'hanno aumentata ed ucciso delle persone.Il resto è ridotto alla fame.BASTARDI.

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    07 Settembre 2012 - 23:11

    egregio paragone è difficile dare credito a chi è passato dalla direzione della padania alla rincorsa dei signori di sinistra senza pagare pegno la verità e che bisogna mandarvi tutti a casa politici giornalisti più o meno schierati e approfittatori dirigenti pubblici e forse dalle ceneri può rinascere il nuovo

    Report

    Rispondi

  • RUGIA

    07 Settembre 2012 - 20:08

    BRAVO GIANLUIGI.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media