Cerca

Le scelte sinistre

Pd, primarie il 25 novembre col doppio turno

Rutelli lascia il centro e si allea col centrosinistra

Pd, primarie il 25 novembre col doppio turno

di Elisa Calessi

Da Reggio Emilia a Forlì, da Prato a Livorno, passando per Perugia e dintorni. Il terremoto che Matteo Renzi sta provocando nel Partito democratico si misura proprio lì, nelle regioni rosse. In Emilia Romagna, in Toscana, in Umbria, nelle zone che dovrebbero essere i baluardi di Pier Luigi Bersani, si sta registrando un piccolo, grande smottamento. Lo ha visto chi è stato alla festa nazionale di Reggio Emilia, dove c’era gente in piedi venuta ad ascoltare Renzi, contro la platea semi-vuota di molti altri incontri. Ma è stato lo stesso a Ravenna, a Forlì, a Ferrara, a Modena. O a Prato, roccaforte dalemiana, dove il sindaco di Firenze ha attirato duemila persone, «che non c’erano neanche per D’Alema», ammettono i democratici di lì. O a Livorno, dove sotto un tendone infuocato, alle sei del pomeriggio, sono accorsi in più di mille. I bersaniani minimizzano: «Piazze piene urne vuote». In realtà le platee emiliane hanno preoccupato non poco i vertici democratici. Tanto che alcuni giorni fa un autorevole dirigente del Pd confessava, in Transatlantico: «Bersani rischia di perdere proprio in casa sua». Il fatto è che Renzi, nelle regioni rosse, non solo riempie le piazze (e non sarebbe poco, visto che molti big non riescono a fare nemmeno questo). Sta ingrossando le fila di sindaci, di assessori, di consiglieri. Che vuole dire voti. E proprio lì, nel cuore del potere bersaniano. 

L’Emilia Romagna Significativo è quello che sta accadendo in Emilia Romagna, terra di Bersani e di Dario Franceschini. La campagna del rottamatore non è ancora iniziata, ma la mappa comincia a riempirsi di bandierine, nonostante tutti i vertici locali siano schierati con Bersani. Dopo Roberto Reggi, ex sindaco di Piacenza e ora capo della campagna per le primarie, e Matteo Richetti, presidente del consiglio regionale tra i primi a seguire Renzi, sta per passare con lui anche l’ex francesciniano Graziano Del Rio, presidente dell’Anci e sindaco di Reggio Emilia. Sono già nella squadra, invece, Domenico Zoffoli e Beppe Pagani, entrambi consiglieri regionali, alle ultime primarie supporter di Franceschini, due consiglieri comunali di Bologna, Benedetto Zacchiroli, che si era candidato alle primarie per il sindaco, e Francesco Errani, e il consigliere provinciale Giovanni Maria Mazzanti. In provincia di Bologna stanno con Renzi il sindaco di Castenaso, Stefano Sermenghi, e quello di Malalbergo, Massimiliano Vogli. Nel piacentino ha dalla sua uno stuolo di sindaci (quello di Travo, di Grossolengo, di Vigolzone, di Pontenure, di Rivergaro, di Vernasca, di Podenzano, di Fiorenzuola). Nel modenese molto vicino al primo cittadino di Firenze è quello del comune terremotato di Finale Emilia, Fernando Ferioli, con cui il primo cittadino di Firenze “Matteo” ha stretto un gemellaggio e lunedì andrà per firmare un protocollo. A Formigine, può contare sul’assessore Maria Costi e a Modena su due consiglieri comunali: Fabio Rossi e Stefano Rimini. A Parma su Agostino Maggi, assessore provinciale, e su Alessandra Cardinale, assessore a Borgo Val di Taro, comune del parmense. A Ferrara renziani doc sono Luigi Marattin, assessore al Bilancio, e Simone Merli, capogruppo in consiglio comunale del Pd. A Rimini stanno con lui due consiglieri comunali: Samuele Zerbini e Mattia Morolli. A Faenza il sindaco Giovanni Malpezzi, che vinse le primarie da outsider contro il candidato del partito e Manuela Rontini, consigliere comunale che fa da punto di riferimento per la Romagna. La spiegazione è proprio nel “potere” che regge, da mezzo secolo, questa regione. «È da anni», dice una renziana di lì, «che c’è un’insofferenza e una esigenza di rinnovamento, ignorata dai vertici del partito. Ora Matteo sta raccogliendo questa spinta. E siamo solo all’inizio. Quest’onda aumenterà». 

La Toscana e l’Umbria  L’alta marea renziana si è fatta sentire in Toscana, nonostante tutti i vertici del Pd, a partire da Enrico Rossi, stiano con Bersani. Con Renzi si sono schierati il sindaco di Scandicci, Simone Gheri, ex Ds, quello di Borgo San Lorenzo, Lorenzo Giovanni Bettarini, ex Margherita, il sindaco di Figline Valdarno, Riccardo Nocentini, ex Ds, il primo cittadino di Reggello, Cristano Benucci, ex Margherita, quello di Vinci, Dario Parrini, ex Ds. Alcuni sindaci in Versilia e, nel senese, quello di Monteriggioni, Bruno Valentini. Per il resto, Renzi può contare su due consiglieri regionali e, per quanto riguarda le federazioni, solo sul giovane segretario di Empoli, Brenda Barnini. Infine c’è l’Umbria, altra terra dalemian-bersaniana. Con Renzi ci sono il presidente della provincia di Perugia, Vinicio Guasticchi, e il sindaco di Umbertiade, Giampiero Giulietti. 

Dpppio turno Per questo al Nazareno si sta correndo ai ripari. L’ultima idea è di introdurre il doppio turno alle primarie. In questo modo, nel secondo round i perdenti, Nichi  Vendola e Bruno Tabacci, faranno convergere i loro voti sul segretario. Sarebbe un pacchetto del 25-30%. Abbastanza per stendere il rottamatore, schiacciato da una gara Renzi contro il resto del mondo. Sempre che non si riveli un boomerang. Secondo alcuni, infatti, il one-to-one rischia di favorire il sindaco. «Con il doppio turno», è convinto Mario Adinolfi, Matteo stravince, perché il voto si polarizza». Certo è che nelle pieghe delle regole si giocherà la prima, grande battaglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ketaon_01

    14 Settembre 2012 - 00:12

    fate come la champions prima i gironi poi i quarti la semifinale la finale con supplementari e rigori. Renzi spazza via ste merde

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    10 Settembre 2012 - 09:09

    Sono morti e non sanno di esserlo. Le cariatidi del pd stanno cercando in ogni modo di restare in vita ma, non si rendono conto che il loro tempo è trascorso.

    Report

    Rispondi

  • xxlucaxx

    09 Settembre 2012 - 14:02

    a me renzi non dispiace, ma mi chiedo lui cosa potrebbe fare con questo sistema elettorale e con un partito alle spalle che gli metterebbe nelle liste i soliti matusa? secondo me il pd aspetta le primarie per poi decidere, in base al candidato, anche il sistema elettorale!

    Report

    Rispondi

  • TommyRed

    08 Settembre 2012 - 15:03

    le primarie sono uno strumento utile per definire il leader di un partito. I rischi sono quello di avere un leader con un buon consenso tra gli iscritti e simpatizzanti, ma che sia un flop alle elezioni. Curiosa la contraddizione del Pd , che preferisce un sistema elettorale con collegi uninominali senza primarie nei collegi. I candidati vengono infatti paracadutati nei collegi dai partiti, senza che la base possa esprimere neppure un parere, con risultati sconcertanti per il processo democratico, per esempio un elettorato supino è indotto a votare "Mister X", senza chiedere se il candidato sia gradito. Con le preferenze c'è una selezione da parte dell' elettorato. Nei collegi uninominali chi designa è il principe o la casta. I partiti che si fregiano del nome Pdemocratico o PdelleLibertà di democratico e liberale(da non confondere i liberalismo dei diritti individuali e il liberismo in economia) hanno poco o niente......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog