Cerca

I verdetti

Venezia 69: Leone d'oro a Pietà di Kim Ki-duk
Marco Bellocchio a mani vuote

Al Lido vince "Pietà" del regista coreano, delusione per l'Italia: premiati solo Ciprì e Falco, snobbato il discusso "Bella addormentata"

Coppa Volpi per la migliore interpretazione a Joaquin Phoenix e Philip Seymour Hoffman tra gli uomini e all'isreliana Hadas Yaron tra le donne. Leone d'Argento e premio speciale della Giuria a Paul Thomas Anderson con "The master"
Venezia 69: Leone d'oro a Pietà di Kim Ki-duk
Marco Bellocchio a mani vuote

La 69esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia chiude i battenti e, dopo una settimana di proiezioni, tappeti rossi e pochi "scandali" o polemiche, la giuria, capitanata dal regista Michael Mann, ha emesso i suoi attesissimi verdetti: Leone d'oro va al favoritissimo Pietà del coreano Kim Ki-duk. Grande delusione per Marco Bellocchio escluso dai premi principali con il suo Bella Addormentata. Premio Speciale della Giuria è stato assegnato a The Master di Paul Thomas Anderson che si è portato a casa anche il Leone d’argento della 69^ Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia a The Master. La Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile è andata a Joaquin Phoenix e a Philip Seymour Hoffman per The Master di Paul Thomas Anderson mentre la Coppa Volpi femminile per miglior interpretazione femminile all’israeliana Hadas Yaron per Fill The Void di Rama Burshtein. Il giovane Fabrizio Falco, interprete in E’ stato il figlio di Daniele Ciprì e di Bella addormentata di Bellocchio ha ricevuto il premio Marcello Mastroianni come attore emergente. Soddisfazione per Daniele Ciprì regista di E’ stato il figlio, premiato per il miglior contributo tecnico. Il premio per la miglior sceneggiatura è andato a Oliver Assayas per Après. 

Venezia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    10 Settembre 2012 - 10:10

    Abbiamo ascoltato il solito tam tam di chiacchiere pseduo intellettuali sulla produzione cinematografica italiana, tanti hanno arruffato le penne e gonfiato il petto confidando nella propria intellighenzia e cultura (mai comprovata), ma la realtà è evidente. Noi non siamo più creativi, noi non abbiamo più nulla da dire! Nei film traspare la inconsistenza, la tristezza ed il manicheismo ben pensante di radice catto-comunista che ormai ingolfa questo paese! Se a questo cocktail aggiungete la solita, e sempre più consistente schiera, dei "figli di", il disastro è completo! De Sica insegna che il detto "tale padre tale figlio" non è applicabile all'arte, qualunque essa sia, ma in questo paese di tronisti, veline, cantanti bambini e presentatori ottuagenari non c'è lo spazio fisico per far emergere nulla di nuovo. Siamo alla canna del gas. La produzione artistica, in tutte le sue forme, è un indizio della vitalità di un paese, di un popolo e noi, mi dispiace dirlo, siamo veramente morti!

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    09 Settembre 2012 - 20:08

    la capacità di fare film centra ben poco a venezia!di italiani pessimi registi ce ne sono a iosa,però venezia è diventato il festival della stramberia cin ematigrafica!vincono strani soggetti esotici che non solo non hanno successo al botteghino,ma nemmeno nel mercato secondario dei dvd!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    09 Settembre 2012 - 07:07

    Neppure di fascia infantile. Ma poiché si credono sempre chissà cosa, non hanno pudore a presentarsi per ricevere premi e oscar. Salvo sempre prenderle sonoramente. Non hanno voglia di imparare dai migliori, perché accecati dalla loro presunzione 'non ne hanno bisogno'. E poi sono abituati a lavorare sicuri con i soldi dello Stato. Mica rischiano niente.

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    08 Settembre 2012 - 20:08

    gli oscar li vincono quasi sempre gli americani o gli inglesi,a cannes vincono i francesi,e a venezia? cinesi,vietnamiti,coreani,e quando arriveranno i marziani vinceranno anche quelli!e cosa fanno vincere poi?film che al botteghino vanno sottozero anche dalle parti loro!bellocchio?sta facendo peggio di nanni moretti!appena escono i suoi film ne parlano tutti,dopo non ne parla più nessuno!

    Report

    Rispondi

blog