Cerca

Delusione cocente

Bellocchio permaloso non digerisce la figuraccia: "Mai più al Festival"

Il regista non vuole critiche: "Giurati imbecilli"

La sconfitta a Venezia fa male. Bellocchio giura: "Questo Festival è stato l'ultimo della mia carriera"
Marco Bellocchio

“Non parteciperò mai più ad un Festival. Questo è stato l’ultimo della mia carriera”. Lo ha giurato Marco Bellocchio, dopo essere uscito a bocca asciutta dalla kermesse di Venezia e dopo le critiche al suo film “Bella addormentata”, ispirato alla storia di Eluana Englaro, in una intervista al Corriere della Sera. Ma cosa si aspettava il regista, di partecipare ad un concorso senza sottoporsi ai giudizi degli esperti?

Evidentemente Bellocchio vuole solo critiche positive. Parlare del suo film sì, basta che se ne parli bene. Dice infatti, riferendosi ai giurati. “Non ci vengano a dare lezioni su che cosa gli italiani dovrebbero raccontare al cinema". E alle accuse che il cinema nostrano sia troppo provinciale e autoreferenziale, risponde: “Mi sembra un giudizio idiota. Non vuol dire niente, di queste imbecillità ne ho piene le scatole. Da un giurato mi aspetterai altro, che faccia la fatica di spiegare le ragioni perché un film non  gli è piaciuto. Il mio dubbio è che chi dice queste cose viene da una cultura che parla inglese, poco sensibile alle sfumature”. 

venezia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    11 Settembre 2012 - 08:08

    Voglio rifare l'orto. Ma poiché è un terrone, ne dubito assai. Quello preferisce credersi bravo con la cinepresa.

    Report

    Rispondi

  • ghinos

    11 Settembre 2012 - 08:08

    Però sono anni che i giurati premiano film che poi va a finire hanno visto solo loro. C'è un leone d'oro rimasto nella memoria di qualcuno, negli ultimi anni? Perchè non si cambia registro e non si fa votare il pubblico?

    Report

    Rispondi

  • enricomv

    11 Settembre 2012 - 00:12

    Dovrebbe andare qualche giorno a Udine, Clinica La Quiete. Gli passerà tutto.

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    10 Settembre 2012 - 20:08

    il classico tipo del io io e l'asino mio tutti gli altri non sono nessuno e non capiscono niente. Questo è il comunismo signori miei. Meditate gente meditate.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog