Cerca

Pierferdinando abbandonato

Montezemolo scarica Casini:
"Fritto misto indigesto"

Italia Futura boccia i centristi: "E' il vecchio spacciato per nuovo". E l'Udc si trasforma: è l'acronimo di "Ufficio di collocamento"

La fondazione del presidente della Ferrari prende una netta posizione contro il leader dei centristi che invoca (più degli altri) un bis del governo Monti
Montezemolo e Casini

Montezemolo e Casini

 

di Enrico Paoli

Ma vuoi vedere che quelli di “Italia Futura”, confezionando attacchi al vetriolo nei confronti dell’Udc, reduce dalla sagra strapaesana di Chianciano, si son messi a copiare quelli del Futurista, appendice povera della sfortunata esperienza di “FareFuturo” di finiana osservanza? Magari proprio per fare un favore a Gianfranco Fini (del board di Italia Futura, l’associazione che fa capo a Luca Cordero di Montezemolo, fa parte anche Angelo Mellone, ex golden boy finiano, animatore di FareFuturo e piazzato in Rai dal presidente della Camera), l’unico ad aver mantenuto un canale aperto con “luchino”, bocciato dai “casinisti” di Chianciano. 

Perché l’attacco portato alla cernia scudocrociata di Pier Ferdinando Casini (parlare di balena sarebbe davvero eccessivo) non è solo una provocazione,  ma un chiaro messaggio politico. «Il fritto misto che esce dalle cucine di Chianciano», sostiene l’editoriale pubblicato sul blog  diretto da Andrea  Romano, organo ufficiale dell’associazione Italia Futura, «rischia di essere una pietanza indigesta per gli elettori e per il Paese». Una bocciatura in grande stile, che mette sotto lo stesso tetto il contenitore e i  contenuti. «I messaggi  che escono dalla convention di Chianciano, se solo si va oltre le photo opportunity di rito», sostiene l’editoriale di Italia Futura, «appaiono sommamente confusi». Insomma, una vera linea politica non c’è. Come non c’è il rinnovamento. «Da una parte l’Udc si candida a proseguire la politica del rigore e del rinnovamento inaugurata dal governo Monti», sostiene Italia Futura, «dall’altra schiera una prima fila che, sia pure con grande rispetto per le persone e le storie individuali, di nuovo ha davvero poco: Paolo Cirino Pomicino, Ciriaco De Mita, Rocco Buttiglione, Giorgio La Malfa, Giuseppe Pisanu e financo Renata Polverini». Insomma, il vecchio spacciato per nuovo non piace ai pierini del manager cresciuto all’ombra della Fiat. Soprattutto se non sono spendibili come «usato sicuro», modello Bersani.

Peccato, poi,  che i pensatori di Montezemolo sorvolino sulla discesa in campo di  Emma Marcegaglia, sui ripetuti attestati di stima nei confronti dell’Udc da parte di mezzo governo - l’altra metà non lo ha fatto solo per meri calcoli di bottega - e dalla mano tesa di Fini all’amico Casini. Probabilmente il nodo sta tutto nell’ufficio collocamento allestito dal leader dell’Udc. Per dirla con le parole dell’ex presidente della Camera «i culi sono tanti e le poltrone poche». Ovvio che Montezemolo non è uno che si accontenta di uno strapuntino,  così come ha fatto capire il ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera. Serve ben altro per accontentare le mire di chi si sente già il salvatore della Patria. 

E dall’Udc, nel frattempo, arrivano due repliche all’attacco dei montezemoliani. Una istituzionale ed è affidata a Lorenzo Cesa: «E’ il segno tangibile che abbiamo prodotto l’unica novità politica di questi mesi», sostiene il segretario del partito, «non c’è spazio per personalismi, ma solo per chi ritiene di mettersi in gioco con generosità». Casini, invece, usa le stesse armi dei pierini di Italia Futura. ««Napoli 10 settembre, io e Cesa viaggiamo con ItaloTreno... è la concorrenza bellezza», scrive il leader dell’Udc su Twitter, con tanto di foto del suo viaggio in treno verso Napoli.  E sì, la campagna elettorale è davvero partita.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eureka.mi

    11 Settembre 2012 - 21:09

    Il pesce lesso si è accorto del fritto misto.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    11 Settembre 2012 - 19:07

    Montezemolo ha detto giusto casini un fritto misto indigesto. Io invece credo che sia come quel pesce che dopo tre giorni puzza. Non l'ha mai scordato nemmeno Monti che al recente forum a Como ha ricordato che Casini voleva farlo fuori nel 2004 bocciando la riconferma a Bruxelles candidando il Bottiglione. Casini come altri da mandare a casa, ha già rubato abbastanza.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    11 Settembre 2012 - 19:07

    Finalmente qualcosa si muove e s'incomincia a capire l'ambiguità di certi individui. Fritto indigesto e aggiungerei nocivo alla salute della Repubblica. Italiani, vacciniamoci verso questa influenza politica, combattiamo questi batteri e torniamo a respirare un'aria più pulita.

    Report

    Rispondi

  • peppino961

    11 Settembre 2012 - 15:03

    Lo scemo si è svegliato, finalmente uno di loro (anche lui vuole entrare nella casta nonostante le cazzate fatte con la FIAT)si è accorto che una delle tante puttane della 1° repubblica ormai è da togliere di mezzo ! E ora di levare di mezzo tutta questa classe politica mafiosa e corrotta dalle palle ! Questa gente maledetta è riuscita a portare la nostra bellissima e produttiva nazione (guardare export mondiale, PIL e deficit prima di Montin Hood) allo sfascio ! Che aspettiamo a levarli di mezzo che ci facciano fare la fine della Grecia ? Luca Luca cerca di stare a casa tua e evita di metterti in politica, non vorrei mai che una volta eletto dessi degli ordini di scuderia tipo quelli che lo scorso campionato di F1 anno fatto perdere il campionato ad Alonso ! Il motivo è uno solo e sarebbe che questa non è la Ferrari ma una nazione che fino a poco tempo fa aveva voce in capitolo e ora invece sta dando via il culo alla germania per colpa di 4 stronzi maledetti !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog