Cerca

Faida a sinistra

Comunisti e articolo 18, Bersani rompe con Vendola

Nichi presenta il referendum insieme a Ferrero, Cobas e Di Pietro. Pier furioso: "Se vinciamo si dovrà adeguare a un altro stile". Il segretario vira al centro per inseguire Renzi

Dalla foto di Vasto a quella del Palazzaccio: a Roma la strana alleanza tra Pd e Sel rischia di andare in frantumi
Comunisti e articolo 18, Bersani rompe con Vendola

Dalla foto di Vasto a quella "del Palazzaccio", dal tris con Di Pietro e Bersani al ritratto di gruppo a Roma con Ferrero, Diliberto, Bonelli, Cobas. E Di Pietro. Una mattinata è bastata a Nichi Vendola per far scendere il gelo sul Partito democratico e far infuriare Pierluigi Bersani. Una mattinata di protesta contro la Fornero e la riforma del lavoro varata dal governo Monti, con la presentazione in Cassazione del referendum per ripristinare l'articolo 18 "originale". "C'è aria di primarie del centrosinistra, bisogna capirlo", sussurrano ambienti vicini al segretario Pd, cercando di ricucire lo strappo. Ma Bersani è furioso: "Se vinciamo, Nichi dovrà adeguarsi a un altro stile e a gestire le controversie nella maggioranza in maniera diversa".

Bersani sulla graticola - Per ora il progetto di alleanza prosegue, anche se verranno tempi difficili: a in autunno si voterà per stabilire il candidato premier del centrosinistra, Pierluigi è il favoritissimo ma parte in posizione psicologicamente difficile. Vincerà, ma dovrà non rompere né con Vendola né soprattutto con Matteo Renzi, che rappresenta l'ala moderata dei democratici e sta conquistando sempre più i favori non tanto degli elettori storici quanto di quelli occasionali, gli indecisi. E con un Pd in leggera caduta nei sondaggi, Bersani sa bene che la partita si gioca su quei voti "apolitici", non tanto alle primarie quanto alle urne nel 2013. Per questo motivo il segretario si sta sforzando di tenere una linea moderata e "di garanzia".

Primarie decisive - Non vuole rompere con la linea montiana più per coprirsi le spalle e non alienarsi le simpatie di chi conta (opinione pubblica europea, finanza) che per reale convinzione. La campagna elettorale concede qualche sbandamento (quel "No al governo delle banche" gridato al comizio finale della Festa democratica, domenica, suonava molto vendoliano) ma in generale vince la continuità. L'esempio viene proprio dal commento di molti papaveri democratici all'iniziativa di Nichi e della sinistra radicale di ieri, sull'articolo 18: "Così si mette a rischio l'alleanza", hanno tuonato in tanti, mentre Rosy Bindi ha già annunciato: "Proporre ora un referendum sull'articolo 18 è un grave errore, io non lo firmerò". Si tratta di capire chi avrà più forza tra la Bindi, Boccia, Letta e i nostalgici della sinistra dura e pura: appuntamento alle primarie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 654321

    12 Settembre 2012 - 18:06

    Si legge che non sei un compagnone! Non sei per nulla progressista contemporaneo, ma loro dovevano essere una coppia di fatto! Comunque non illuderti, presto si daranno tanti bacini, faranno pace, si sposeranno e partoriranno tanti piccoli coglioncini

    Report

    Rispondi

  • sorpasso

    12 Settembre 2012 - 18:06

    Mi risuta che un mese fa Bersanov faceva lingua in bocca con Vendolanov...il giochino si è già rotto? A casa tutti.

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    12 Settembre 2012 - 12:12

    questo punto pur di stare attaccato alla poltrona, credo che BERSANOV si alleerebbe persino con BERLUSCONI, che pena che mi fa.

    Report

    Rispondi

  • 654321

    12 Settembre 2012 - 11:11

    Cucu' partito di plastica...si sta' sgretolando...cucu'

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog