Cerca

Vietato protestare

Il governo vuole abolire per legge
la disperazione dei disoccupati

Dopo le manifestazioni dei lavoratori sardi, il ministro Cancellieri pensa di limitare il diritto di sfilare a Roma

Il governo vuole abolire per legge
la disperazione dei disoccupati

 

Dobbiamo sopportare non solo un governo tecnico genuflesso ai maghi della speculazione ma non possiamo nemmeno protestare visto che il ministro dell’Interno Cancellieri vuole limitare i cortei a Roma per arginare le manifestazioni. Secondo Gianluigi Paragone, che stasera riparte con L'Ultima Parola alle 23,25 su Raidue, il ministro vieta le contestazioni perché non sa come tenere a bada la rabbia scatenata dalle profonde ingiustizie sociali che la crisi sta facendo esplodere. Così facendo, però esploderà la rabbia della gente. 

Leggi l'articolo integrale di Gianluigi Paragone su Libero in edicola oggi, venerdì 14 settembre

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liberopensiero77

    17 Settembre 2012 - 10:10

    Io ti farei Ministro dell'interno al posto della Cancellieri, così ci ritroveremmo con le città in mano ai manifestanti che si azzuffano con la polizia ... Evidentemente non capisci che quando si autorizzano manifestazioni al centro di una grande città come Roma (purtroppo ce ne sono almeno 2 o 3 alla settimana) le strade vengono chiuse, le auto non circolano, gli autobus vengono deviati e questa paralisi la subiscono tutti i cittadini, compresi i "lumbard" che vengono a Roma per affari e si lamentano delle inefficienze della capitale ... Tutto ciò si assomma spesso a scioperi, numerosi cortei di turisti, ecc. Poi i manifestanti non devono essere messi in condizioni di esaltarsi vicino ai "Palazzi" e di scontrarsi con la polizia. La soluzione migliore, fermorestando il diritto di manifestare, è di mandarli in zone periferiche, dove c'è più spazio e non possono fare danni. Le trattative poi spettano ai capi che si incontrano col governo: la politica non si fa nelle piazze ..

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    16 Settembre 2012 - 13:01

    non è una donna intelligente , basta sentirla parlare , forse ha pesanti problemi fin da bambina . ora sfilare in roma educatamente , senza spaccare vetrine , incendiare auto pagate sempre a rate e con grandi sacrifici , le sfilkate si possono fare . le costava tanto mettere in oto il poco cervello che penso abbia , e dire " signori , mi spiace , ma se vedo il più piccolo incendio , o solo il rovesciamento di un cassonetto , darò ordine di caricare e vi sbatto in galera entro due secondi " questo è un ministro con le palle , tutto il resto è m....a , cara cancellieri i nostri marò sono ancora in india ? siete proprio dei gran vigliacchi

    Report

    Rispondi

  • Liberopensatore1950

    15 Settembre 2012 - 11:11

    Com'è noto, noi comprammo il Marco travestito da Euro, dimezzando il nostro potere d'acquisto. Gli stipendi in Germania, di un operaio medio, sono di € 2.600,00 contro € 1.400,00 di quello Italiano. Dunque, non stiamo achiederci per quale ragione l'economia reale stia sprofondando. detto questo, siccome l'intero mondo politico non poteva che dire sì all'adozione per via del ricatto incrociato; a mio modesto avviso, le OO.SS. che rivednicano oggi la coservazione del posto di lavoro, giustamente, avrebbero dovuto darsi una svegliata e con il pallottoliere dello Zio di Bonanni farsi due conti e vedere che l'intera categoria dei lavoratori (vermanete di tutti), avrebbero dovuto rivendicare, ante adozione, l'allineamento dei salari, in caso contrario, "avendo le palle", altro che cortei....!!! Sono collusi con la scelta di polverizzare l'economia delle Famiglie pur di non peredere la rendita di posizione. Sono finti anche loro come tutti, anzi, sono affetti dalla comune doppiezza.

    Report

    Rispondi

  • Liberopensatore1950

    15 Settembre 2012 - 10:10

    Per motivi di lavoro, seguivo i cortei degli anni '70, indetti nelle grandi aziende. Accadeva che, alla partenza, erano tutti incazzati neri ed usavano i bidoni come tamburi; per il caos creato ed il disagio a chi lavorava o stava andando a lavorare, ci si sarebbe aspettato un atteggiamento simile sino a quando avrebbero ottenuto ciò che volevano. Bene, salita la Delegazione in Prefettura, all'uscita dall'incontro, i delegati dicevano d'aver strappato 50 Lire l'ora. Tutti felici e contenti per l'elemosina se ne andavano all'osteria. Allora vien da pensare, ma tutto il casino fatto, il disagio, i costi per i mezzi pubblici le Forze dell'Ordine, in cambio di un sorriso ed un poco di carità? A mio modesto avviso, quella carità, avrebbero potuto chiederla le OO.SS. senza avere le spalle coperte da centinaia di lavoratori che ci rimettevano denaro. Facile fare il Generale se hai il numero di persone adeguato, diverso è combattere da soli ed esporsi. Le OO.SS., per 50 persone, non si muovono

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog