Cerca

Battisti: "Ho paura dell'Italia

Piuttosto mi uccido"

Battisti: "Ho paura dell'Italia
«Non andrò in Italia, non arriverò vivo in Italia, ho troppa paura. Ci sono cose che si possono ancora scegliere, come il momento della propria morte»: lo ha detto Cesare Battisti, l'ex terrorista rosso fuoruscito prima in Francia, poi in Brasile, dove è attualmente in carcere in attesa di sentenza sulla propria estradizione.Battisti è stato intervistato dalla tv franco-tedesca Arte.
«Non penso che lascerò scegliere la mia morte agli altri, all'ingiustizia del governo italiano», ha quindi aggiunto Battisti, intervistato nella sua cella di Papuda, vicino a Brasilia. L'ex terrorista confessa di vivere molto male la reclusione e ribadisce la sua innocenza: «Dopo 30 anni mi mettono in prigione per crimini che non ho mai commesso. Non ho mai ucciso, ma ho fatto parte di un'organizzazione armata, ho fatto delle rapine, ero un militante qualunque e mi hanno fatto diventare un mostro, un assassino». L'intervista sarà trasmessa sulla rete franco-tedesca sabato prossimo alle 19.
Battisti è stato condannato all'ergastolo in contumacia per 4 omicidi commessi in Italia alla fine degli anni Settanta nel periodo in cui era a capo dei Proletari Armati per il Comunismo. Lo status di rifiugiato politico in Brasile di Battisti è sempre stato contestato dall'Italia, che chiede alla Corte Suprema di Brasilia di annullare questa decisione. Proprio stamani il legale di Battisti, Luis Roberto Barroso, ha detto di "non credere che il Brasile concederà l'estradizione perché per Brasilia i reati commessi da Battisti sono politici e non terroristici".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sebastianoneri

    15 Maggio 2009 - 15:03

    Tutti sappiamo che non hai il coraggio di ucciderti,a cosa servirebbe? daresti una grande soddisfazione a tutti, aspetta.. fatti estradare, vedrai, quando la gente saprà che ti hanno rinchiuso e gettato via la chiave, come sarà inviperita che ti deve mantenere vivo, fino alla morte, pensaci.. potrai leggere, scrivere,fare quello che vuoi, ma sempre all'interno di pochi metri quadrati, senza tv,sport, lavori vari, permessi, magari in isolamento per 10 anni, sai, aiuta nella meditazione, perchè quelli come te devono meditatare sperando di rinascere, anzi, ti confesso, sarei veramente felice, se anche il tuo legale difensore ti facesse compagnia, in due passa meglio il tempo...

    Report

    Rispondi

  • luigigiggi1962

    15 Maggio 2009 - 08:08

    Fallo no che stai aspettando, tu sei un criminale e un bastardo la morte sarebbe troppo bella come la pensi tu. ti farei morire come dico io.( sepolto fino alla testa e con due chili di zucchero sul tu capoccia e con lo formiche che ti spolpano. Questo Meriti tu e i tuoi compagni.Luigi

    Report

    Rispondi

  • lampino53

    15 Maggio 2009 - 08:08

    prima di ucciderti devi dire i politici italiani che ti hanno aiutato a fuggire, a mio avviso il caso battisti non è che un altro caso moranino detto gemisto,e molti altri criminali aiutati dai loro kompagni a fuggire

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    14 Maggio 2009 - 18:06

    ... ucciditi, ma non potevi pensarci 30 anni fa quando hai ammazzato 4 persone?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog