Cerca

Apocalisse a taranto

Taranto, fulmine e tromba d'aria sull'Ilva: disperso un operai, molti feriti

Taranto, fulmine e tromba d'aria sull'Ilva: disperso un operai, molti feriti
L’Ilva ancora nella bufera: alla chiusura dello stabilimento si è aggiunto il maltempo. Una tromba d’aria e un fulmine sullo stabilimento hanno causato dei crolli e un dipendente, che era alla guida di una gru caduta in mare, risulta disperso. Nella tarda mattinata è stata ritrovata la gru, in mare,  nei pressi del quarto sporgente del porto industriale. Era sotto venti metri, piena di fango. Dallo stabilimento si è levata un'enorme nube nera e delle fiamme altissime. Il bilancio, per ora, è di un operaio dell'Ilva disperso e di 24 feriti. Quattro operai dell'Ilva sono stati condotti nell'ospedale Santissima Annunziata di taranto per cure ed accertamenti; altri 20 operai sono stati medicati nell'infermeria dell'impianto siderurgico. La disgrazia è avvenuta poco dopo le 10 di mercoledì mattina: diversi i reparti evacuati. Ingenti i danni, mentre manca l'energia elettrica. La direzione ha disposto l'evacauzione dello stabilimento, mentre sul posto sono arrivate diverse ambulanze, mezzi dei vigili del fuoco, carabinieri e polizia.

La protesta - L'azienda fa i conti dei danni mentre gli operai chiedono la riapertura dello stabilimento. Obiettivo condiviso da sindacati e istituzioni: il governo sta predisponendo un provvedimento per rendere possibili gli interventi di risanamento previsti dall’Autorizzazione integrata ambientale. Il ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha assicurato che il provvedimento (la forma giuridica è ancora allo studio) sarà efficace e subito operativo, anche perchè - ha spiegato in un’informativa alla Camera dei Deputati - bloccare la produzione ha conseguenze ambientali, oltre che sociali ed economiche. Clini ha puntato il dito su "operazioni intimidatorie" che hanno l'obiettivo di far chiudere gli impianti; non si può far finta di non sapere - ha fatto notare - che esiste una concorrenza a cui la fine dell’Ilva farebbe molto comodo. Ma Clini ha anche sottolineato gli effetti sociali dell’interruzione dell’attività, che è da irresponsabili sottovalutare. E proprio sulle conseguenze di una chiusura hanno parlato i leader sindacali: "una catastrofe" ha detto il leader della Uil Luigi Angeletti, "uno scenario che non è nemmeno possibile immaginare", ha affermato il segretario generale della Cgil Susanna Camusso. Intanto, gli operai dell’Ilva di Genova sono tornati in piazza; a Taranto, dopo lo sciopero di 24 ore di ieri, ci si prepara al vertice di domani per organizzare un presidio di lavoratori fuori Palazzo Chigi. 

Danni allo stabilimento  La tromba d'aria ha scoperchiato numerosi capannoni di diversi reparti del siderurgico, e un incendio (poi smentito dall'azienda) si è verificato nella zona dell'area a caldo. Crollate per il forte vento anche numerose gru nell'area portuale in uso all'Ilva, mentre gli impianti dell'area a caldo sono andati in blocco e i tecnici stanno mettendo in sicurezza, in particolare, il reparto ossigeno per scongiurare il rischio di esplosioni. Intanto tutti i lavoratori hanno abbandonato l'area dello stabilimento a bordo delle loro vetture, e la viabilità in direzione del capoluogo risultava particolarmente difficoltosa (sono stati segnalati diversi incidenti d'auto). 

La nota dell'Ilva - Ecco la nota con cui l'Ilva ha dato notizia del disastro: "Alle 10 e 30 circa tromba d'aria dal mare che è passata prima ai moli e poi sull'intero stabilimento Ilva. Crollati un Capannone all'imbarco prodotti e la torre faro, crollato il Camino delle batterie uno e tre. Si conferma che un dipendente, che era alla guida di una gru caduta in mare, risulta disperso. Al lavoro i sommozzatori di Bari. Tutte le emissioni dell'azienda sono sotto controllo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rexrixray

    29 Novembre 2012 - 17:05

    Solo il motto dei massoni "Ordo Ab Chaos" dovrebbe farvi sobbalzare! Siamo governati da loro, i media sono loro, non parlano quasi mai contro, e se lo fanno è per generare quel "caos" che serve ai massoni per stabilire il loro "ordine". L'avete fatto 2+2? Spero di si. Ora state attenti davvero a chi voterete e che vita desiderate, se da schiavi o da persone ancora Libere( rivolto anche alla testata, Libero o schiavo? Parlate di ciò che ho scritto!)

    Report

    Rispondi

  • hilander

    29 Novembre 2012 - 15:03

    dispiace molto vedere una grande azienda con migliaia di operai che rischiano di perdere il proprio posto di lavoro. Ora le anomalie vengono tutte a galla,tali anomalie venivano parcheggiate sotto il tappeto con la complicità di tutti,diciamolo, l'azienda ILVA è come l'Italia un grande caos

    Report

    Rispondi

  • rexrixray

    29 Novembre 2012 - 02:02

    Andate a vedere cosa sono le scie chimiche e Haarp. Poi, chiarito il quadro, vi spiegate la "casualita" di un tornado sull'ILVA. Quando però in buon Dio deciderà di fermare sti pazzi, allora le loro "magie" atmosferiche sembreranno davvero fuffa. Non c'è nulla di casuale in tutto ciò. Riflettete gente.

    Report

    Rispondi

  • Liberopensatore1950

    28 Novembre 2012 - 19:07

    Questo fulmine era strabico oppure aveva la convergenza da fare: l'obiettivo sarebbe dovut essere un altro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog