Cerca

Fiat Italia, Scajola promette:

"Le fabbriche restano aperte"

Fiat Italia, Scajola promette:
"È inderogabile il mantenimento dei 5 stabilimenti della Fiat in Italia". Il ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola non lascia spazio a fraintendimenti o ad azioni diverse. Anche se un dubbio rimane: in Italia gli stabilimenti Fiat sono sei (Mirafiori, Cassino, Termini Imerese, Termoli, Melfi e Pomigliano d'Arco). Lapsus del ministro o una scelta che avrà ripercussioni sui lavoratori della casa automobilistica torinese?
Intanto Scajola ha annunciato che a breve ci sarà un tavolo sul settore auto che si occuperà in particolare dei flussi di pagamento dal settore primario alla componentistica e indotto. Il ministro ha spiegato poi che nel primo quadrimestre 2009 i finanziamenti alle piccole e medie imprese assicurati dal fondo garanzia sono stati pari a 1,4 miliardi di euro, con un incremento del 70% rispetto a un anno prima. E ha precisato che con le nuove regole definite dal governo, la crescita dell'utilizzo del fondo di garanzia è stata del 43% . In aprile, ha precisato, con l'entrata in vigore delle nuove regole, 4.500 imprese ne hanno usufruito, 60% delle quali al centro sud. Elaborando una proiezione sui 12 mesi dell'anno, secondo Scajola, i finanziamenti ammonteranno a 8 miliardi di euro, con una aumento del 300% sul 2008. Oggi - ha concluso il ministro - saranno trasferii 200 milioni di euro nella dotazione del fondo di garanzia.

Fiat-Opel, spunta un terzo - L'indiscrezione è stata svelata dalla Bild, quotidiano tedesco che in questi giorni di intense trattative non si lascia sfuggire nemmeno un dettaglio della complicata trattativa fra Fiat e Opel per l'acquisizione del marchio tedesco da parte del Lingotto. Secondo il giornale il governo di Berlino il governo sarebbe in attesa di tre offerte per la casa automobilistica in crisi. Fino ad ora, oltre a quella della Fiat (molto avanti nella negoziazione), si era interessato ad Opel il gruppo austro-canadese Magna. La nuova offerta sarebbe del fondo Usa di private equity Ripplewood.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brianzolo

    22 Maggio 2009 - 08:08

    ....qui in Brianza è ZERO, dopo la vicenda, purtroppo appena iniziata, delle possibili trivellazioni nel Parco Regionale di Montevecchia. Si dirà, "questioncine locali" oppure "i soliti ambientalisti", ma non è così, cari miei. Il ministro ha messo in bocca al candidato del pdl alla provincia di Lecco e addirittura, alla neoministra Michela V.Brambilla, messaggi rassicuranti da trasmettere ai "laboriosi brianzoli". Assicurazioni rivelatesi false, visto che una nuova legge, da Scajola stesso propugnata, sta per buggerarci ! Il tutto senza farsi problemi di bruciare un candidato e di far passare la neoministra, alla prima uscita, per "superficiale" (uso un eufemismo). Si può controllare il tutto sui siti riferiti all'argomento, che riportano anche le documentazioni parlamentari. Quindi se tanto mi dà tanto, peserei bene il "lapsus", sui 5 o 6 impianti della FIAT.

    Report

    Rispondi

  • enricosecondo

    19 Maggio 2009 - 20:08

    Pongo una semplice domanda: nel mondo c'è una capacità produttiva di 90 milioni di auto per un mercato che ne può assorbire 60 milioni. Opel non chiude nessun stabilimento, la Fiat neppure e cos' Peugeot, Citroen ecc. chi resterà con il cerino in mano? Hai voglia a dire nessuno ci rimetterà, mi sembra la quadratura del cerchio, si prodece troppo per una domanda in discesa, ma si sa i miracoli sono possibili.

    Report

    Rispondi

blog