Cerca

Dopo l'incidente

Stop alla terapia intensiva, Fiorello sta bene

Stop alla terapia intensiva, Fiorello sta bene

Dopo l'incidente di ieri sera, nel quale ha investito un anziano nella zona della Camilluccia, a Roma, Rosario Fiorello è uscito oggi dalla terapia intensiva. Lo showman non verrà ancora dimesso dal policlinico Gemelli dove è ricoverato e dove parenti e amici stanno andando a trovarlo. Tra loro anche Marco Baldini, amico e collega del comico, che ha dichiarato: "Fiorello è lucidissimo, non ha mai perso conoscenza, anche se non ricorda il momento in cui la persona investita è sbucata davanti a lui. Adesso è quello di sempre, scherza con tutti, fa battute. Mi ha detto ‘mi sa che oggi alle prove non ci vediamo'".

La figlia dell'investito: mio padre era sulle strisce
Guarda l'intervista su LiberoTV

Intanto l'uomo che è stato investito si trova ancora in ospedale e ha riportato fratture a tibia, perone, bacino e spalla. Sua figlia, Laura Bertolozzi, ha dichiarato alla stampa: "Mio padre stava attraversando sulle strisce pedonali quando è stato investito da Fiorello. Mi ha detto che le auto si erano fermate mentre lo scooter ha sorpassato le vetture sulla destra e lo ha centrato. Rosario, arrivando in ospedale, è stato gentile e ha chiesto come stava la persona che aveva investito. Ora papà dovrà essere operato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • littlefrancisco

    05 Marzo 2014 - 07:07

    Investire un anziano sulle strisce pedonali; come mai una infrazione così grave proprio da te ,Fiore che pure puoi considerarti fra i meglio conservati da un punto di vista cerebrale. Oppure vorresti dimostrare che la anestesia collettiva che affligge il mondo ,qualche piccolo segnale di rincoglionimento l'ha pradotto anche a te?

    Report

    Rispondi

  • 51200

    04 Marzo 2014 - 21:09

    Ma va bene che uno si chiama Fiorello (?), ma di quel poveretto investito che si dice? Che ITALIA di venduti. Speriamo che i nostri figli capiscano . . . .

    Report

    Rispondi

  • osicran2

    04 Marzo 2014 - 17:05

    Incidente Fiorello... La dinamica racconta di una grave imprudenza di Fiorello che, probabilmente, non indossava il casco! Giornali e TV raccontano spesso di questi casi di cronaca, ma non dicono mai che: Le strisce pedonali non sono una continuazione del marciapiede né della strada, per cui i veicoli devono rallentare e, se del caso, fermarsi; i pedoni devono fermarsi, guardare a destra ed a sinistra, per accertarsi che non sopravvengano veicoli, segnalare (consigliato) l'intenzione di attraversare, fare ciò con speditezza e non in diagonale.

    Report

    Rispondi

  • LENABOGOSSIAN

    04 Marzo 2014 - 17:05

    Il non ricordare fa parte del meccanismo assicurativo e la terapia intensiva gli è spettata solo perché si chiama Rosario Fiorello, Si fosse chiamato Aurelio Cenci, tre punti, un cerotto e a casa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog